Che bam­bo­la!

Vanity Fair (Italy) - - Eureka - Tut­ti la ama­no an­che Karl La­ger­feld tut­ti la vo­glio­no (an­che i bam­bi­ni). Per­ché gio­can­do con Bar­bie si co­strui­sco­no sto­rie e ognu­no im­ma­gi­na il ina­le che vuo­le. Per non par­la­re del suo guar­da­ro­ba, che pre­sto si ar­ric­chi­rà di look grif­fa­ti di Cri­sti­na Manf

ui è il pre­si­den­te di un co­los­so che fat­tu­ra mi­lio­ni di dol­la­ri all’an­no, ma quan­do lo in­con­tri, si

ni­sce sem­pre per par­la­re di lei. Lui è Ri­chard Dick­son, pre­si­den­te e chief ope­ra­ting o cer di Mat­tel, lei è Bar­bie, 33 cm di pla­sti­ca e ve­sti­ti­ni che han­no con­qui­sta­to il mon­do. Ovun­que va­da Dick­son, ba­sta che la gen­te sco­pra il suo la­vo­ro, per sca­te­na­re una ra ca di do­man­de al­le qua­li lui ri­spon­de con un mi­sto di pa­zien­za e or­go­glio: co­me sta Bar­ba­ra Mil­li­cent Ro­gers? È ve­ro che è tor­na­ta con Ken, do­po la rot­tu­ra del 2004? Qua­li sa­ran­no le ten­den­ze del suo pros­si­mo guar­da­ro­ba? La si­gno­ri­na, bel­la co­me il gior­no del suo de­but­to nel 1959, è in gran for­ma, an­zi ha cam­bia­to le for­me, con le nuo­ve ver­sio­ni cur­vy, tall e pe­ti­te. Ha ir­ta­to un po’ con il sur sta Blai­ne, ma poi ha ca­pi­to che il suo cuo­re bat­te­va an­co­ra per Ken e a set­tem­bre si pre­pa­ra a sfog­gia­re look gri atis­si­mi e per ora top se­cret. L’ave­va­no ac­cu­sa­ta di es­se­re una bel­lis­si­ma sen­za cer­vel­lo, una che crea­va idea­li di per­fe­zio­ne ir­rag­giun­gi­bi­le nel­la te­sta del­le ra­gaz­zi­ne, ep­pu­re Bar­bie ha su­pe­ra­to an­che que­sta tem­pe­sta, ri­con­qui­stan­do la du­cia di ge­ni­to­ri che han­no ri­co­no­sciu­to in lei mol­to più di una bam­bo­la. In un’epo­ca di vi­deo­ga­me, ta­blet e smart­pho­ne, per­ché sia­mo an­co­ra in­na­mo­ra­ti di Bar­bie? «Per­ché non è so­lo un gio­cat­to­lo. Da­gli an­ni ’60 a og­gi non è cam­bia­to mol­to il mo­do in cui i bam­bi­ni si re­la­zio­na­no a lei: ora co­me al­lo­ra, si as­si­ste so­prat­tut­to a un gran cam­bio di abi­ti, il di­ver­ti­men­to sta tut­to nel­le lo­ro te­ste. Bar­bie ha re­si­sti­to nel tem­po per­ché è un gio­co di im­ma­gi­na­zio­ne che ha un na­le sem­pre aper­to. Sta ai bam­bi­ni de­ci­de­re la sua sto­ria. E, nel far­lo, de­li­nea­no spes­so an­che del­le ipo­te­si per la lo­ro». In che sen­so? «Mi ca­pi­ta spes­so di in­con­tra­re per­so­ne che mi spie­ga­no co­me, gra­zie all’uni­ver­so di Bar­bie, han­no mes­so a fuo­co il pro­prio mo­do di in­ten­de­re la vi­ta. Non pen­so so­lo a uno sti­li­sta co­me Karl La­ger­feld, che ha più vol­te di­chia­ra­to il suo amo­re per lei. In ge­ne­ra­le, la for­za di Bar­bie sta nel­la scin­til­la in­te­rio­re che ac­cen­de in ni­te pos­si­bi­li­tà di ruo­lo. In pas­sa­to, ha con­tri­bui­to a ren­de­re le bam­bi­ne con­sa­pe­vo­li che po­te­va­no es­se­re qua­lun­que co­sa. Og­gi, in un’area co­me l’Ara­bia Sau­di­ta (do­ve Bar­bie era sta­ta ban­di­ta nel 2003, ndr) è an­co­ra uno stru­men­to fan­ta­sti­co di em­po­wer­ment fem­mi­ni­le. Ho vi­si­ta­to da po­co il no­stro sto­re ed è sta­to emo­zio­nan­te: don­ne co­per­te da ca­po a pie­di com­pra­va­no gli stes­si mo­del­li di Bar­bie pre­sen­ti in tut­to il mon­do. Sem­bra una pic­co­lez­za, in­ve­ce è un se­gna­le for­te». Co­me can­cel­la­re l’idea che sia una fac­cen­da so­lo per fem­mi­ne? «So­no in tan­ti i bam­bi­ni che gio­ca­no con Bar­bie e non c’è nien­te di stra­no per­ché an­che per lo­ro con­ta so­prat­tut­to il rac­con­to che le co­strui­sco­no in­tor­no». È ve­ro che i gran­di fan­no paz­zie per Bar­bie? «Per i col­le­zio­ni­sti è ar­te, so­no di­spo­sti a spen­de­re per con­qui­sta­re un mo­del­lo spe­cia­le. La co­sa più bu a è quel­la che io chia­mo la Bar­bie Con­fes­sion: per­so­ne di tut­te le età mi sve­la­no i lo­ro se­gre­ti su Bar­bie. Mi rac­con­ta­no ma­ga­ri che le ta­glia­va­no i ca­pel­li per con­vin­ce­re un fra­tel­lo a gio­ca­re con lo­ro e so­no con­vin­te di ri­ve­la­re un det­ta­glio inu­sua­le. La ve­ri­tà è che gli aned­do­ti so­no qua­si sem­pre gli stes­si, ma io li ascol­to tut­ti co­me se fos­se la pri­ma vol­ta, per­ché è

que­sta la ve­ra ma­gia di Bar­bie».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.