RI­SCHIO ZE­RO

QUELL’IL­LU­SIO­NE CHE SI CHIA­MA

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Ri­spet­to ai ter­re­mo­ti ita­lia­ni dei qua­li ab­bia­mo me­mo­ria me­dia­ti­ca – dal Be­li­ce a og­gi, di­rei – mol­te co­se so­no mi­glio­ra­te. I soc­cor­si, le cu­re sa­ni­ta­rie, la pro­te­zio­ne ci­vi­le (isti­tui­ta nell’82, per­fe­zio­na­ta nel ’92), la qua­li­tà e la tem­pe­sti­vi­tà del­le co­mu­ni­ca­zio­ni; e per­si­no la politica, chec­ché se ne di­ca, è mi­glio­ra­ta. Una so­la co­sa non è mi­glio­ra­ta, ed è lo sbi­got­ti­men­to con il qua­le pren­dia­mo at­to – co­me se fos­se sem­pre la pri­ma vol­ta, e co­me se fos­se un tra­di­men­to ina­spet­ta­to – che la na­tu­ra può es­se­re di­strut­ti­va. Può at­ter­rar­ci co­me bi­ril­li, af­fo­gar­ci co­me pul­ci­ni, sbal­zar­ci dal­la fac­cia del­la ter­ra co­me se la no­stra vi­ta fos­se una va­ria­bi­le po­co si­gni­fi­ca­ti­va dei gran­di ci­cli na­tu­ra­li, geo­lo­gi­ci, cli­ma­ti­ci. Pos­sia­mo mo­ri­re di ter­re­mo­to, di tsu­na­mi, di al­lu­vio­ne, di fra­na, di va­lan­ga, di tem­pe­sta, in­chio­da­ti dal­la fol­go­re, as­sa­li­ti da­gli squa­li, pun­ti da un in­set­to, mor­si­ca­ti da un ser­pen­te, sof­fo­ca­ti da un in­cen­dio bo­schi­vo che cor­re al­la ve­lo­ci­tà di un cavallo, as­si­de­ra­ti dal ge­lo che ci sor­pren­de al­lo sco­per­to.

Ci pia­ce im­ma­gi­na­re che sia so­lo col­pa no­stra: del­la no­stra im­pre­vi­den­za, del­le ca­se co­strui­te ma­le e nei po­sti sba­glia­ti, del­la pre­ven­zio­ne sca­den­te. Per­ché se fos­se «so­lo col­pa no­stra», vor­reb­be di­re che la si­cu­rez­za as­so­lu­ta è un obiet­ti­vo rea­li­sti­co: di­pen­de da noi, e ba­sta. Ma non è com­ple­ta­men­te ve­ro. Esi­ste un mar­gi­ne di in­si­cu­rez­za che non è eli­mi­na­bi­le per sem­pre, e non è im­pu­ta­bi­le so­la­men­te al­la in­cau­te­la uma­na. «Ri­schio ze­ro» non esi­ste. Buo­na par­te del­le vit­ti­me di in­ci­den­ti di mon­ta­gna è co­sti­tui­ta da sprov­ve­du­ti o da im­pru­den­ti, ma in mon­ta­gna muo­io­no an­che va­len­ti gui­de al­pi­ne. Non tut­to è pre­ven­ti­va­bi­le, non tut­to evi­ta­bi­le, non tut­to do­ma­bi­le dall’uo­mo. Nel 1996 in Gar­fa­gna­na un tor­ren­te di mon­ta­gna, do­po un tre­men­do tem­po­ra­le, pre­se le di­men­sio­ni di un mo­stro e di­strus­se il pae­se di For­no­vo­la­sco, fa­cen­do pa­rec­chie vit­ti­me. Scris­si sul mio gior­na­le che la col­pa era si­cu­ra­men­te de­gli ar­gi­ni trop­po esi­li e dei cri­na­li la­scia­ti all’in­cu­ria. Ma era una scioc­chez­za, un pi­gro luo­go co­mu­ne. Gli am­mi­ni­stra­to­ri lo­ca­li (che an­co­ra rin­gra­zio) mi in­vi­ta­ro­no sul po­sto: gli ar­gi­ni era­no gli stes­si che per se­co­li ave­va­no pro­tet­to il pae­se, i bo­schi dei cri­na­li era­no ben te­nu­ti, il ter­ri­to­rio me­glio cu­ra­to che in mol­te al­tre val­la­te. Ba­nal­men­te, e atro­ce­men­te, era ca­du­ta in un’ora tan­ta ac­qua quan­ta non ne ca­de­va, in tem­pi co­sì con­cen­tra­ti, da se­co­li. Du­ran­te que­gli stes­si se­co­li il pae­se si era sen­ti­to pro­tet­to e im­mu­ne; ma i se­co­li, che a noi pa­io­no ba­stio­ni mo­nu­men­ta­li, so­no, per il pia­ne­ta Ter­ra, so­lo bri­cio­le di tem­po.

Edun­que? Dun­que bi­so­gna rin­for­za­re gli ar­gi­ni, co­strui­re ca­se an­ti­si­smi­che, pu­li­re i bo­schi per pre­ve­ni­re gli in­cen­di, non abi­ta­re sot­to le fra­ne e le va­lan­ghe, la­vo­ra­re di più e spen­de­re di più per la no­stra si­cu­rez­za. Ma, per far­lo me­glio, bi­so­gne­reb­be an­che cam­bia­re cul­tu­ra. Ave­re con­tez­za del­la na­tu­ra si­gni­fi­ca an­che ave­re con­tez­za del­la mor­te. L’idea me­len­sa del­la na­tu­ra «buo­na», fat­ta di pae­sag­gi idil­lia­ci e di ani­ma­let­ti ca­ri­ni, è mol­to più pe­ri­co­lo­sa del­la na­tu­ra stes­sa. La na­tu­ra dà mol­tis­si­mo e pre­ten­de al­tret­tan­to. Sia­mo noi a equi­vo­ca­re, quan­do di­men­ti­chia­mo la no­stra di­pen­den­za dal si­ste­ma-na­tu­ra e ci il­lu­dia­mo, per esem­pio, che il si­ste­ma-tec­no­lo­gia pos­sa rim­piaz­zar­lo in to­to, e far­ci vi­ve­re in un eter­no ar­ti­fi­cio che ci sot­trae al do­lo­re. La pre­sun­zio­ne di eter­na sa­lu­te, si­cu­rez­za, gio­vi­nez­za, be­nes­se­re ti­pi­ca dei no­stri tem­pi non è una buo­na con­si­glie­ra: vi­ve­re non è «un di­rit­to», è una con­qui­sta e una for­tu­na. Il ter­re­mo­to è, per noi ita­lia­ni, un com­pa­gno di viag­gio. Per im­pa­ra­re a vi­ve­re con lui, e a so­prav­vi­ver­gli, dob­bia­mo im­pa­ra­re a con­vi­ve­re con l’im­per­fe­zio­ne, il ri­schio, la pre­ca­rie­tà. Al­tri­men­ti ri­schia­mo di ave­re, ri­spet­to ai no­stri avi, più tec­no­lo­gia, più mez­zi e me­no co­scien­za: e non è un pro­gres­so.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.