UN TUF­FO DO­VE LA RE­TE È PIÙ BLU

Vanity Fair (Italy) - - Week - Di FER­DI­NAN­DO COTUGNO

Ave­te sen­ti­to par­la­re del «deep web», il la­to oscu­ro di In­ter­net, e ave­te vo­glia di ca­pi­re me­glio che cos’è? Per co­min­cia­re, im­ma­gi­na­te tut­to l’In­ter­net che usa­te ogni gior­no, dal­la ca­sel­la email ai film su Net­flix, a Fa­ce­book, co­me una ca­sa. Voi pen­sa­te che In­ter­net sia tut­to lì, poi un gior­no apri­te la por­ta e sco­pri­te che in­tor­no a quel­la ca­sa c’è un’in­te­ra cit­tà di cui non sa­pe­va­te nien­te. Quel­la cit­tà è il «deep web», il «web pro­fon­do», tut­to quel­lo che è na­sco­sto ai mo­to­ri di ri­cer­ca. Un mon­do di­gi­ta­le sen­za re­go­le, po­po­la­to da chiun­que ab­bia vo­glia (o bi­so­gno) di te­ne­re na­sco­sta la pro­pria at­ti­vi­tà on­li­ne: spac­cia­to­ri, mer­can­ti di ar­mi, pe­do­fi­li, pa­ra­noi­ci, ma an­che at­ti­vi­sti e anar­chi­ci. Apri­re la por­ta ed en­trar­ci non è dif­fi­ci­le (né il­le­ga­le), la chia­ve è un pro­gram­ma chia­ma­to Tor, il «pro­get­to ci­pol­la» (The Onion Rou­ter, una crit­to­gra­fia a li­vel­li, stra­ti di ci­pol­la ap­pun­to) av­via­to dal­la Ma­ri­na ame­ri­ca­na ne­gli an­ni ’90, che per­met­te di na­vi­ga­re ano­ni­mi. Av­via­to Tor, il pri­mo luo­go che si in­con­tra è Hid­den Wi­ki, una «Wi­ki­pe­dia na­sco­sta» che rac­co­glie in­di­riz­zi del «deep web». Il più fa­mo­so, Silk Road, «la via del­la se­ta», era la più gran­de piaz­za di spac­cio di In­ter­net. Ora è sta­to chiu­so dall’Fbi e il suo fon­da­to­re, Ross Ul­bri­cht, è sta­to con­dan­na­to all’er­ga­sto­lo (an­che se per mol­ti è un eroe li­ber­ta­rio). Ma al po­sto di Silk Road so­no na­ti al­tri si­ti, do­ve com­pra­re e ven­de­re can­na­bis, al­lu­ci­no­ge­ni, co­cai­na, eroi­na, me­tan­fe­ta­mi­ne, ste­roi­di. Poi ci so­no gli al­tri com­mer­ci il­le­ga­li: con 6 mi­la dol­la­ri si com­pra un pas­sa­por­to ame­ri­ca­no, con 640 eu­ro si or­di­na una pi­sto­la ca­li­bro 7 con tan­to di proiettili. Si of­fro­no an­che ser­vi­zi: c’è il ge­sto­re di una pa­gi­na che, per esem­pio, per 1.000 dol­la­ri si of­fre di ro­vi­na­re la re­pu­ta­zio­ne on­li­ne e di­strug­ge­re la vi­ta di chiun­que («Ave­te vo­glia di far pas­sa­re qual­cu­no per pe­do­fi­lo? Af­fi­da­te­vi a me»). Non ac­cet­ta­no la vo­stra car­ta di cre­di­to pe­rò, tut­to si pa­ga in Bit­coin, la crip­to­mo­ne­ta di­gi­ta­le ano­ni­ma. Ma se tut­ti gli abi­tan­ti del «deep web» han­no scel­to di es­se­re na­sco­sti, non tut­ti stan­no fa­cen­do Il web vi­si­bi­le, ov­ve­ro in­di­ciz­za­to da Goo­gle, con­tie­ne 4,72 mi­liar­di di pa­gi­ne. Sul­le di­men­sio­ni del web in­vi­si­bi­le esi­sto­no so­lo sti­me. qual­co­sa di il­le­ga­le. Mol­ti han­no de­ci­so di tra­sfe­rir­si qui (ci so­no social net­work, in­di­riz­zi email, forum e piat­ta­for­me blog) per­ché non vo­glio­no più es­se­re spia­ti dai lo­ro go­ver­ni. «Per esem­pio, il “deep web” è un luo­go si­cu­ro per gli at­ti­vi­sti gay nel Me­dio Orien­te e in Afri­ca, l’uni­co po­sto do­ve si può es­se­re se stes­si in Pae­si do­ve l’omo­ses­sua­li­tà è il­le­ga­le e un po­st su Fa­ce­book può far­ti fi­ni­re in ga­le­ra», spie­ga Shee­ra Fren­kel nel do­cu­men­ta­rio Do­wn the Deep, Dark Web. Più in pro­fon­di­tà si tro­va­no i ca­na­li dell’Isis o pa­gi­ne di kil­ler a pa­ga­men­to. Le leg­gen­de me­tro­po­li­ta­ne (co­me quel­le sul­le re­droom, i si­ti che tra­smet­te­reb­be­ro tor­tu­re in di­ret­ta) si in­trec­cia­no al­le teo­rie del­la co­spi­ra­zio­ne (si tro­va­no vi­deo fal­si su alie­ni o espe­ri­men­ti scien­ti­fi­ci). E in­fi­ne c’è il «deep web ita­lia­no», il cui forum più fa­mo­so è Ita­lian Dar­k­net Com­mu­ni­ty: qui tut­to è più all’ita­lia­na, dai con­si­gli su co­me far­si ar­ri­va­re la ma­ri­jua­na sen­za in­so­spet­ti­re il por­ti­na­io all’of­fer­ta di si­ga­ret­te di con­trab­ban­do. C’è an­che il po­st di uno che rac­con­ta di es­se­re sta­to ar­re­sta­to in Ca­na­da per at­ti osce­ni in luo­go pub­bli­co: è li­be­ro su cau­zio­ne e chie­de in­for­ma­zio­ni su co­me usci­re dal Pae­se sen­za pre­sen­tar­si al pro­ces­so.

TERABYTE LA PUN­TA DELL’ICEBERG TERABYTE DI DA­TI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.