Cer­co l’amo­re in Islan­da

Due cuo­ri e una pi­sci­na, in una com­me­dia sen­ti­men­ta­le ad al­to tas­so di «vi­ta» e gey­ser. L’at­tri­ce FLO­REN­CE LOI­RET-CAIL­LE in­ter­pre­ta un per­so­nag­gio li­be­ro e ri­cor­da un’ami­ca che non c’è più

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di SI­MO­NA SIRI

amir ma­no­vra le gru a Mon­treuil. Aga­the fa l’istrut­tri­ce di nuo­to in pi­sci­na. Quan­do i due si in­con­tra­no, la scin­til­la non scoc­ca su­bi­to, ma Sa­mir per con­qui­star­la de­ci­de di fin­ge­re di non sa­per nuo­ta­re e di pren­de­re le­zio­ni da lei. Quel­lo che poi suc­ce­de fi­ni­rà per por­tar­li ad­di­rit­tu­ra in Islan­da, in una spe­cie di road mo­vie al­la ri­cer­ca dell’amo­re, tra po­li­ti­ci che sem­bra­no oc­cu­pan­ti di cen­tri so­cia­li, mu­si­ci­sti in­die e gli im­man­ca­bi­li gey­ser. È la tra­ma dell’Ef­fet­to ac­qua­ti­co, com­me­dia ro­man­ti­ca ma per nul­la ba­na­le, splen­di­da­men­te in­ter­pre­ta­ta da Sa­mir Gue­smi e Flo­ren­ce Loi­ret-Cail­le e di­ret­ta dal­la re­gi­sta fran­co-islan­de­se Sól­veig An­spa­ch, scom­par­sa l’an­no scor­so a 54 an­ni.

SP­re­sen­ta­to all’ul­ti­mo Fe­sti­val di Can­nes e ap­pe­na usci­to in Ita­lia, Ef­fet­to ac­qua­ti­co è an­che il te­sta­men­to del­la re­gi­sta, gi­ra­to du­ran­te gli ul­ti­mi mo­men­ti del­la ma­lat­tia e usci­to po­stu­mo. «È un re­ga­lo che Sól­veig ci ha la­scia­to», rac­con­ta la pro­ta­go­ni­sta Flo­ren­ce Loi­ret-Cail­le. Qua­ran­tu­no an­ni, l’at­tri­ce fran­ce­se ave­va già la­vo­ra­to con An­spa­ch nel film Queen of Mon­treuil, e pri­ma an­co­ra con Clai­re De­nis in Can­ni­bal Lo­ve - Man­gia­ta vi­va e con Mi­chael Ha­ne­ke nel Tem­po dei lu­pi. Aga­the non è un per­so­nag­gio par­ti­co­lar­men­te ama­bi­le, al­me­no all’ini­zio. «Sì, ap­pa­re ru­de e an­ti­pa­ti­ca, ma poi il suo ve­ro ca­rat­te­re esce fuo­ri. Aga­the ha mol­te fra­gi­li­tà, e gra­zie a Sa­mir im­pa­ra a es­se­re più aper­ta ver­so il pros­si­mo e ca­pi­sce fi­nal­men­te che può es­se­re ama­ta. È il bel­lo del ci­ne­ma di Sól­veig: rac­con­ta­re don­ne ve­re, non par­ti­co­lar­men­te bel­le ma ori­gi­na­li e li­be­re di ur­la­re e di ren­der­si ri­di­co­le». Gi­ra­re in Islan­da è sta­to co­sì di­ver­ten­te co­me si in­tui­sce dal film? «Fan­ta­sti­co. Sic­co­me c’è lu­ce an­che di not­te, gi­ra­re lì è com­ple­ta­men­te di­ver­so, an­che un po’ fol­le. Si può in­con­tra­re gen­te ubria­ca e fe­li­cis­si­ma che al­le 3 del mat­ti­no pren­de il so­le». La chi­mi­ca tra lei e Sa­mir Gue­smi è in­cre­di­bi­le. «Ci co­no­scia­mo da an­ni, sia­mo ami­ci, ma il me­ri­to è di Sól­veig e del mo­do in cui i no­stri personaggi so­no scrit­ti, li­be­ri e ispi­ra­ti. La ca­rat­te­ri­sti­ca di Sól­veig è il mo­do ge­ne­ro­so che ave­va di guar­da­re al­le per­so­ne e una ca­pa­ci­tà in­cre­di­bi­le di ti­ra­re fuo­ri il bel­lo da cia­scu­no». Che ef­fet­to le fa par­la­re di Ef­fet­to ac­qua­ti­co ora che Sól­veig non c’è più? «Gi­ra­re que­sto film è sta­to dif­fi­ci­le e strano: lei era già ma­la­ta, e ha fat­to in tem­po a se­gui­re so­lo tre quar­ti del mon­tag­gio. La sua scom­par­sa mi ha scon­vol­to per­ché io e lei era­va­mo mol­to ami­che, era la ma­dri­na di mio fi­glio. Ora pe­rò è giu­sto par­la­re di vi­ta e io so­no qui per que­sto. La mor­te è ovun­que, è un mo­men­to dell’esi­sten­za, ma que­sto film non par­la di la­cri­me, par­la di ri­sa­te e di amo­re e vuo­le so­lo ce­le­bra­re la vi­ta».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.