La mia rab­bia in mu­tan­de

Da­gli slip ai lec­ca­cu­lo: RAIGE, no­me scel­to non a caso, de­te­sta di­ver­se co­se. Per˜ ades­so • in Çu­na fa­se di tran­si­zio­neÈ e qual­co­sa sta cam­bian­do. A par­ti­re dal­la mu­si­ca del suo nuo­vo di­sco

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di FER­DI­NAN­DO COTUGNO

ai­ge è quel ti­po di rap­per con cui è più facile fi­ni­re a par­la­re di scrit­to­ri ame­ri­ca­ni che di Ka­nye We­st (o di sol­di, at­tri­ci e mac­chi­ne ta­mar­re). A 33 an­ni, Raige (Alex An­drea Vel­la, fra­tel­lo di un al­tro rap­per, En­si) ha tro­va­to una col­lo­ca­zio­ne ano­ma­la nel rap ita­lia­no, con uno sti­le let­te­ra­rio nei te­sti e pop nel­le strut­tu­re. Alex, il suo nuo­vo al­bum, esce il 9 set­tem­bre, con­tie­ne il sin­go­lo Do­ma­ni e un in­so­li­to duet­to con Mar­co Masini. Alex è un ri­tor­no al suo ve­ro no­me, a se stes­so o co­sa? «L’obiet­ti­vo era li­be­rar­mi dal­le pau­re. Mi so­no al­lon­ta­na­to dal rap, dai suoi mec­ca­ni­smi, dal­le co­stri­zio­ni men­ta­li. Que­sto è un al­bum di tran­si­zio­ne tra ciò che ero e ciò che sa­rò». E la de­sti­na­zio­ne si chia­ma pop, giu­sto? «Alex ha un Dna pop e non c’è nien­te di ma­le. Mi fa più sor­ri­de­re l’eti­chet­ta “can­zo­ne d’au­to­re”, la giu­sti­fi­ca­zio­ne che dia­mo a la­gne tre­men­de dei pre­sun­ti nuo­vi De An­dré. Io cer­co l’ac­ces­si­bi­li­tà, par­la­re al ra­gaz­zi­no e al­la mas­sa­ia. Pri­ma mi sen­ti­vo bra­vo se usa­vo tan­te pa­ro­le, ora ho sco­per­to che quel­li bra­vi di­co­no la stes­sa co­sa con quat­tro, sem­pli­ci pa­ro­le». Lei scel­se Raige per­ché ve­ni­va da ra­ge, rab­bia in in­gle­se. Che co­sa la fa ar­rab­bia­re og­gi? «Op­por­tu­ni­sti, lec­ca­cu­lo, e la mu­si­ca è pie­na di lec­ca­cu­lo, ar­ram­pi­ca­to­ri so­cia­li, le mu­tan­de stret­te e i let­ti sfat­ti, e an­che qui si cam­bia: da pic­co­lo la mia stan­za era una Sa­ra­je­vo an­ni ’90, poi mi so­no da­to un’edu­ca­zio­ne si­be­ria­na, è tut­to in or­di­ne, pre­ci­so». Mi rac­con­ta per­ché Mar­co Masini? «Per me era un mito, ha sem­pre avu­to l’at­teg­gia­men­to del rap­per, le sue can­zo­ni so­no un re­so­con­to cru­do del­la vi­ta e lui è un per­so­nag­gio bor­der­li­ne». La car­rie­ra del rap­per og­gi co­min­cia in stra­da e fi­ni­sce in Tv: la tro­ve­re­mo giu­di­ce di ta­lent? «Per far­lo, ser­ve un se­sto sen­so per le co­se che fun­zio­na­no. E io non cre­do ai buo­ni sa­ma­ri­ta­ni, se uno quel se­sto sen­so ce l’ha, lo usa per se stes­so». Ma­ga­ri in­ve­ce scri­ve­rà un ro­man­zo. «In real­tà, ne sto già scri­ven­do uno, sull’in­cre­di­bi­le sto­ria del­la mia fa­mi­glia. Mio pa­dre è fi­glio di no­bi­li si­ci­lia­ni che han­no per­so tut­to per­ché il mio bi­snon­no si am­ma­lò, e la mo­glie per cu­rar­lo die­de tut­to quel­lo che ave­va ai ma­ghi. Il bi­snon­no ave­va vin­to uno spro­po­si­to gio­can­do ai ca­val­li, mio non­no ave­va il no­me del cavallo che ave­va vin­to una ga­ra. È co­me Cent’an­ni di so­li­tu­di­ne, la mia fa­mi­glia».

R

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.