CAM­BIA­RE, NEL NO­STRO PIC­CO­LO

Vanity Fair (Italy) - - Vanitysocial -

ra­zie, direttore, per­ché at­tra­ver­so i suoi gior­na­li­sti ve­nia­mo a co­no­scen­za di real­tà che non co­no­sce­va­mo co­me quel­la dei Ro­hin­gya (n. 32), i mu­sul­ma­ni per­se­gui­ta­ti del­la Bir­ma­nia, pro­via­mo a im­me­de­si­mar­ci in per­so­ne di cui fi­no a quel mo­men­to igno­ra­va­mo per­si­no l’esi­sten­za, e riu­scia­mo a cam­bia­re opi­nio­ni in­cul­ca­te in noi da un’era che gron­da di xe­no­fo­bia a cau­sa de­gli even­ti che col­pi­sco­no i no­stri Pae­si. Ri­ma­nia­mo pur­trop­po im­po­ten­ti di fron­te al­la sof­fe­ren­za di que­sto po­po­lo lon­ta­no. Ma nel vo­stro pic­co­lo, ave­te cam­bia­to qual­co­sa e se­mi­na­to un dub­bio nel pre­giu­di­zio im­me­dia­to e ba­na­le. Com­pli­men­ti per la se­rie­tà e l’one­stà. FRAN­CE­SCA

G

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.