VA A FI­REN­ZE

Vanity Fair (Italy) - - Hippie Vanity -

a ri­schia­to di chia­mar­si Chew­bec­ca o, an­co­ra peg­gio, C-3PO, se non fos­se sta­to per quel cal­cio che ti­rò quan­do sta­va nel­la pan­cia del­la ma­dre, nel mo­men­to esat­to in cui sul­lo scher­mo spun­tò Obi-Wan Ke­no­bi nell’Impero col­pi­sce an­co­ra, film del­la sa­ga di Guer­re stel­la­ri. E co­sì – chia­ro se­gno del destino – i ge­ni­to­ri si dis­se­ro: chia­mia­mo­lo Obi. Co­sì an­dò con il se­con­do no­me, per il pri­mo in­ve­ce la pro­ce­du­ra fu un po’ di­ver­sa: «Era il gu­ru dei miei a do­ver de­ci­de­re, ma per far­lo do­ve­va ve­der­mi. Al­lo­ra mio pa­dre gli por­tò una fo­to di me ap­pe­na na­to, e lui dis­se: “Ec­co De­ven­dra”». Ed ec­co­lo qua, De­ven­dra Obi Ba­n­hart, ap­pol­la­ia­to su una se­dia sco­mo­dis­si­ma nel­la po­si­zio­ne del lo­to, den­tro a una tu­ta ver­de mi­li­ta­re, e ai pie­di spes­se cal­ze ros­se e cia­bat­te di cuo­io. Mez­zo ve­ne­zue­la­no e mez­zo ame­ri­ca­no, 35 an­ni, la fa­ma del can­tau­to­re in­die più ec­cen­tri­co del­la sua ge­ne­ra­zio­ne lo ac­com­pa­gna da­gli esor­di del 2002. Ne­gli an­ni, ha fat­to brec­cia nel cuore di mi­lio­ni di fan con la sua mu­si­ca tra­so­gna­ta, ol­tre che in quel­lo di Na­ta­lie Port­man, che con lui vis­se un’in­ten­sa sto­ria d’amo­re una de­ci­na d’an­ni fa e che per lui si pre­stò pu­re a gi­ra­re un de­li­ran­te vi­deo­clip in sti­le Bol­ly­wood. Il suo nuo­vo al­bum si chia­ma Ape in Pink Mar­ble, che in ita­lia­no si tra­du­ce con «scim­mia nel mar­mo ro­sa». Ti­to­lo stram­pa­la­to per can­zo­ni stram­pa­la­te, ma sta­vol­ta tut­te im­pre­gna­te di pro­fon­da tri­stez­za. Co­sì co­me gli oc­chi scu­ri di De­ven­dra, che al­ter­na bat­tu­te («mi spiace che si sia do­vu­ta ascol­ta­re tut­to il di­sco») a con­fes­sio­ni mol­to intime e ina­spet­ta­te. «So­no cre­sciu­to sen­za di lui e per tut­ta la vi­ta non sia­mo mai sta­ti pa­dre e fi­glio. Ma po­co pri­ma che mo­ris­se ave­vo la sen­sa­zio­ne che fi­nal­men­te stes­si­mo per co­min­cia­re ad ave­re un ve­ro rapporto, un le­ga­me pro­fon­do. Non cre­do che lui se ne ren­des­se con­to. Lui sof­fri­va dav­ve­ro tan­to. Era un es­se­re bel­lis­si­mo, un’ani­ma me­ra­vi­glio­sa, qua­si trop­po sen­si­bi­le per que­sto mon­do. E co­sì si è tol­to la vi­ta. Era l’ot­to­bre del 2015». Lei co­me ha rea­gi­to? «Do­po che ti suc­ce­do­no que­ste co­se, hai l’ur­gen­za di di­re a tut­te le per­so­ne a cui vuoi be­ne quan­to le ami. Non puoi far­lo con chi non c’è più, puoi far­lo so­lo con chi re­sta». Suo pa­dre sof­fri­va di de­pres­sio­ne? «Sì. An­che se cre­do che a tut­ti può ca­pi­ta­re di sen­tir­si gra­ve­men­te de­pres­si». È una ma­lat­tia. «Io non cre­do che sia una ma­lat­tia, pen­so che pos­sia­mo sen­tir­la se sia­mo con­su­ma­ti La co­ver di Ape in Pink Mar­ble di De­ven­dra Ba­n­hart, che sa­rà ospi­te al Wi­red Next Fe­st di Fi­ren­ze il 17 set­tem­bre.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.