C’era­va­mo io e quel do­lo­re

Al­la Mo­stra por­ta la sto­ria di una «guer­rie­ra» e due cor­ti. Uno par­la di vio­len­za sul­le don­ne, te­ma che CLAU­DIA PO­TEN­ZA co­no­sce be­ne

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di LA­VI­NIA FAR­NE­SE

e ma­dri han­no un se­sto sen­so. La mia, al­me­no, l’ha avu­to. Quan­do so­no na­ta ha de­ci­so lei: “La chia­mia­mo Clau­dia. Co­me la Cardinale”». Il re­sto è ve­nu­to poi nel se­gno del co­gno­me: Po­ten­za. «Da bam­bi­na vo­le­vo già fa­re l’at­tri­ce, ma fe­li­ce: con un ma­ri­to, una fa­mi­glia. Non ca­pi­vo per­ché a Hol­ly­wood fos­se­ro tut­te dan­na­te: tri­sti, al­co­liz­za­te, suicide o sal­ve per mi­ra­co­lo». Co­sì, do­po la scuo­la di re­ci­ta­zio­ne a Ro­ma, nel 2012 Fer­zan Öz­pe­tek la vuo­le in Ma­gni­fi­ca pre­sen­za e og­gi, a 35 an­ni, è al­la Mo­stra del Ci­ne­ma di Ve­ne­zia con Mon­te, esor­dio ita­lia­no del re­gi­sta ira­nia­no Amir Na­de­ri. «Un ran­da­gio vi­sio­na­rio con gli oc­chi a spec­chio in cui guar­di at­tra­ver­so. Ogni se­ra ci rac­con­ta­va una fia­ba per la sce­na del mat­ti­no do­po. Mi ha scel­ta gi­ran­do­mi in­tor­no: “Hai la fac­cia giu­sta. Va­do a fa­re i so­pral­luo­ghi e torno”». Set in Al­to Adi­ge, a 3 mi­la me­tri, con ne­vi­ca­te che bloc­ca­va­no tut­to per gior­ni: è sta­to «estre­mo»? «Estre­mo co­me la sto­ria: quel­la sen­za so­le di un uo­mo che, nel 1350, cer­ca di ri­da­re al­la sua ca­sa e a me, sua mo­glie, i rag­gi che gli to­glie la

Lmon­ta­gna». Chi è Ni­na, il suo per­so­nag­gio? «Una guer­rie­ra di lu­ce in cui ho mes­so den­tro tut­to quel­lo che so da don­na, da fi­glia, da ma­dre e da mo­glie». Che co­sa sa? «Che bi­so­gna es­se­re li­be­ri da con­di­zio­na­men­ti, e mai la­scia­re cer­chi in so­spe­so. Il buio og­gi ce l’ab­bia­mo in­tor­no, ar­ri­va col ter­ro­ri­smo e il ter­re­mo­to. E se ri­ma­ni, a chi ami de­vi far sen­ti­re che ci sei an­co­ra». Lei co­me fa? «Tan­te vol­te guar­do mio fi­glio di 6 an­ni, Ga­brie­le: “Me­no ma­le che sei ca­pi­ta­to, in quel mo­do un po’ ar­ro­gan­tel­lo che hai”. E con Do­me­ni­co (Chia­rel­lo, il com­pa­gno, av­vo­ca­to, ndr) ci vie­ne vo­glia di pen­sa­re a un al­tro bam­bi­no». Com’è na­ta tra voi? «In­con­tro a Ba­ri, lo ca­pi­sco su­bi­to: in­sie­me avrem­mo fat­to qual­co­sa di im­por­tan­te. Il me­se do­po a Pa­ri­gi gli in­fi­lo que­st’anel­lo che por­to, con scrit­to “Sei tu”. Ora lo ten­go con i due che mi ha re­ga­la­to lui quan­do ero in­cin­ta». Al Li­do è an­che nel cor­to Per sem­pre di Pao­lo Ge­no­ve­se rea­liz­za­to con il marchio di mo­da Twin­set, per le don­ne. E dell’Amo­re che vor­rei di Ga­brie­le Pi­gnot­ta (per Dop­pia Di­fe­sa), con­tro la vio­len­za. «Sì. Al­la fi­ne tut­te so­gnia­mo un le­ga­me giu­sto». È sta­to dif­fi­ci­le? «Ho vis­su­to la vio­len­za di un uo­mo sul­la mia pel­le, co­no­sco il ma­le che fa. Ero un’ado­le­scen­te, lui un in­si­cu­ro. Og­gi a quel­la per­so­na vo­glio be­ne no­no­stan­te tut­to. Ma dall’al­tra par­te — non po­trò di­men­ti­car­lo mai — c’era­va­mo io e quel do­lo­re».

SUL MON­TE AL LI­DO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.