BENEDUCATI?

Vanity Fair (Italy) - - Il Postino -

o un fi­glio tren­ten­ne a cui fin da pic­co­lo so­no sta­te in­se­gna­te le re­go­le dell’edu­ca­zio­ne e del ri­spet­to, del­la tol­le­ran­za e del­la so­li­da­rie­tà. A 18 an­ni la pri­ma co­sa che ci ha chie­sto non è sta­ta la mac­chi­na, ma co­me di­ven­ta­re do­na­to­re di san­gue. A lui vie­ne na­tu­ra­le non get­ta­re car­tac­ce per ter­ra, fa­re la rac­col­ta dif­fe­ren­zia­ta (an­zi, mi rim­pro­ve­ra se non tol­go le eti­chet­te di car­ta dal­le bot­ti­glie di pla­sti­ca), non im­brat­ta­re i mu­ri, ri­spet­ta­re le fi­le, in­som­ma il vi­ve­re ci­vi­le. Ma ve­do che le co­se van­no in tutt’al­tra di­re­zio­ne e mi spa­ven­ta­no la di­la­gan­te ma­le­du­ca­zio­ne, la man­can­za di ri­spet­to da par­te dei ra­gaz­zi, per­ché pen­so al fu­tu­ro di mio fi­glio e lo ve­do in to­ta­le mi­no­ran­za. Mi ras­si­cu­ri, Mas­si­mo, mi di­ca che al­la fi­ne non vin­ce­rà chi la­scia ac­ce­so il te­le­fo­ni­no al ci­ne­ma (e se suo­na ri­spon­de pu­re, sgua­ia­to e ad al­ta vo­ce), chi fa pi­pì con­tro i mu­ri del­le ca­se, chi la­scia fa­re i bi­so­gni al ca­ne in mez­zo al par­co e non rac­co­glie, chi la­scia i ri­fiu­ti fuo­ri dai cas­so­net­ti vuo­ti, chi scri­ve le sue stu­pi­de e il più del­le vol­te sgram­ma­ti­ca­te fra­si sui mu­ri e an­co­ra peg­gio sui mo­nu­men­ti.

—MAM­MA PREOC­CU­PA­TA MA OR­GO­GLIO­SA

HMen­tre scor­re­vo il suo implacabile ro­sa­rio di ma­le­du­ca­zio­ni ita­li­che, al­tre im­ma­gi­ni fe­ra­li si im­po­ne­va­no al­la mia men­te con la vi­vi­dez­za del­le espe­rien­ze estre­me.

Quel­li che par­la­no al te­le­fo­no in treno sen­za mai pren­de­re in con­si­de­ra­zio­ne l’ipo­te­si di an­da­re in cor­ri­do­io o di ab­bas­sa­re la vo­ce, met­ten­do l’in­te­ro scom­par­ti­men­to al cor­ren­te del­le co­li­che notturne del pu­po men­tre tu stai fa­cen­do co­la­zio­ne.

Quel­li che but­ta­no la lat­ti­na di bir­ra per ter­ra an­che se il ce­sti­no è a un me­tro e quan­do glie­lo fai no­ta­re ti rispondono che lo­ro pa­ga­no le tas­se. Van­da­li e pu­re bu­giar­di.

Quel­li che par­cheg­gia­no l’au­to in dop­pia fi­la per ore e, se al ri­tor­no ti ve­do­no lie­ve­men­te al­te­ra­to, si of­fen­do­no a mor­te e ti fan­no i ge­stac­ci.

Quel­li che viag­gia­no in mez­zo al­la stra­da a ven­ti all’ora, ma ap­pe­na il se­ma­fo­ro di­ven­ta gial­lo dan­no un col­po di ac­ce­le­ra­to­re e sgom­ma­no al di là dell’in­cro­cio, co­strin­gen­do­ti a in­chio­da­re per non pas­sa­re col ros­so. Ogni let­to­re può con­ti­nua­re la li­sta se­con­do i pro­pri gu­sti e i pro­pri in­cu­bi. Se non al­tro sa­rà ras­si­cu­ra­to dal sen­tir­si par­te dell’eser­ci­to dei buo­ni. Un eser­ci­to che in Ita­lia com­pren­de ses­san­ta mi­lio­ni di per­so­ne, cia­scu­na del­le qua­li con­vin­ta di es­se­re l’uni­ca pa­la­di­na del Giu­sto e del Bel­lo in un mon­do di buz­zur­ri.

• • • •

Bi­so­gna pe­rò sfa­ta­re un mi­to re­to­ri­co: il peg­gio­ra­men­to co­stan­te dell’uma­ni­tà. Non fac­cia­mo che ri­pe­ter­ci quan­to era­va­mo mi­glio­ri, una vol­ta. Ma una vol­ta quan­do? Quan­do ster­mi­na­va­mo in­te­re po­po­la­zio­ni co­me gli an­ti­chi Ro­ma­ni fe­ce­ro con gli Etru­schi? O nei for­mi­da­bi­li an­ni del Boom, quan­do co­strui­va­mo mi­lio­ni di ca­se abu­si­ve per lo più or­ri­bi­li, im­pe­sta­va­mo i fiu­mi e l’aria di ve­le­ni ed eva­de­va­mo le tas­se peg­gio di ades­so? For­se esi­ste­va più edu­ca­zio­ne for­ma­le, al­me­no nel­le clas­si me­dio-al­te, ma era­va­mo dav­ve­ro più ci­vi­li? C’era­no mi­lio­ni di bul­li e di ca­fo­ni an­che al­lo­ra. So­lo che ave­va­no me­no oc­ca­sio­ni per met­ter­si in mo­stra (si viag­gia­va po­co) e, in as­sen­za del web, me­no stru­men­ti per dif­fon­de­re le lo­ro bra­va­te e il lo­ro spes­so tra­scu­ra­bi­le pen­sie­ro. Una vol­ta ap­pu­ra­to che il pas­sa­to non è esat­ta­men­te quel pa­ra­di­so che ci han­no con­se­gna­to i fil­tri se­let­ti­vi del­la me­mo­ria, re­sta da chie­der­si se si pos­sa spe­ra­re in uno scat­to di ci­vil­tà nel fu­tu­ro. So­no mo­de­ra­ta­men­te ot­ti­mi­sta, si­gno­ra. Mol­to mo­de­ra­ta­men­te, vi­ste le pre­mes­se. Ma quan­do va­do nel­le scuo­le in­con­tro ra­gaz­zi che, no­no­stan­te i pes­si­mi esem­pi ri­ce­vu­ti tal­vol­ta in fa­mi­glia, sem­bra­no più evo­lu­ti di quan­to fos­si­mo io e i miei ami­ci al­la lo­ro età. L’edu­ca­zio­ne am­bien­ta­le ha fat­to pas­si da gi­gan­te. Quel­la ci­vi­ca me­no, lo ri­co­no­sco, ma ri­fi­ni­re gli im­pul­si uma­ni è un va­sto pro­gram­ma. Gli abi­tan­ti del Nord Europa non so­no mi­glio­ri di noi. So­no so­lo più con­trol­la­ti e pu­ni­ti. In­fat­ti ap­pe­na ven­go­no in Ita­lia si com­por­ta­no peg­gio de­gli in­di­ge­ni. Men­tre fran­ce­si, in­gle­si e spa­gno­li han­no l’in­dub­bio vantaggio di sen­tir­si par­te di uno Sta­to plu­ri­se­co­la­re che li ha re­si pro­pen­si al ri­spet­to dei be­ni co­mu­ni. L’ita­lia­no è sta­to per al­me­no quin­di­ci se­co­li sot­to pa­dro­ne: non rie­sce a con­si­de­ra­re ciò che è di tut­ti un po’ suo. An­zi, pen­sa che pro­prio per­ché è di tut­ti, non ap­par­ten­ga a nes­su­no e trat­ta gli spa­zi pub­bli­ci con un di­sprez­zo che mai ri­ser­ve­reb­be al ba­gno di ca­sa pro­pria. In un par­co di Lon­dra, tan­ti an­ni fa, mi ca­scò dal­la ta­sca la car­ta di una ca­ra­mel­la (non lo di­ca a suo fi­glio, la pre­go). Un at­ti­mo do­po mi sen­tii toc­ca­re la spal­la. Era un hoo­li­gan. Uno di quei tep­pi­sti da sta­dio ta­tua­ti e bor­chia­ti. Te­ne­va in ma­no il mio pez­zo di car­ta e mi in­vi­tò con per­sua­si­va ener­gia a ri­pren­der­me­lo. Per lui quel par­co era an­che ca­sa sua. Si chia­ma sen­so del­lo Sta­to, sco­no­sciu­to in un Pae­se co­me il no­stro do­ve è lo Sta­to che fa sen­so. For­se è da qui che bi­so­gne­reb­be ri­co­min­cia­re. ANDRƒ DA LOBA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.