DO­VE PAS­SA L’OLIM­PIA­DE...

Men­tre Vir­gi­nia Rag­gi sem­bra con­vin­ta a di­re «no» a ROMA 2024, un geo­gra­fo che se ne in­ten­de spie­ga per­ché for­se la sin­da­ca ha ra­gio­ne. E per­ché al­tri pri­mi cit­ta­di­ni fa­ran­no lo stes­so

Vanity Fair (Italy) - - Week - Di FER­DI­NAN­DO COTUGNO

Roma si fa­rà da par­te nel­la cor­sa a ospi­ta­re i Gio­chi del 2024», di­ce Bep­pe Gril­lo (la sin­da­ca Rag­gi do­vrà espri­mer­si u cial­men­te en­tro il 7 ot­to­bre). Mos­sa che fa ma­le al Co­ni e al­lo sport ita­lia­no ma che è ra­gio­ne­vo­le se­con­do chi ha stu­dia­to da vi­ci­no l’im­pat­to dei Gio­chi sul­le cit­tà olim­pi­che. Ch­ri­sto­pher Ga ney, geo­gra­fo dell’Uni­ver­si­tà di Zu­ri­go, ne­gli ul­ti­mi 7 an­ni ha vis­su­to a Rio de Ja­nei­ro per mi­su­ra­re gli e et­ti. «È il mo­del­lo di bu­si­ness del Cio a es­se­re no­ci­vo: l’even­to co­sta sem­pre più del pre­vi­sto e so­no spes­so le cit­tà a do­ver co­pri­re la di eren­za. Pre­sto nes­su­no vor­rà più ospi­ta­re l’Olim­pia­de, già nel­la cor­sa ai Gio­chi in­ver­na­li del 2022 era­no ri­ma­ste so­lo due cit­tà, Al­ma­ty e Pe­chi­no. E per il 2024 an­che Pa­ri­gi e Los An­ge­les po­treb­be­ro la­scia­re». Per­ché non ospi­ta­re un even­to che por­ta tu­ri­sti, sol­di e vi­si­bi­li­tà? «Guar­di, fun­zio­na co­sì: i Gio­chi so­no un gran­de spet­ta­co­lo, la cit­tà è il pal­co­sce­ni­co, il Cio è l’im­pre­sa­rio, gli atle­ti so­no gli at­to­ri e i tu­ri­sti so­no il co­ro; poi ci so­no gli spet­ta­to­ri in Tv, i ve­ri clien­ti». E gli abi­tan­ti del­la cit­tà? «I cit­ta­di­ni so­no gli uscie­ri del tea­tro, i ma­gaz­zi­nie­ri, quel­li che pu­li­sco­no al­la ne del­lo spet­ta­co­lo ma che de­vo­no re­sta­re na­sco­sti». A Rio è an­da­ta co­sì? «Qui si è crea­ta una bol­la olim­pi­ca se­pa­ra­ta dal re­sto del­la cit­tà, buo­na co­me sfon­do per i sel e dei tu­ri­sti, men­tre il re­sto dell’area ur­ba­na è sta­to mi­li­ta­riz­za­to e pre­so di mi­ra dal­la spe­cu­la­zio­ne edi­li­zia». Rio quin­di non sta me­glio og­gi, do­po l’even­to? «C’è sta­to un be­ne cio a bre­ve ter­mi­ne, la di­soc­cu­pa­zio­ne è ca­la­ta, gli sti­pen­di so­no sa­li­ti, i servizi mi­glio­ra­ti. Ma bi­so­gna ca­pi­re chi li man­ter­rà do­po, vi­sto che lo Sta­to di Rio ha di­chia­ra­to ban­ca­rot­ta. In­tan­to la spe­cu­la­zio­ne ha fat­to sa­li­re i co­sti del­le ca­se del 275%, la cit­tà è di­ven­ta­ta più ca­ra e l’au­men­to de­gli sti­pen­di non ha com­pen­sa­to». Que­sto for­se è ve­ro per Rio, che già di suo ave­va for­ti di­su­gua­glian­ze. «È suc­ces­so an­che in cit­tà più equi­li­bra­te co­me Van­cou­ver o Lon­dra, e suc­ce­de­reb­be an­che a Roma. Nel­le cit­tà olim­pi­che, chi è ric­co può so­ste­ne­re l’au­men­to dei co­sti e ma­ga­ri pa­gar­si il bi­gliet­to per le ga­re. La clas­se me­dia e i po­ve­ri ve­do­no so­lo peg­gio­ra­re la lo­ro vi­ta». Ma è an­che l’op­por­tu­ni­tà per co­strui­re strut­tu­re e in­fra­strut­tu­re che re­sta­no al­la cit­tà, co­me suc­ces­so ap­pun­to a Lon­dra e a To­ri­no. «Il pun­to è: vo­le­te co­strui­re una nuo­va li­nea del­la me­tro? Fa­te­lo. Se lo fa­te per i Gio­chi, co­ste­rà il dop­pio. È teo­ria eco­no­mi­ca: se i tem­pi so­no stret­ti e le in­fra­strut­tu­re da co­strui­re tan­te, tut­ti ci lu­cra­no, sal­go­no i co­sti di pro­du­zio­ne e quel­li dei ma­te­ria­li».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.