Noc­cio­la­ie e zec­che, che ta­lent!

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Sia­mo co­sì in­tel­li­gen­ti da ca­pi­re l’in­tel­li­gen­za de­gli ani­ma­li? È il ti­to­lo del li­bro dell’eto­lo­go Frans de Waal (uno de­gli ospi­ti di To­ri­no spi­ri­tua­li­tà) che Cortina man­da in li­bre­ria il 22 set­tem­bre (pagg. 397, ¤ 29, tra­du­zio­ne di Li­be­ro So­sio). Una do­man­da non pro­prio re­to­ri­ca ma qua­si. Ba­sta leg­ger­ne al­cu­ne pa­gi­ne per ca­pi­re che la ri­spo­sta è: non ab­ba­stan­za. Par­ten­do dal pre­sup­po­sto che l’in­tel­li­gen­za uma­na è una del­le tan­te pos­si­bi­li per­ché il pun­to è ade­guar­si al me­glio al pro­prio am­bien­te, nel sag­gio si tro­va­no pa­rec­chi esem­pi di crea­tu­re con ta­len­ti in­vi­dia­bi­li. È il ca­so del­le noc­cio­la­ie, uc­cel­li del­la fa­mi­glia dei cor­vi­di, do­ta­te di una me­mo­ria pro­di­gio­sa: in au­tun­no na­scon­do­no più di ven­ti­mi­la pi­no­li in cen­ti­na­ia di na­scon­di­gli su di­ver­si chi­lo­me­tri qua­dra­ti, per poi re­cu­pe­rar­li a me­si di di­stan­za. Quan­to al­le non sim­pa­ti­che zec­che, pos­so­no tra­scor­re­re 18 an­ni sen­za ci­bo aspet­tan­do che pas­si qual­cu­no cui suc­chia­re il san­gue. Al­tri esem­pi nel li­bro ri­guar­da­no aned­do­ti e te­st te­si a di­mo­stra­re co­me gli ani­ma­li ra­gio­ni­no ina­spet­ta­ta­men­te be­ne. Un grup­po di scim­pan­zé, per esem­pio, era ab­ba­stan­za scal­tro da fug­gi­re dal­la gab­bia, far­si un gi­ret­to, tor­na­re e ri­chiu­der­si la por­ta al­le spal­le per non far­si sco­pri­re. Ma, co­me suc­ce­de per gli uma­ni, ci so­no all’in­ter­no del­la stes­sa spe­cie i ton­to­lo­ni e i ge­niac­ci. La bra­vu­ra del pap­pa­gal­lo Alex, ca­pa­ce di ri­spon­de­re cor­ret­ta­men­te a cen­ti­na­ia di do­man­de e di­ven­ta­to co­sì no­to da ave­re avu­to l’ono­re di un ne­cro­lo­gio sul New York Ti­mes, ven­ne sco­per­ta per ca­so quan­do si in­tro­mi­se ri­spon­den­do al po­sto del vi­ci­no di tre­spo­lo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.