Que­sta Sca­li­na­ta è un gio­iel­lo

Do­po il re­stau­ro, Tri­ni­tà dei Mon­ti si pre­sen­ta in tut­ta la sua bel­lez­za. Gra­zie al­la pas­sio­ne per Roma di un me­ce­na­te da­gli amo­ri pre­zio­si

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di MARIANGELA MIANITI

La stra­da mi­glio­re per rag­giun­ger­la e am­mi­rar­ne tut­ta l’im­po­nen­za è via Con­dot­ti. Pri­ma an­co­ra che la leg­ge­ra sa­li­ta ar­ri­vi ai suoi pie­di, in piaz­za di Spa­gna, la Sca­li­na­ta di Tri­ni­tà dei Mon­ti oc­cu­pa lo spa­zio e lo sguar­do co­me una sce­no­gra a im­pe­ria­le. Ora che i la­vo­ri di re­stau­ro so­no ter­mi­na­ti, il tra­ver­ti­no di cui è fat­ta è qua­si ab­ba­glian­te, e co­sì bel­lo che qual­cu­no ha pro­po­sto di chiu­der­la nel­le ore se­ra­li con una can­cel­la­ta o di fa­re pa­ga­re un bi­gliet­to. Ma la po­le­mi­ca non va da nes­su­na par­te. Co­me di­ce Jean-Ch­ri­sto­phe Ba­bin, ad di Bul­ga­ri, che ha so­ste­nu­to il re­stau­ro du­ra­to qua­si un an­no e co­sta­to un mi­lio­ne e mez­zo di eu­ro: «ab­bia­mo in­tra­pre­so que­sto in­ve­sti­men­to per ren­de­re al­la cit­tà di Roma la Sca­li­na­ta nel­le mi­glio­ri con­di­zio­ni pos­si­bi­li e ci au­gu­ria­mo che la sua bel­lez­za sia ri­spet­ta­ta. Ho du­cia che il Co­mu­ne sa­prà pre­ser­va­re la Sca­li­na­ta do­po il re­stau­ro». Per fe­steg­giar­ne la ria­per­tu­ra, il 21 set­tem­bre si ter­rà un con­cer­to dell’Ac­ca­de­mia di Santa Ce­ci­lia di­ret­ta dal mae­stro Antonio Pap­pa­no. Tri­ni­tà dei Mon­ti è luo­go di pas­sag­gio, di in­con­tri, di ap­pun­ta­men­ti e ha fat­to da sfon­do a sce­ne di gran­di lm, da Va­can­ze ro­ma­ne di Wil­liam Wy­ler a To Ro­me wi­th Lo­ve di Woo­dy Al­len. La sto­ria del­la fa­mi­glia Bul­ga­ri è le­ga­ta a lo dop­pio con la Sca­li­na­ta, per­ché il fon­da­to­re del­la mai­son, So­ti­rio, di ori­gi­ne gre­ca, aprì pro­prio lì vi­ci­no il suo pri­mo ne­go­zio nel 1884, per poi tra­sfe­rir­si nell’at­tua­le spa­zio di via Con­dot­ti 10. Ogni gior­no il suo per­cor­so ca­sa-bot­te­ga tran­si­ta­va per Tri­ni­tà dei Mon­ti, ed era ine­vi­ta­bi­le che le bel­lez­ze dell’Ur­be ispi­ras­se­ro la crea­ti­vi­tà sua e poi di gli e ni­po­ti. Guar­da­re le spil­le, i brac­cia­li, gli orec­chi­ni e le col­la­ne di Bul­ga­ri si­gni ca an­che in­tra­pren­de­re un viag­gio den­tro Roma, la sua ar­chi­tet­tu­ra, i pa­laz­zi, i giar­di­ni, i mo­nu­men­ti. «Tri­ni­tà dei Mon­ti ri­vi­ve nel­la fa­mo­sa col­la­na di pla­ti­no, ru­bi­ni e dia­man­ti di­se­gna­ta ne­gli an­ni Ses­san­ta», di­ce Lu­cia Bo­scai­ni, brand he­ri­ta­ge cu­ra­tor di Bul­ga­ri. «Al­la pa­vi­men­ta­zio­ne di piaz­za del Cam­pi­do­glio si ispi­ra­no le spil­le di ru­bi­ni e dia­man­ti che in­dos­sò e ac­qui­stò Anna Ma­gna­ni. Ai ser­pen­ti che de­co­ra­no Pa­laz­zo Falconieri di Fran­ce­sco Bor­ro­mi­ni, o la Fon­ta­na dei Quat­tro Fiu­mi in piaz­za Na­vo­na, guar­da­no gli oro­lo­gi con il brac­cia­le in tu­bo­gas che si tro­va­no an­che in ver­sio­ni ra­ris­si­me, co­me quel­li con le sca­glie smal­ta­te e te­sta di dia­man­ti e sme­ral­di. Ma si pos­so­no ri­tro­va­re an­che i giar­di­ni di vil­la Ma­da­ma, vil­la Pam­phi­li o del Va­ti­ca­no nel­le spil­le e ne­gli orec­chi­ni con pie­tre du­re che sem­bra­no va­si tra­boc­can­ti di ori, o i giun­ti del­le la­stre dei mar­cia­pie­di ri­pro­dot­te nel­le ma­glie dei brac­cia­li». Roma è un gio­iel­lo, co­me ta­le an­dreb­be cu­sto­di­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.