IO SO­NO L’AL­TRA

Vanity Fair (Italy) - - #Vanity Social -

o so­no la Don­na a si­ni­stra. So­no l’Al­tra, so­no il Pa­ral­le­lo. So­no le fe­sti­vi­tà da so­la, so­no le at­te­se, so­no chi aspet­ta le bri­cio­le per ban­chet­ta­re sul­la car­cas­sa esau­sta dei suoi sen­ti­men­ti umi­lia­ti. Io so­no nell’om­bra, io so­no quel­lo che non do­vreb­be es­se­re, so­no chi spia dal bu­co del­la ser­ra­tu­ra la vi­ta che vor­reb­be ave­re e che de­ni­gra. So­no la fa­le­na che si il­lu­de far­fal­la, so­no il sor­ri­so di at­ti­mi ru­ba­ti. So­no quel­la che pian­ge men­tre si ri­pe­te che co­sì è li­be­ra. Li­be­ra di es­se­re so­la sep­pur al guin­za­glio, chiu­sa in una gab­bia che si ri­trae co­me ta­la­mo. So­no la de­bo­lez­za che si am­man­ta di for­za, so­no la ne­ga­zio­ne e la bu­gia. So­no la put­ta­na, la stron­za, l’in­sen­si­bi­le con la te­sta squar­cia­ta dai ri­mor­si e il cuo­re dall’amore. Non so­no la se­con­da scel­ta, so­no la scel­ta non fat­ta: che è peg­gio. So­no fa­vo­lo­sa, ec­ce­zio­na­le e bel­lis­si­ma ma mai ab­ba­stan­za, in fin dei conti. So­no quel­la che non si può la­men­ta­re, per­ché que­sta si­tua­zio­ne «l’ha vo­lu­ta lei»; può sof­fri­re, ma in si­len­zio, ché le sue la­cri­me suo­ne­reb­be­ro co­me una pres­sio­ne, un’in­com­ben­za sul­le spal­le già af­fa­ti­ca­te di chi, ahi­lui, de­ve sop­por­ta­re

I

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.