FATELO DI MER­CO­LE­DÌ

Me­no bam­bi­ni, sem­pre più an­zia­ni. Il FER­TI­LI­TY DAY del 22 set­tem­bre na­sce sul pro­ble­ma del­la de­na­ta­li­tà. Che ri­guar­da tut­to l’Oc­ci­den­te. C’è chi lo af­fron­ta con il por­ta­fo­glio, chi spe­gne la lu­ce pri­ma

Vanity Fair (Italy) - - Week - Di CHIA­RA PIZZIMENTI

2,1 fi­gli per don­na. È quel­lo che ser­ve a far an­da­re avan­ti il mon­do, ma mez­zo mon­do que­sta me­ta non la rag­giun­ge da an­ni. Me­no bam­bi­ni na­sco­no, me­no sa­ran­no le persone in gra­do di pren­der­si sul­le spal­le i co­sti dei tan­ti che in­vec­chia­no. In Ita­lia ne­gli ul­ti­mi 5 an­ni i na­ti so­no ca­la­ti co­stan­te­men­te: 488 mi­la i bam­bi­ni clas­se 2015, 15 mi­la in me­no del 2014 che già ave­va fat­to se­gna­re un mi­ni­mo sto­ri­co. Nu­me­ri fra i più bas­si dell’Unio­ne Eu­ro­pea: 1,35 fi­gli per don­na e un’età me­dia al par­to di 31,6 an­ni (29 quel­la eu­ro­pea). So­no i nu­me­ri del­la de­na­ta­li­tà che han­no in­dot­to il governo a lan­cia­re il Fer­ti­li­ty Day del 22 set­tem­bre. Non è la pri­ma vol­ta: una cam­pa­gna – La fer­ti­li­tà è un be­ne co­mu­ne – era già sta­ta fat­ta nel 2009, sen­za po­le­mi­che e sen­za ri­sul­ta­ti pe­rò, vi­sto che il nu­me­ro dei na­ti è di­mi­nui­to an­co­ra e che le neo­mam­me so­no la me­tà dei giovani inat­ti­vi. Ma non so­no so­lo pro­ble­mi (e spot) ita­lia­ni. Ec­co qua­li po­li­ti­che han­no adot­ta­to all’este­ro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.