NON VOLGETE LO SGUAR­DO

Vanity Fair (Italy) - - #Vanity Social -

Ap­prez­zo, da mam­ma di un bam­bi­no con di­sa­bi­li­tà, gli spa­zi che Va­ni­ty Fair de­di­ca all’in­clu­sio­ne so­cia­le di que­ste per­so­ne. Mi sem­bra ci sia pe­rò uno scol­la­men­to fra au­spi­ci e real­tà. Ini­zia l’an­no sco­la­sti­co e so­no qui a spe­ra­re di tro­va­re l’in­se­gnan­te di so­ste­gno ca­pa­ce, la clas­se sen­si­bi­le e ac­co­glien­te, e non è det­to che sia co­sì. Che bel­lo ap­plau­di­re, al­le Pa­ra­lim­pia­di ap­pe­na con­clu­se, le pro­ve dei no­stri atle­ti, ma qua­le di­spia­ce­re nel con­sta­ta­re che tan­ti bam­bi­ni e ra­gaz­zi non pos­so­no nep­pu­re so­gna­re que­ste im­pre­se: è un mi­sto di de­lu­sio­ne, di in­vi­dia ver­so si­mi­li che al con­tem­po so­no di­ver­si, di pre­oc­cu­pa­zio­ne di fron­te a un mon­do che non sem­pre guar­da l’uma­ni­tà del­le per­so­ne. Non li­mi­ta­te­vi a ti­fa­re per i pa­ra­lim­pi­ci, qua­si fos­se un mo­do per al­leg­ge­rir­vi la co­scien­za, per­ché lo­ro so­no so­lo una par­te di que­sto mon­do di fra­gi­li­tà. Per noi ge­ni­to­ri di di­sa­bi­li il vo­stro sguar­do in­cu­rio­si­to, se è in­te­res­se sin­ce­ro, non è pe­san­te. Non vol­ge­te­lo dall’al­tra par­te. ISA 70 di be­stio­le so eren­ti. I me­di­ci fan­no il pos­si­bi­le ma Mi­col sta trop­po ma­le e, pro­prio quan­do si sta per spe­gne­re, all’im­prov­vi­so la stan­za è in­va­sa da un si­len­zio ir­rea­le: gli al­tri ani­ma­li han­no tut­ti ca­pi­to che la ne è vi­ci­na. Ma al­lo­ra la ve­ri­tà è sem­pli­ce ed è tut­ta in quel si­len­zio. Vuol di­re che per ria­ma­re un es­se­re uma­no ba­sta ri­spet­tar­lo ed es­se­re com­pas­sio­ne­vo­le quan­do ha bi­so­gno d’aiu­to. Vuol di­re che in si­len­zio pos­sia­mo riap­pro­priar­ci del­la no­stra uma­ni­tà. Poi leg­gi che un’ado­le­scen­te fe­ri­ta nel cor­po e nell’ani­mo è sta­ta de­ri­sa e fil­ma­ta dal­le ami­che che avreb­be­ro do­vu­to soc­cor­rer­la, e ri­pen­si a Mi­col e al si­len­zio di quel­le be­stio­le, e ti chie­di co­me ab­bia­mo per­mes­so al­le no­stre co­scien­ze di smar­rir­si. A Mi­col, che no al­la ne ha sa­pu­to rac­con­ta­re l’amo­re. Agli uo­mi­ni, per­ché pos­sa­no tor­na­re a guar­da­re i lo­ro si­mi­li con gli oc­chi di Mi­col. NI­CO­LET­TA Co­me fai sba­gli.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.