CHI SOF­FRE IL SOLLETICO

È un do­cu­men­ta­rio che sta fa­cen­do il gi­ro del mon­do. Ha il­ma­to ec­cen­tri­che ga­re di re­si­sten­za, ma poi ha sco­per­to ben al­tro. Ri­cat­ti, mi­nac­ce, de­pres­sio­ne: vi ri­cor­da qual­co­sa?

Vanity Fair (Italy) - - Week - Di AL­BA SOLARO

Tic­kled è un bel­lis­si­mo do­cu- lm sul solletico, ma non c’è nul­la da ri­de­re. Per­ché rac­con­ta una vi­cen­da, pa­ra­dos­sa­le, di cy­ber­bul­li­smo. Un in­cu­bo, che il re­por­ter neo­ze­lan­de­se Da­vid Far­rier – au­to­re del do­cu­men­ta­rio con Dy­lan Ree­ve – non im­ma­gi­na­va quan­do un gior­no è in­ciam­pa­to on­li­ne sul vi­deo di un ra­gaz­zo le­ga­to a un ma­te­ras­so che si fa sol­le­ti­ca­re a mor­te da al­tri due, e ha ca­pi­to di aver tro­va­to la sua pros­si­ma sto­ria. Far­rier, no­to per ser­vi­zi te­le­vi­si­vi su te­mi biz­zar­ri, per esem­pio il «ver­me del­la mor­te» del de­ser­to mon­go­lo, non sa­pe­va quan­to biz­zar­ro in e et­ti fos­se il mon­do in cui sta­va en­tran­do. Il vi­deo ve­ni­va pre­sen­ta­to co­me un in­con­tro di Com­pe­ti­ti­ve En­du­ran­ce Tic­kling, ga­ra di re­si­sten­za al solletico che non ve­dre­mo mai al­le Olim­pia­di ma che ha il suo am­pio se­gui­to. La or­ga­niz­za una so­cie­tà ame­ri­ca­na, la Ja­ne O’Brien Me­dia, che at­tra­ver­so il web re­clu­ta gio­va­ni ma­schi tra i 18 e i 25 an­ni – bel­loc­ci, mu­sco­lo­si, più so ro­no il solletico me­glio è – e li por­ta a sue spe­se a Los An­ge­les. Qui av­ven­go­no le ri­pre­se de­gli in­con­tri «atle­ti­ci» (pa­ga­ti sui 1.500 dol­la­ri), in stu­di di po­sa; i ra­gaz­zi non so­no mai nu­di ma ve­sto­no spor­ti­vo, e il ring è qua­si sem­pre un let­to, do­ve 3 o 4 di lo­ro si dan­no ogni die­ci mi­nu­ti il cam­bio nei ruo­li: i «tor­tu­ra­to­ri» di­ven­ta­no a lo­ro vol­ta tor­tu­ra­ti, con pol­si o ca­vi­glie le­ga­ti sti­le bon­da­ge, e pos­so­no an­da­re avan­ti a con­tor­cer­si dal ri­de­re an­che per 60 mi­nu­ti di se­gui­to. Os­ser­var­li è un’espe­rien­za che sta tra guar­da­re un ca­na­le fe­ti­sh e far­ti ri­pe­te­re una bar­zel­let­ta che non hai ca­pi­to. Do­po un po’, è evi­den­te che tut­ti quei ma­schi pa­le­stra­ti che si sol­le­ti­ca­no man­da­no un mes­sag­gio più ero­ti­co che spor­ti­vo, che striz­za l’oc­chio al pub­bli­co gay. A Far­rier di­ven­ta chia­ro quan­do con­tat­ta la Ja­ne O’Brien Me­dia per un’in­ter­vi­sta e si sen­te ri­spon­de­re da una por­ta­vo­ce: «Non vo­glia­mo ave­re a che fa­re con un gior­na­li­sta omo­ses­sua­le. La no­stra è una com­pe­ti­zio­ne spor­ti­va stret­ta­men­te ete­ro e de­si­de­ria­mo che ri­man­ga ta­le». Sbi­got­ti­men­to del re­por­ter (che non ha mai fat­to mi­ste­ro del­la sua ses­sua­li­tà): un’azien­da che fa vi­deo gay-am­mic­can­ti ma che si com­por­ta da omo­fo­ba? An­dia­mo a ve­de­re che c’è die­tro. Do­po una cam­pa­gna di nan­zia­men­to via Kick­star­ter, so­no ar­ri­va­te due mi­nac­ce di cau­se le­ga­li, se­gui­te da tre emis­sa­ri spe­di­ti dal­la so­cie­tà in Nuo­va Ze­lan­da per dis­sua­de­re Far­rier. Ma lui e Ree­ve so­no an­da­ti co­mun­que a gi­ra­re ne­gli Sta­ti Uni­ti. Lan­cia­to al Sun­dan­ce Film Fe­sti­val, esal­ta­to dai cri­ti­ci e in odo­re di can­di­da­tu­ra all’Oscar, Tic­kled è di­ven­ta­to un ca­so (non an­co­ra di­stri­bui­to in Ita­lia). Chi fre­quen­ta il fe­ti­sh sa da tem­po di que­sta stra­va­gan­te nic­chia di ado­ra­to­ri del solletico. È una que­stio­ne di pel­le, tat­to, sen­si­bi­li­tà: sul tic­kling, va­ria­bi­le del sa­do­ma­so, cam­pa­no cen­ti­na­ia di ca­se di pro­du­zio­ne. Ma i vi­deo del­la Com­pe­ti­ti­ve En­du­ran­ce Tic­kling gio­ca­no sull’am­bi­gui­tà, so­no fe­ti­sh sen­za am­met­ter­lo. La Ja­ne O’Brien Me­dia si ri­ve­la un’azien­da ric­chis­si­ma ma di cui nes­su­no ha mai vi­sto i pro­prie­ta­ri. Il rac­con­to, pri­ma leg­ge­ro, tra cy­ber­bul­li­smo, nan­za, in­da­gi­ni fe­de­ra­li, di­ven­ta un my­ste­ry-hor­ror th­ril­ler. Il «cat­ti­vo», si sco­pre al­la ne, è Da­vid D’Ama­to, glio di un fa­col­to­so av­vo­ca­to new­yor­ke­se, ni­to in pri­gio­ne nel 2000 per aver ade­sca­to de­gli stu­den­ti e poi aver­li bul­liz­za­ti crac­kan­do an­che le lo­ro mail. So­lo un pa­io dei ra­gaz­zi che han­no par­te­ci­pa­to ai vi­deo ac­cet­ta­no di far­si in­ter­vi­sta­re nel lm. Uno di lo­ro è un aspi­ran­te gio­ca­to­re di foot­ball che si era pre­sen­ta­to pen­san­do fos­se­ro in­no­cen­ti pro­vi­ni per un rea­li­ty Tv. Gli ave­va­no ga­ran­ti­to che i vi­deo (e la sua iden­ti­tà) sa­reb­be­ro ri­ma­sti pri­va­ti. Quan­do si è vi­sto su You­Tu­be con tan­to di no­me, ha chie­sto di to­glie­re i lma­ti; gli so­no pio­vu­te ad­dos­so in­ti­mi­da­zio­ni, di de via mail, la mi­nac­cia di spe­di­re i vi­deo al­la sua fa­mi­glia. Al­la ne del lm non si ri­de più, nean­che se ti fan­no il solletico.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.