CO­MO­DI, NEL­LA FRIENDZONE

Vanity Fair (Italy) - - Week -

uan­do ave­vo vent’an­ni Max Pez­za­li è riu­sci­to a de­scri­ve­re in tre mi­nu­ti un con­cet­to che ha cam­bia­to la vi­ta a mi­lio­ni di cop­pie… di ami­ci. Quel­la can­zo­ne, La re­go­la dell’ami­co, è un te­sto sa­cro. Og­gi En­ri­co Mau­ro, am­mi­ni­stra­to­re del­la pa­gi­na Fa­ce­book «Boom Frien­d­zo­ned», ro­ba da più di un mi­lio­ne e mez­zo di adep­ti, pub­bli­ca per Piem­me il li­bro Ti amo di be­ne rac­co­glien­do il me­glio del­la pa­gi­na, e non so­lo. E il 28 set­tem­bre ci sa­rà il ra­du­no del­la com­mu­ni­ty in piaz­za Duo­mo a Mi­la­no. Do­man­da sem­pli­ce sem­pli­ce: vi sie­te mai in­na­mo­ra­ti del vo­stro mi­glio­re ami­co o ami­ca? Se sì, mi di­spia­ce, per­ché, sen­za sa­per­lo, ave­te fat­to par­te di una nuo­va di­men­sio­ne che og­gi si fa chia­ma­re «Friendzone», ma in real­tà è un gran­de clas­si­co. Due ami­ci di lun­ga o bre­ve da­ta, uo­mo o don­na o co­me vi pa­re, che tra­scor­ro­no ore e ore in­sie­me. Ba­sta? No. Si ri­de, si scher­za, ci si s ora per sba­glio, ci si ab­brac­cia, si vi­vo­no espe­rien­ze, rac­con­ti, so­gni, pau­re ma do­po un po’, spes­so, suc­ce­de qual­co­sa. Uno dei due ce­de a un pen­sie­ro la­te­ra­le, di quel­li che na­scon­di die­tro l’emi­sfe­ro de­stro del cer­vel­lo, a vol­te an­che più in là. Che fac­cio, glie­lo di­co? Che fac­cio, ci pro­vo e ba­sta? Che fac­cio? L’amo­re con­vin­ce a osa­re e quin­di ci si but­ta: Lui: «Cre­do di es­se­re in­na­mo­ra­to di te!». Lei: «Io ti vo­glio BE­NE, ma non ti amo». Lui: «Ma stia­mo co­sì be­ne in­sie­me!». Lei: «Sì è ve­ro, co­me par­lo con te non lo fac­cio con nes­su­no, ma a me pia­ce Pao­lo, lo sai!». Pao­lo, so­li­ta­men­te, è uno stron­zet­to qual­sia­si, ma che non è mar­chia­to, co­me te, dal­la de ni­zio­ne «ami­co». Può non de­gnar­ti di uno sguar­do, non ri­vol­ger­ti nean­che una pa­ro­la e sa­pe­re chi sei, ma avrà sem­pre un fa­sci­no eso­ti­co im­bat­ti­bi­le. È quel «lo sai» nel­la ri­spo­sta di lei che ti ta­glia fuo­ri da tut­to. Quin­di per tut­ti gli ami­ci aspi­ran­ti aman­ti da og­gi c’è un luo­go che può ac­co­glier­vi. La «Friendzone». Le pe­ne d’amo­re so­no sem­pre quel­le, ma al­me­no fa­te par­te di una co­mu­ni­tà con un no­me go. Io in­ve­ce, or­mai vi­ci­no ai qua­ran­ta, so­no al­la ri­cer­ca di un grup­po di so­ste­gno (an­che con un no­me me­no ghet­to) per su­pe­ra­re il trau­ma che mi ini­zio a sve­glia­re la mat­ti­na sen­za l’uso del­la sve­glia.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.