AU­GU­RI, LO­REN­ZO

Vanity Fair (Italy) - - Week -

co­sì hai com­piu­to cin­quant’an­ni an­che tu. È que­sta la vi­ta che so­gna­vi da bam­bi­no? Cre­do di sì. For­se non im­ma­gi­na­vi che sa­reb­be sta­to co­sì im­pe­gna­ti­vo e to­ta­liz­zan­te, an­che se fai sem­bra­re sem­pre tut­to fa­ci­le, ma di es­se­re ma­gi­co cre­do che tu lo ab­bia ca­pi­to pre­sto.

El­tre ad ascol­ta­re le tue can­zo­ni e ve­ni­re ai tuoi con­cer­ti, leg­go i tuoi li­bri e le tue in­ter­vi­ste (due o tre te ne ho fat­te an­ch’io), an­cor più ti os­ser­vo – da mol­ti an­ni, con at­ten­zio­ne – e ho ca­pi­to che il tuo enor­me suc­ces­so si nu­tre non so­lo del tuo ta­len­to e del­la tua straor­di­na­ria ca­pa­ci­tà di as­sor­bi­re e di­stil­la­re nel­la tua mu­si­ca il tem­po in cui vi­vi, ma so­prat­tut­to dell’im­pe­gno ma­nia­ca­le a cor­ri­spon­de­re to­tal­men­te, in ogni cel­lu­la, al tuo pro­get­to ar­ti­sti­co. Può an­che dar­si che ci sia sta­to un tem­po in cui Jo­va­not­ti che fa il dj e non va mai a let­to pri­ma del­le sei fos­se un ra­gaz­zo del tut­to spen­sie­ra­to, ma non ci cre­do poi tan­to. Per­ché Ab­bia­mo con den­za con i de­mo­ni in­te­rio­ri e sap­pia­mo che al mo­men­to giu­sto poi sal­ta­no fuo­ri e ci vuo­le piog­gia, ven­to e san­gue nel­le ve­ne e una ra­gio­ne per vi­ve­re per sol­le­va­re le pal­pe­bre, e cre­do che la tua ra­gio­ne per vi­ve­re sia sem­pre sta­ta co­mu­ni­ca­re agli al­tri la tua ri­cer­ca in­te­rio­re at­tra­ver­so le idee e i pro­get­ti a cui ti ap­pas­sio­ni.

Oai det­to che ti sem­bra as­sur­do com­pie­re cin­quant’an­ni ma è co­me se ti ve­des­si ar­ri­va­re a ses­san­ta e poi a cen­to sem­pre più bel­lo (sei im­bel­li­to con gli an­ni) e ca­ri­sma­ti­co, sai? Mi piac­cio­no tan­te tue can­zo­ni ma ho un de­bo­le per cer­ti ver­si che sem­bra­no un po’ ma­lin­co­ni­ci co­me So­no so­lo sta­se­ra sen­za di te, mi hai la­scia­to da so­lo da­van­ti al cie­lo e non so leg­ge­re, vie­ni­mi a pren­de­re, mi ri­co­no­sci, ho le ta­sche pie­ne di sas­si… la fac­cia pie­na di schia , il cuo­re pie­no di bat­ti­ti e gli oc­chi pie­ni di te, do­ve nel bel mez­zo di uno strug­gi­men­to spun­ta la tua poe­ti­ca esi­sten­zia­le: Mor­mo­ra, la gen­te mor­mo­ra, fal­la ta­ce­re pra­ti­can­do l’al­le­gria, gio­ca­no a da­di gli uo­mi­ni, re­sta sul ta­vo­lo un avan­zo di ma­gia.

Hc­co il pun­to: pra­ti­ca­re l’al­le­gria non è fa­ci­le se si è mol­to em­pa­ti­ci con gli al­tri e quin­di an­che con l’amo­re e il do­lo­re del mon­do, ma tu hai scel­to da sem­pre la par­te lu­mi­no­sa del­la lu­na. L’ho già rac­con­ta­to una vol­ta di co­me nel tuo ul­ti­mo con­cer­to, in uno dei vi­deo pro­iet­ta­ti sul pal­co, ti si ve­de tut­to im­ba­cuc­ca­to su una spiag­gia adria­ti­ca de­ser­ta, sot­to a un cie­lo neb­bio­so e gri­gio che di­ci: «Bel­lo il ma­re d’in­ver­no, sì, ma… d’esta­te è un’al­tra co­sa». Hai ra­gio­ne: bel­lo il ma­re d’in­ver­no, bel­li la ma­lin­co­nia e gli strug­gi­men­ti, ma il so­le e l’al­le­gria so­no un’al­tra co­sa, so­no la stra­da che hai scel­to tu, e so­no con­vin­ta che bi­so­gna la­vo­rar­ci per tra­sfor­ma­re le om­bre in lu­ce, e che ser­va co­no­sce­re il so­le e la lu­na per sce­glie­re il so­le, E una mu­si­ca che pom­pa san­gue nel­le ve­ne, e che fa ve­ni­re vo­glia di sve­gliar­si e di al­zar­si, e smet­te­re di la­men­tar­si.

E

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.