MO­ZART E LEO­NAR­DO»

Vanity Fair (Italy) - - Chi Conta Vanity -

pri­mo, nel 1998, in­sie­me all’ami­co Matt Da­mon per la sce­neg­gia­tu­ra di Will Hun­ting - Ge­nio ri­bel­le e il se­con­do nel 2013 co­me mi­glior lm per Ar­go – è mol­to più bra­vo co­me re­gi­sta, sce­neg­gia­to­re e pro­dut­to­re che co­me at­to­re, ep­pu­re que­sto ruo­lo che lo co­strin­ge ad at­teg­gia­men­ti aso­cia­li e apa­ti­ci fa per lui. Il suo vol­to mo­no­li­ti­co, che lo ren­de fra l’al­tro un ot­ti­mo gio­ca­to­re di po­ker, è per­fet­to per il ruo­lo di Ch­ri­stian Wol , ra­gaz­zo dall’in­fan­zia di ci­le, in gra­do di dia­lo­ga­re mol­to me­glio con i nu­me­ri che con le per­so­ne. Wol ha la sin­dro­me di Asper­ger, che è im­pa­ren­ta­ta con l’au­ti­smo, ma che non ha im­pat­to ne­ga­ti­vo sul­lo svi­lup­po in­tel­let­tua­le. Al con­tra­rio, com­por­ta un’at­ten­zio­ne os­ses­si­va ai det­ta­gli che nel­le per­so­ne già pre­di­spo­ste al­la ma­te­ma­ti­ca può pro­dur­re ren­di­men­ti ge­nia­li. Ben Af­fleck in Bat­man v Su­per­man: Da­wn of Ju­sti­ce. Lo ri­ve­dre­mo nei pan­ni del «pi­pi­strel­lo» nel 2017, in Ju­sti­ce Lea­gue. In al­to, in The Ac­coun­tant. «Wol è un uo­mo di­vi­so fra la sua na­tu­ra dol­ce e gen­ti­le e l’in­fan­zia che ha vis­su­to, con un pa­dre che ha vo­lu­to se­pa­rar­lo dal­la vi­ta, sot­to­po­nen­do­lo a pro­ve du­ris­si­me». Ca­rat­te­re a par­te, per pre­pa­rar­si al ruo­lo Ben A eck ha stu­dia­to: «Ho fat­to ri­cer­che, ho let­to ana­li­si sui com­por­ta­men­ti dei ra­gaz­zi con sin­dro­me di Asper­ger, ho cer­ca­to di en­tra­re nel­la men­te di un in­di­vi­duo che non ha al­cu­na di col­tà a met­te­re in­sie­me un puzz­le unen­do i tas­sel­li dal ro­ve­scio, ma che non rie­sce a sor­ri­de­re a un al­tro es­se­re uma­no, a guar­da­re ne­gli oc­chi il suo in­ter­lo­cu­to­re». Ha im­pa­ra­to co­sì be­ne che di cil­men­te, nel cor­so di tut­ta l’in­ter­vi­sta, il suo sguar­do in­cro­ce­rà il mio. «Mi aspet­to di­bat­ti­to, con­tro­ver­sie», di­ce del suo nuo­vo lm, «suc­ce­de sem­pre quan­do si par­la di cer­te te­ma­ti­che. C’è gen­te ar­rab­bia­ta lì fuo­ri, ci so­no opi­nio­ni con­tra­stan­ti, c’è chi par­la di vac­ci­ni che pos­so­no cau­sa­re l’au­ti­smo, c’è chi ri­de a cer­te teo­rie. È fa­ci­le toc­ca­re qual­che ner­vo sco­per­to, so­prat­tut­to per­ché trat­tia­mo di que­sto de­li­ca­to ar­go­men­to in un lm che pre­ve­de mol­te sce­ne d’azio­ne. Im­ma­gi­no che qual­cu­no si sen­ti­rà o eso, pen­se­rà che si trat­ta di un te­ma trop­po se­rio per schia ar­ci in­sie­me qual­che in­se­gui­men­to e qual­che esplo­sio­ne, ma io cre­do di aver co­mun­que re­so un buon ser­vi­zio al­la co­mu­ni­tà dei ra­gaz­zi con que­sta sin­dro­me. Del re­sto il ge­ne dell’Asper­ger può por­ta­re gran­dio­si­tà. Sen­za, non avrem­mo avu­to Ein­stein, Tu­ring, Mo­zart e Leo­nar­do». Fra chi si sen­ti­rà ol­trag­gia­to ci sa­ran­no i de­trat­to­ri del­le ar­mi, po­chi in Ame­ri­ca, qual­cu­no in più nel re­sto del mon­do. Il pro­ta­go­ni­sta ne fa un gran­de uso e le spa­ra­to­rie nel lm si spre­ca­no. «Non so­no un fan del­le ar­mi, an­zi, ma do­ve­vo es­se­re cre­di­bi­le, co­sì mi so­no eser­ci­ta­to, do­ve­vo ave­re la di­me­sti­chez­za di un ra­gaz­zo cre­sciu­to in un am­bien­te mi­li­ta­re. Poi sia­mo at­to­ri, sap­pia­mo nge­re. Non è che se in­ter­pre­to un cam­pio­ne di ba­se­ball de­vo di­ven­ta­re per for­za il mi­glior bat­ti­to­re al mon­do, mi ba­sta ap­pa­ri­re cre­di­bi­le». A pro­po­si­to di sport, sot­to l’im­pos­si­bi­le ab­bi­na­men­to giub­bet­to co­lor ta­bac­co e ma­gliet­ta ver­de s’in­tra­ve­do­no an­co­ra i mu­sco­li di Bat­man. «An­che que­sto è un ruo­lo che ri­chie­de una cer­ta si­ci­tà, ma mol­to del la­vo­ro in pa­le­stra lo ave­vo già fat­to con Bat­man v Su­per­man». Nei pan­ni dell’uo­mo pi­pi­strel­lo tor­ne­rà nel 2017 con Ju­sti­ce Lea­gue, e poi an­co­ra più avan­ti, con un re­boot del­le av­ven­tu­re di Bat­man, an­co­ra sen­za ti­to­lo, che di­ri­ge­rà lui stes­so. «Di que­sti tem­pi è mol­to più fa­ci­le fa­re un lm trat­to da un fu­met­to che non un la­vo­ro co­me The Ac­coun­tant, ma non pen­so che i lm sui su­pe­re­roi sia­no il dia­vo­lo, an­zi. So­no il mo­do che og­gi Hol­ly­wood ha di co­mu­ni­ca­re cul­tu­ral­men­te e so­cial­men­te con il re­sto del mon­do. Il mer­ca­to in­ter­na­zio­na­le vuo­le cer­ti ti­pi di lm dall’in­du­stria ame­ri­ca­na: per far­ne uno da 200 mi­lio­ni di dol­la­ri oc­cor­re ave­re ri­sor­se che mol­ti Pae­si non han­no». In più c’è la te­le­vi­sio­ne, sem­pre più pre­fe­ri­ta dal pub­bli­co, spe­cie quel­lo adul­to: «Or­mai si può sce­glie­re se an­da­re al ci­ne­ma o sta­re a ca­sa a fa­re la ma­ra­to­na di Tro­no di Spa­de. La qua­li­tà del­la Tv ha un ruo­lo im­por­tan­te nel­la pie­ga che ha pre­so l’in­du­stria ci­ne­ma­to­gra ca ame­ri­ca­na». Poi c’è In­ter­net: per go90, la piat­ta­for­ma dell’azien­da di te­le­co­mu­ni­ca­zio­ni ame­ri­ca­na Ve­ri­zon, il pro­dut­to­re Ben A eck ha crea­to un rea­li­ty show, The Run­ner, che rac­con­ta l’in­se­gui­men­to at­tra­ver­so gli States di un uo­mo in fu­ga: i par­te­ci­pan­ti vin­co­no de­na­ro se e quan­do lo tro­va­no. Il for­mat è sta­to in­ven­ta­to con Matt Da­mon. «Ci co­no­scia­mo da più di trent’an­ni, non pos­so cre­de­re di es­se­re co­sì vec­chio da di­re che ho un ami­co da trent’an­ni. Nel tem­po ho im­pa­ra­to che non ser­vo­no tan­ti ami­ci per sta­re be­ne, ma al­cu­ne buo­ne, so­li­de, ami­ci­zie».

NU­ME­RI E BAT­MAN

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.