Su­pe­re­roe con­tro il raz­zi­smo

È il pri­mo ne­ro a in­ter­pre­ta­re un per­so­nag­gio con po­te­ri spe­cia­li: MI­KE COLTER spie­ga il suo «do­ve­re»

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di MAR­GHE­RI­TA COR­SI

Ci so­no tre­ni che pas­sa­no una so­la vol­ta. Quel­lo di Mi­ke Colter si chia­ma Lu­ke Ca­ge, la ter­za pro­du­zio­ne de­di­ca­ta ai Di­fen­so­ri del­la Mar­vel e na­ta dal­la col­la­bo­ra­zio­ne con Net ix, do­ve de­but­ta il 30 set­tem­bre. L’uo­mo dal­la pel­le a pro­va di pro­iet­ti­le, in­ter­pre­ta­to dall’at­to­re ame­ri­ca­no, 40 an­ni, già vi­sto in The Good Wi­fe (era Le­mond Bi­shop), è il pri­mo su­pe­re­roe ne­ro pro­ta­go­ni­sta di una se­rie Tv: «La­sce­rà un se­gno in­de­le­bi­le», spie­ga al te­le­fo­no da Pa­ri­gi. Per ave­re il ruo­lo, Colter ha sciol­to il con­trat­to che ave­va già rma­to per un’al­tra se­rie: «Per for­tu­na, i pro­dut­to­ri han­no ca­pi­to che co­sa avreb­be si­gni ca­to Lu­ke Ca­ge per la mia car­rie­ra». Ave­va un so­lo dub­bio: «Ho vi­sto l’omo­ne ne­ro dei fu­met­ti e ho pen­sa­to: “Sa­rà un ti­po ru­de e un po’ sce­mo”. Non vo­le­vo una par­te co­sì». Ma Lu­ke non è co­me sem­bra: «È pre­mu­ro­so, vul­ne­ra­bi­le, un in­gua­ri­bi­le ro­man­ti­co. Per no sdol­ci­na­to». Co­me in Da­re­de­vil e Jes­si­ca Jo­nes, il to­no è noir e la vio­len­za ab­bon­da. Ma Ca­ge «è di­ver­so da­gli al­tri Di­fen­so­ri: non vuo­le fa­re il su­pe­re­roe, odia i ri et­to­ri e non ha un co­stu­me. Ac­cet­ta so­lo per il suo sen­so del do­ve­re». A s dar­lo è Cot­ton­mou­th, il boss del­la ma­la­vi­ta di Har­lem (Ma­her­sha­la Ali, il Re­my Dan­ton di Hou­se of Cards). Colter rac­con­ta che ha de­ci­so di re­ci­ta­re a 8 an­ni, do­po aver vi­sto il lm Sto­ria di un sol­da­to: «C’era­no tan­ti at­to­ri afroa­me­ri­ca­ni, tra cui Den­zel Wa­shing­ton. Per la pri­ma vol­ta, ho pen­sa­to che il mio so­gno po­te­va rea­liz­zar­si». Ri et­ten­do sul­la sua car­rie­ra, un re­gi­sta che non di­men­ti­che­rà mai è Clint Ea­st­wood, che lo scel­se per la par­te di un pu­gi­le in Mil­lion Dol­lar Ba­by: «Mi ha in­se­gna­to a es­se­re un lea­der e mi ha sem­pre trat­ta­to al­la pa­ri. No­no­stan­te le sue idee po­li­ti­che, la­vo­re­rei con lui al­tre mil­le vol­te. Ora, pe­rò, vo­glio es­se­re si­cu­ro che cam­bie­re­mo qual­co­sa nel­la so­cie­tà. Sen­to di ave­re un do­ve­re spe­cia­le». Mi­ke Colter, 40 an­ni, già in The Good Wi­fe, og­gi è il pro­ta­go­ni­sta di Lu­ke Ca­ge, dal 30 set­tem­bre su Net­flix.

DE­BUT­TO SPE­CIA­LE

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.