MO­DO DI AMA­RE E DI ES­SE­RE AMA­TI»

Vanity Fair (Italy) - - Anche Noi -

si tra­sfor­ma nei per­so­nag­gi in un mo­do in­cre­di­bi­le. La pri­ma vol­ta che è usci­ta dal­la rou­lot­te con il co­stu­me e il truc­co di sce­na del­la ba­ri­sta che poi si in­na­mo­ra di Chuck qua­si non l’ho ri­co­no­sciu­ta». Sem­pre par­lan­do del per­so­nag­gio di The Blee­der, un pu­gi­le di pe­ri­fe­ria che per 15 round tie­ne te­sta a Mu­ham­mad Ali, di­ven­ta fa­mo­so e per­de la te­sta, Liev mi ha an­che det­to: «So­no mol­to in­te­res­sa­to a que­sti te­mi, al nar­ci­si­smo, al­la fama e all’ef­fet­to che pro­vo­ca su di noi, sul no­stro mo­do di ama­re e di es­se­re ama­ti. Io ho ini­zia­to co­me at­to­re di tea­tro, ho im­pa­ra­to che se cre­di al­le buo­ne re­cen­sio­ni de­vi cre­de­re an­che a quel­le ne­ga­ti­ve e il suc­ces­so po­po­la­re che ha avu­to la mia se­rie Tv (Ray Do­no­van, in cor­so dal 2013, ndr) in que­sti ul­ti­mi an­ni mi ha col­to un po’ im­pre­pa­ra­to, e co­mun­que mi ha fat­to ri­flet­te­re su tan­te co­se. Tra l’al­tro, la se­rie si gi­ra a Los An­ge­les e que­sto mi co­strin­ge a sta­re spes­so lon­ta­no da ca­sa. Sa­sha e Sa­muel Kai (i due fi­gli, 9 e 7 an­ni, ndr) fre­quen­ta­no un’ot­ti­ma scuo­la a New York, non vo­glia­mo de­sta­bi­liz­zar­li. Ma per me vi­ve­re in due cit­tà co­sì lon­ta­ne è ab­ba­stan­za du­ro». Tra una pau­sa e l’al­tra del­le ri­spet­ti­ve in­ter­vi­ste ve­ne­zia­ne, Nao­mi rag­giun­ge­va Liev e gli ap­pog­gia­va una ma­no sul­la spal­la. In bar­ca in­sie­me, du­ran­te i nu­me­ro­si spo­sta­men­ti, si par­la­va­no con se­re­ni­tà. Il non vo­ler es­se­re in­ter­vi­sta­ti in cop­pia ven­ne da tut­ti, me com­pre­sa, giu­sti­fi­ca­to con un «lei ha un ruo­lo pic­co­lo nel film, vuo­le la­sciar­gli spa­zio». Di nuo­vo, sul red car­pet ve­ne­zia­no, era­no in­sie­me e sor­ri­den­ti. E la sce­na si è ri­pe­tu­ta po­chi gior­ni do­po al fe­sti­val di To­ron­to. Poi, a so­le due set­ti­ma­ne di di­stan­za, quan­do an­co­ra non ci era­va­mo ri­pre­si dal di­vor­zio Jolie-Pitt, e pro­prio men­tre tut­ta l’America era sin­to­niz­za­ta sul di­bat­ti­to elet­to­ra­le Clin­ton-Trump, ec­co che ar­ri­va la no­ti­zia che nes­su­no (io me­no di tut­ti) si aspet­ta­va: Nao­mi Watts e Liev Schrei­ber an­nun­cia­no che si la­scia­no do­po un­di­ci an­ni in­sie­me. Co­mu­ni­ca­to con­giun­to, di­scre­to e chia­ra­men­te de­si­de­ro­so di evi­ta­re esa­ge­ra­to cla­mo­re. Nao­mi Watts e Liev Schrei­ber in una sce­na di The Blee­der, che rac­con­ta la sto­ria di Chuck We­pner, il pu­gi­le che ispi­rò Roc­ky a Syl­ve­ster Stal­lo­ne. Lui ha com­piu­to 49 an­ni il 4 ot­to­bre, lei ne ha uno di me­no. Si era­no co­no­sciu­ti a New York nel 2005 al tra­di­zio­na­le bal­lo del Me­tro­po­li­tan Mu­seum. Lei lo in­vi­tò a rag­giun­ger­la do­po in un lo­ca­le. Lui ci an­dò e la tro­vò in com­pa­gnia di Sean Penn e Be­ni­cio del To­ro, gli at­to­ri con cui Nao­mi ave­va in­ter­pre­ta­to 21 gram­mi di Ale­jan­dro Gon­zá­lez Iñár­ri­tu, film per il qua­le ave­va an­che ri­ce­vu­to una no­mi­na­tion all’Oscar. Liev si sen­te di trop­po, un pe­sce fuor d’ac­qua, sta per an­dar­se­ne ma lei gli cor­re die­tro e gli chie­de: «Non vuoi il mio nu­me­ro di te­le­fo­no?». Il gior­no do­po si ve­do­no a co­la­zio­ne, poi lei ri­par­te per Los An­ge­les do­ve sta la­vo­ran­do. È l’ini­zio di un lun­go cor­teg­gia­men­to via email e poi, ec­co­li ge­ni­to­ri di due fi­gli. Non si so­no mai spo­sa­ti e, so­lo quat­tro an­ni fa, Nao­mi in un’in­ter­vi­sta ha di­chia­ra­to: «Sia­mo le­ga­tis­si­mi, an­che sen­za un cer­ti­fi­ca­to. Ci va be­ne co­sì. Poi, ma­ga­ri, un gior­no, ci spo­se­re­mo pu­re». Quel gior­no, a que­sto pun­to non ar­ri­ve­rà mai, a me­no di col­pi di sce­na de­gni di un film e non del­la vi­ta ve­ra di due per­so­ne che, ben­ché con i film ci cam­pi­no, so­no un uo­mo e una don­na co­me tut­ti gli al­tri. So­lo che, a dif­fe­ren­za de­gli al­tri, le lo­ro sto­rie fi­ni­sco­no sui gior­na­li, quin­di toc­ca fa­re un po’ di equi­li­bri­smi se hai da pro­muo­ve­re un film, e in­tan­to il tuo ma­tri­mo­nio è an­da­to a ro­to­li. Del re­sto, so­no at­to­ri. Re­ci­ta­no be­ne, qua­si sem­pre, an­che la par­te del­le per­so­ne fe­li­ci, quel­la che ha più suc­ces­so. Chi vuo­le ve­de­re due mu­so­ni su un tap­pe­to ros­so? Du­ran­te l’in­ter­vi­sta ho chie­sto a Schrei­ber se aves­se let­to Ec­co­mi, l’ul­ti­mo li­bro di Jo­na­than Sa­fran Foer, lo scrittore con cui ave­va col­la­bo­ra­to in pas­sa­to. La pri­ma, e per ora uni­ca, re­gia di Schrei­ber è in­fat­ti la versione ci­ne­ma­to­gra­fi­ca di Ogni co­sa è il­lu­mi­na­ta di Sa­fran Foer. Gli ho an­che con­fes­sa­to che, pro­ba­bil­men­te in­fluen­za­ta dal suo le­ga­me con Ogni co­sa è il­lu­mi­na­ta, men­tre leg­ge­vo Ec­co­mi im­ma­gi­na­vo pro­prio lui nel­la par­te del pro­ta­go­ni­sta. Il per­so­nag­gio si chia­ma Ja­cob e il ro­man­zo rac­con­ta la do­lo­ro­sis­si­ma fi­ne del suo ma­tri­mo­nio con una don­na di no­me Ju­lia. «Sì, l’ho let­to», mi ha ri­spo­sto Schrei­ber. «Che li­bro straor­di­na­rio». E poi ha ab­bas­sa­to gli oc­chi. E poi l’in­ter­vi­sta è fi­ni­ta. For­se i se­gna­li c’era­no. For­se ba­sta­va vo­ler­li ca­pi­re.

L’UL­TI­MO CIAK

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.