LA SUA DAN­ZA È POESIA

Vanity Fair (Italy) - - Alla Sbarra/2 Vanity -

Ro­ber­to Bol­le fa par­te di quel­la tri­bù ra­ris­si­ma di uma­ni che pur fa­cen­do una co­sa esclu­si­va, ge­ne­ral­men­te de­sti­na­ta a po­chi, ar­ri­va­no al cuo­re di tut­ti in tut­to il mon­do. Quan­ti ogni an­no pas­sa­no dal­la Sca­la o dal Me­tro­po­li­tan di New York per as­si­ste­re al bal­let­to clas­si­co? Po­chis­si­mi in con­fron­to ai mi­lio­ni che, se gli do­man­di il no­me del più gran­de bal­le­ri­no clas­si­co che c’è, rispondono su­bi­to Ro­ber­to Bol­le. Quel­lo stes­so in­nu­me­re­vo­le po­po­lo che co­no­sce Pa­va­rot­ti an­che sen­za mai aver vi­sto un’ope­ra o Ein­stein an­che sen­za ca­pir­ci di fi­si­ca quan­ti­sti­ca. Ar­ri­va­no al cuo­re, per via di qual­co­sa di mi­ste­rio­so che han­no. Io lo so cos’è: è l’ani­ma. For­se vie­ne fuo­ri a for­za di sacrifici, o for­se esi­ste pri­ma dei sacrifici, que­sto è un mi­ste­ro, ma di fat­to la sua è una vi­ta di to­ta­le sa­cri­fi­cio di sé al dio del­la dan­za da quan­do ave­va 6 an­ni. Quan­do in­con­tro Bol­le lo tar­tas­so di domande, sul suo la­vo­ro, sul­la pre­pa­ra­zio­ne, la de­di­zio­ne, lo stu­dio, il trai­ning, l’ali­men­ta­zio­ne, e ho ca­pi­to che in lui con­vi­vo­no ele­men­ti che ba­ste­reb­be­ro pre­si sin­go­lar­men­te a fa­re un pri­mo bal­le­ri­no di un gran­de tea­tro, ma so­lo tut­ti in­sie­me fan­no sca­tu­ri­re l’ani­ma e na­sce Ro­ber­to Bol­le con la sua poesia, il più gran­de, quel­lo che ha rin­no­va­to il lin­guag­gio del­la dan­za clas­si­ca por­tan­do­la nel fu­tu­ro sen­za far­le per­de­re nien­te del­la sua sto­ria me­ra­vi­glio­sa pas­sa­ta. Una se­ra di qual­che me­se fa ero an­da­to a ve­de­re Bol­le che fa­ce­va Ro­meo e Giu­liet­ta e, scher­zan­do sul mio com­plean­no im­mi­nen­te, al­la do­man­da su che co­sa avrei de­si­de­ra­to co­me regalo ho ri­spo­sto “bal­la­re”. Il gior­no do­po mi ha chia­ma­to per in­vi­tar­mi al suo pro­gram­ma su Ra­iu­no e gli ho det­to: “Che co­sa vuoi che can­ti?”. “Bal­lia­mo”, mi ha ri­spo­sto. E co­sì è ca­pi­ta­to che ho bal­la­to con Bol­le su una co­reo­gra­fia ve­ra, pro­van­do tre gior­ni in­sie­me a lui, che è co­me par­la­re di re­la­ti­vi­tà con Ein­stein, o fa­re una cor­set­ta con Bolt o un graf­fi­to sul mu­ro con Pi­cas­so, una co­sa co­sì. Un regalo paz­ze­sco.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.