MI SEN­TO SO­LA

NON HO CON­CLU­SO NUL­LA,

Vanity Fair (Italy) - - Il Postino -

Non sa­pe­vo co­sa fa­re, né co­sa avrei vo­lu­to di­ven­ta­re. Da pic­co­lo de­si­de­ra­vo es­se­re uno scrittore. Ma non co­no­sce­vo nes­su­no nel­le ca­se edi­tri­ci e nei gior­na­li, per cui lo bol­lai co­me l’en­ne­si­mo pen­sie­ro vel­lei­ta­rio. Un sa­ba­to se­ra, do­po una set­ti­ma­na di pic­co­li ca­ta­cli­smi per­so­na­li – la­scia­to dal­la ra­gaz­za, boc­cia­to a un esa­me – e di ri­tor­no da una fe­sta a cui co­me al so­li­to mi ero an­no­ia­to, nel buio fu­mo­so del­la mia stan­za fui col­to da un’in­tui­zio­ne. Non sa­rà che cia­scu­no di noi vie­ne al mon­do con un ta­len­to ed è abu­li­co e de­pres­so per­ché non rie­sce a far­lo frut­ta­re? Le re­mi­ni­scen­ze evan­ge­li­che mi ri­por­ta­ro­no al­la men­te la no­ta pa­ra­bo­la. Ma c’era un aspet­to in più: la dif­fi­col­tà per un uo­mo non con­si­ste tan­to nel fa­re frut­ta­re il pro­prio ta­len­to, quan­to nel ri­co­no­scer­lo. Pen­sai a quan­te per­so­ne che il mon­do in­vi­dia­va era­no in real­tà in­fe­li­ci e sban­da­te. Ave­va­no avu­to suc­ces­so in amo­re e nel la­vo­ro, ma non ama­va­no né il pro­prio part­ner né il pro­prio me­stie­re. Qual­cu­no non era riu­sci­to a rea­liz­za­re il ta­len­to per cui era ve­nu­to al mon­do. Ma al­tri, la mag­gio­ran­za, quel ta­len­to non lo ave­va­no mai nep­pu­re tro­va­to… Già, qual era il mio ta­len­to? La con­sa­pe­vo­lez­za mi ar­ri­vò ad­dos­so, sal­tan­do il flus­so tra­di­to­re dei pen­sie­ri per im­por­si al mio cuo­re con la for­za di una ve­ri­tà in­di­mo­stra­bi­le. Com­pre­si che il ta­len­to che ci fa­rà del be­ne è quell’at­ti­tu­di­ne che, fin­ché non la ri­co­no­scia­mo, ci fa del ma­le. Per me era la scrit­tu­ra, per­ché fi­no ad al­lo­ra l’ave­vo usa­ta per tor­men­tar­mi e per­pe­tua­re il mio ma­les­se­re. Se l’aves­si sgra­va­ta di ogni pe­san­tez­za, sa­reb­be di­ven­ta­ta la mia ra­gio­ne di vi­ta. Ma non tut­ti i ta­len­ti de­vo­no ave­re a che fa­re con at­ti­vi­tà pub­bli­che. Ho co­no­sciu­to fa­le­gna­mi fe­li­ci e rock­star de­pres­se. Non con­ta il «co­sa», ma il «per­ché». Se, co­me cre­do, cia­scu­no vie­ne al mon­do con una pic­co­la missione da com­pie­re, è quan­do la sco­pre e co­min­cia a svol­ger­la che si sin­to­niz­za con il sen­so del­la sua vi­ta. Ci riu­sci­rai an­che tu, ca­ra Se­re­na. Ap­pe­na met­te­rai a ta­ce­re l’in­ces­san­te ru­mo­re di fon­do del tuo cer­vel­lo per crea­re quel si­len­zio in­te­rio­re che ti per­met­te­rà di sen­ti­re la tua vo­ce più in­ti­ma e ve­ra: sa­rà lei a in­di­car­ti l’in­di­riz­zo del tuo ta­len­to. AN­DRÉ DA LOBA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.