ASPET­TAN­DO IL MIO «BOSS»

Vanity Fair (Italy) - - Week -

spet­ta­vo que­sto mo­men­to da an­ni, con an­sia, pau­ra e «fa­me di», man­co fos­se la fi­na­le di Cham­pions del­la Ma­gi­ca. Un pa­io di gior­ni fa l’at­te­sa è fi­ni­ta: è usci­to il nuo­vo ro­man­zo di Ales­san­dro Pi­per­no, Do­ve la sto­ria fi­ni­sce. Non l’ho an­co­ra let­to — ini­zio og­gi, giu­ro! — ma da ve­ro fan ma­la­to di men­te non pos­so che con­si­gliar­ve­lo-con­si­gliar­ve­lo-con­si­gliar­ve­lo (non è una mar­chet­ta, cre­de­te­mi), as­su­men­do­mi ov­via­men­te tut­te le re­spon­sa­bi­li­tà del ca­so. Quan­do si vi­ve una pas­sio­ne co­me la mia si è smac­ca­ta­men­te di par­te, ti­po i fan di Bru­ce Spring­steen e Va­sco. Ec­co, pen­sa­te a lo­ro, io pen­so a Pi­per­no. Lui per me è «The Boss». Men­tre scri­vo, ve­do la co­per­ti­na e cer­co di im­ma­gi­nar­mi che sto­ria ha scrit­to, se sa­rà riu­sci­to an­co­ra una vol­ta a rac­con­ta­re una vi­cen­da coin­vol­gen­te, com­mo­ven­te, spa­ven­to­sa. Do­po un po’ mi vie­ne an­che pau­ra. E se fos­se de­lu­den­te? O brut­to sen­za appello? Do­vrò aspet­ta­re an­ni pri­ma di ri­vi­ve­re l’eu­fo­ria di en­tra­re in li­bre­ria e com­pra­re un suo li­bro sen­za co­no­sce­re

Anean­che va­ga­men­te il con­te­nu­to. Do­vrò pas­sa­re an­ni, inol­tre, a di­fen­der­lo in­con­di­zio­na­ta­men­te dal mio ami­co che leg­ge tan­to ma «Pi­per­no, scu­sa, non ce la fac­cio!», che aspet­ta­va da tem­po il fal­li­men­to del mio scrit­to­re pre­fe­ri­to. Vi è mai ca­pi­ta­to di com­pra­re un di­sco o an­che un li­bro di qual­cu­no che ama­te e di non riu­sci­re im­me­dia­ta­men­te ad ascol­tar­lo o leg­ger­lo? A me suc­ce­de spes­so. È una stra­na sen­sa­zio­ne: da una par­te pro­vo un de­si­de­rio per­ver­so nel ri­tar­da­re il pia­ce­re del­la let­tu­ra, dall’al­tra ho la con­sa­pe­vo­lez­za che, una vol­ta «den­tro» la sto­ria, fi­ni­rà tut­to. Mi spie­go me­glio. L’at­te­sa, «l’at­ti­mo pri­ma di...», co­me in tan­ti mo­men­ti del­la vi­ta, è una sen­sa­zio­ne spe­cia­le. Co­me po­co pri­ma che l’ae­reo si al­zi in vo­lo, co­me l’istan­te pri­ma di un ba­cio, co­me quan­do sta per ini­zia­re l’ul­ti­ma pun­ta­ta del Tro­no di spa­de. Vor­re­sti che du­ras­se in eter­no. Vor­re­sti po­ter ri­vi­ve­re quel­la sen­sa­zio­ne con­ti­nua­men­te. Poi quan­do sei in vo­lo, quan­do il ba­cio lo stai vi­ven­do, quan­do ca­pi­sci che Jon Snow è an­co­ra vi­vo, una vol­ta su­pe­ra­to quel mo­men­to di eu­fo­ria in­con­trol­la­bi­le, sai che è so­lo una que­stio­ne di tem­po. Pri­ma o poi fi­ni­rà. Co­me un con­cer­to di Bru­ce Spring­steen (da ades­so in poi fac­cia­mo che non par­lia­mo più di lui per due an­ni? Dai), co­me la fi­na­le di Cham­pions, co­me un li­bro di Ales­san­dro Pi­per­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.