I COM­PLI­MEN­TI»

«CI PEN­SIA­MO DA SO­LE A MET­TER­CI IN DI­SCUS­SIO­NE: VOI PA­DRI RICORDATEVI OGNI TAN­TO DI FAR­CI

Vanity Fair (Italy) - - Santa Pazienza Vanity -

«Ab­bia­mo ri­so co­me paz­ze. Quel­la sce­na han­no do­vu­to mon­tar­la usan­do va­ri pez­zi, non c’era un so­lo ciak uti­liz­za­bi­le per in­te­ro. Ed era­no an­che ciak mol­to lun­ghi: una vol­ta, per di­re, Ka­th­ryn (Hahn, ndr) è par­ti­ta per la tan­gen­te, si è mes­sa a fin­ge­re di ma­stur­ba­re un pe­ne. Io sghi­gnaz­za­vo sem­pre. E poi da­vo la col­pa al per­so­nag­gio: “È a lei che vie­ne da ri­de­re!”». «Tro­vo scioc­can­te che an­co­ra og­gi sia­mo qui a di­re: “Ca­spi­ta, le don­ne san­no far ri­de­re! Rie­sco­no per­si­no a por­ta­re un film sul­le spal­le!”. Un film con per­so­nag­gi ma­schi­li può an­da­re be­nis­si­mo o es­se­re un flop, ma nes­su­no sot­to­li­nea il fat­to che il pro­ta­go­ni­sta è un uo­mo. Se in­ve­ce è un film di don­ne, al­lo­ra i com­men­ti clas­si­ci so­no “è un mi­ra­co­lo che ab­bia fun­zio­na­to” o, se va ma­le, “la pros­si­ma vol­ta sa­rà im­pos­si­bi­le tro­va­re i sol­di”. E poi, che as­sur­do que­sto pre­giu­di­zio ver­so le com­me­die con ca­st fem­mi­ni­le. So­prat­tut­to per­ché spes­so, co­me in que­sto ca­so, so­no sto­rie mol­to sfac­cet­ta­te. Se Ash­ton si è di­ver­ti­to, tut­ti gli uo­mi­ni pos­so­no di­ver­tir­si. Vor­rei che nes­su­no pen­sas­se al fat­to che sia­mo don­ne. Vor­rei che la gen­te an­das­se a ve­de­re il film sem­pli­ce­men­te per­ché è bel­lo». Ab­bia­mo par­la­to di mam­me. Qual­che con­si­glio per i pa­dri ce l’ha? «I pa­dri – e an­che tut­ti gli al­tri – de­vo­no ri­cor­dar­si che noi ma­dri ci met­tia­mo già ab­ba­stan­za sot­to pres­sio­ne da so­le. Non ser­ve che lo fac­cia­no an­che gli al­tri. Sa­reb­be bel­lo, ogni tan­to, sen­tir­si di­re: “Sei sta­ta bra­va”. E par­lo per espe­rien­za per­so­na­le, per­ché mio ma­ri­to è un uo­mo e un pa­dre stu­pen­do. Lo di­co pro­prio per­ché lui è sem­pre il pri­mo a di­re: “Og­gi sei sta­ta bra­vis­si­ma”. Lo fa sen­za che io glie­lo chie­da, ed è un pia­ce­re non do­ver ele­mo­si­na­re i com­pli­men­ti dal tuo com­pa­gno. Ti fa sen­ti­re mol­to più si­cu­ra». Da uno a die­ci, che mam­ma è? «Die­ci vuol di­re che non me ne fre­ga un tu­bo o che so­no la mi­glior mam­ma del mon­do?». La mi­glior mam­ma del mon­do. «Per mia fi­glia so­no un die­ci, an­che per­ché so­no l’uni­co die­ci che co­no­sce. Al mo­men­to io per lei so­no il mas­si­mo: sta­mat­ti­na, all’al­ba, ero lì che pen­sa­vo: “Og­gi ci di­ver­ti­re­mo un sac­co”». (tra­du­zio­ne di Mat­teo Co­lom­bo)

BEL­LA FA­MI­GLIA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.