MAL­GRA­DO LUI

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Sul No­bel a Bob Dy­lan la pen­so – se im­por­ta a qual­cu­no – co­me Ales­san­dro Ba­ric­co (e com­pli­men­ti per Il nuo­vo Bar­num): «Pre­mia­re Bob Dy­lan con il No­bel per la Let­te­ra­tu­ra è co­me da­re un Gram­my Award a Ja­vier Ma­rías per­ché c’è una bel­la mu­si­ca­li­tà nel­la sua nar­ra­ti­va». Det­to que­sto, chis­se­ne­fre­ga di co­me la pen­sia­mo sul No­bel a Dy­lan o sul No­bel in ge­ne­ra­le: io al Pre­mio No­bel sa­rò gra­ta forever an­che so­lo per aver­mi fat­to leg­ge­re Sv­ja­tla­na Alek­sie­vič.

Par­lia­mo in­ve­ce del per­ché il no­me di Bob Dy­lan sia quel­lo che sal­ta su­bi­to in men­te, ti piac­cia o no, se ti chiedi chi sia il can­tau­to­re più im­por­tan­te del mon­do. E su­bi­to do­po pen­si a Blo­win’ in the Wind, an­che se la mi­glio­re del­le sue can­zo­ni è Li­ke a Rol­ling Stone. Vo­le­te met­te­re «Co­me ci si sen­te a es­se­re da so­li sen­za sa­pe­re do­ve an­da­re una com­ple­ta sco­no­sciu­ta una pie­tra che ro­to­la?» con la di­da­sca­li­ca «Quan­te vol­te le pal­le di can­no­ne do­vran­no volare pri­ma che sia­no per sem­pre ban­di­te? La ri­spo­sta, ami­co mio, sta sof­fian­do nel ven­to»?

Co­mun­que: Bob Dy­lan og­gi ha 75 an­ni e, no­no­stan­te sia uno de­gli ar­ti­sti più schi­vi del­la sto­ria, con­ti­nua a far con­cer­ti in gi­ro per il mon­do. So­no cin­quant’an­ni che è in tour e so­no cin­quant’an­ni che cer­ca di te­ne­re le di­stan­ze dal pub­bli­co, dai me­dia, da chiun­que non sia­no i suoi fa­mi­lia­ri o ami­ci stret­ti. Chis­sà co­me si sa­rà sec­ca­to per il No­bel. Al con­cer­to di Las Ve­gas do­ve ha suo­na­to il gior­no del­la no­ti­zia, non ha sa­lu­ta­to il pub­bli­co ac­cor­so a fe­steg­giar­lo: pa­re non lo fac­cia mai. Non die­de con­fi­den­za nean­che al pre­si­den­te de­gli Sta­ti Uni­ti quan­do can­tò, a un even­to per po­chi, la ce­le­ber­ri­ma The Ti­mes They Are a-Chan­gin’. «È sta­to co­me ci aspet­ta­va­mo fos­se. Non è ve­nu­to al­le pro­ve. Non ha vo­lu­to fa­re la fo­to con me», rac­con­tò poi Oba­ma. De­vo­no aver­gli fran­tu­ma­to le sca­to­le tal­men­te tan­to, nel­la sua lun­ghis­si­ma car­rie­ra, che nell’au­to­bio­gra­fia usci­ta una de­ci­na d’an­ni fa non rac­con­tò mez­zo det­ta­glio pri­va­to ma si di­lun­gò sul suo dif­fi­ci­lis­si­mo rap­por­to con la ce­le­bri­tà. Pa­re si sia sem­pre sen­ti­to in­com­pre­so, frain­te­so, e che ab­bia odia­to il fat­to che le sue can­zo­ni pas­sas­se­ro co­me in­ni del­la rivolta gio­va­ni­le. E so­prat­tut­to ab­bia odia­to il suo suc­ces­so: «Do­po un po­co im­pa­ri che la pri­va­cy è qual­co­sa che puoi ven­de­re, ma che non puoi ri­com­pra­re. Wood­stock (la sua ca­sa di cam­pa­gna, ndr) era di­ven­ta­to un in­cu­bo a uso e con­su­mo di ban­de di emar­gi­na­ti e scon­vol­ti. C’era per­si­no gen­te che sa­li­va sul tet­to. Un mio ami­co folk­sin­ger mi re­ga­lò una Colt, ma lo sce­rif­fo mi dif­fi­dò dall’usar­la…».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.