Mil­len­nial, ave­te vin­to voi

La sua com­me­dia che fa di­scu­te­re par­la di ado­le­scen­ti. Il re­gi­sta ROAN JOHN­SON, ex «pro­mes­sa» di­ven­ta­to «so­li­to stron­zo», ci spie­ga che co­sa ha im­pa­ra­to dai gio­va­ni (an­che da uno di due an­ni e mez­zo)

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di RAF­FAEL­LA SERINI

ba­sta­ta una Piu­ma a crea­re scom­pi­glio all’ul­ti­ma Mo­stra del Ci­ne­ma: di­cian­no­ve an­ni do­po Ovo­so­do di Paolo Vir­zì, una com­me­dia ita­lia­na è tor­na­ta in con­cor­so a Ve­ne­zia e non tut­ti l’han­no pre­sa be­ne («pur­trop­po tra i cri­ti­ci c’è an­co­ra un po’ di sno­bi­smo», ha di­chia­ra­to il re­gi­sta Roan John­son). Pro­ta­go­ni­sta del film, in sa­la il 20 ottobre, una cop­pia di qua­si di­ciot­ten­ni (Blu Yo­shi­mi e Luigi Fe­de­le), al­le pre­se con una prova di ma­tu­ri­tà mol­to dif­fi­ci­le: la na­sci­ta di un fi­glio. «Il te­ma è l’as­sun­zio­ne di re­spon­sa­bi­li­tà», spie­ga John­son, 42 an­ni, me­tà in­gle­se e me­tà pi­sa­no, già au­to­re dei Primi del­la li­sta con Clau­dio San­ta­ma­ria e Fi­no a qui tut­to be­ne, non­ché re­gi­sta del­la se­rie I de­lit­ti del Bar­Lu­me di Sky. Il ti­to­lo, Piu­ma, è un ma­ni­fe­sto d’in­ten­ti. Per lei la leggerezza che cos’è? «Una gran­de com­pa­gna di vi­ta. I mo­stri sa­cri del­la com­me­dia ita­lia­na ci han­no in­se­gna­to a pren­der­ci per il cu­lo e, so­prat­tut­to in un mo­men­to di gran­de re­to­ri­ca co­me que­sto, ave­re tut­ti un po’ più di au­toi­ro­nia aiu­te­reb­be». Dal­la ge­ne­ra­zio­ne dei mil­len­nial, in­ve­ce, che ab­bia­mo da im­pa­ra­re? «La­vo­ran­do con lo­ro mi so­no ac­cor­to che han­no una ma­tu­ri­tà e un’in­tel­li­gen­za fuo­ri dal co­mu­ne. Da una ge­ne­ra­zio­ne all’al­tra ci so­no gran­di cam­bia­men­ti in at­to, me ne ac­cor­go an­che da mio fi­glio di due an­ni e mez­zo: ha sem­pre ta­blet e smart­pho­ne ac­can­to,

Èsi ri­guar­da co­stan­te­men­te nel­le fo­to e nei vi­deo. In fu­tu­ro gli es­se­ri uma­ni sa­ran­no for­se più nar­ci­si, ma avran­no an­che una co­scien­za dell’Io di­ver­sa. Og­gi la no­stra in­tel­li­gen­za tec­ni­ca su­pe­ra quel­la emo­ti­va, un gior­no non sa­rà più co­sì». A 17 an­ni lei com’era? «Ave­vo le idee con­fu­se su tut­to, ero im­pac­cia­to con le ragazze e mai avrei pen­sa­to di fa­re il re­gi­sta». Il fuo­co sa­cro co­me si è ac­ce­so? «All’uni­ver­si­tà vo­le­vo iscri­ver­mi a Let­te­re mo­der­ne, un gior­no so­no pas­sa­to in un di­par­ti­men­to di ci­ne­ma, a Pi­sa, e ho vi­sto dei ra­gaz­zi che guar­da­va­no un film di Hit­ch­cock. Ho chie­sto: “Ma dav­ve­ro vi dan­no la stes­sa lau­rea?”, e so­no ri­ma­sto». I ca­mei nei suoi film so­no un omag­gio a Hit­ch­cock? «Di­cia­mo la ve­ri­tà: so­no na­ti per­ché non ave­vo ab­ba­stan­za per­so­ne sul set, né sol­di per pa­gar­ne. Per Piu­ma, in­ve­ce, un gior­no un mac­chi­ni­sta m’ha det­to: “E tu non lo fai il ca­meo? Guarda che poi por­ta ma­le!”». Il suo men­to­re Paolo Vir­zì lo ha sen­ti­to? «Mi ha te­le­fo­na­to pri­ma di Ve­ne­zia e, ci­tan­do Ar­ba­si­no, ha det­to: “Fi­nal­men­te sei pas­sa­to di ca­te­go­ria, da gio­va­ne pro­mes­sa a so­li­to stron­zo”. Gli ho ri­spo­sto: “Gra­zie, ve­ne­ra­to mae­stro”. E lui: “No no, io so­no an­co­ra uno stron­zo”».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.