Il ro­ve­scio del com­mis­sa­rio

È pa­dre sin­gle, man­gia sgom­bro a colazione e, ora, si dà al ten­nis: l’eroe di CLAU­DIO PAGLIERI ama le don­ne (ma un po’ le trat­ta ma­le)

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di LAU­RA FIEN­GO

ono po­chi i me­stie­ri che, al­me­no in let­te­ra­tu­ra, san­no af­fa­sci­na­re co­me il com­mis­sa­rio di po­li­zia. Quel­lo in­ven­ta­to da Clau­dio Paglieri si chia­ma Mar­co Lu­cia­ni, è li­gu­re, ha 45 an­ni (me­no del suo au­to­re, 51) ed è un pa­dre sin­gle ab­ba­stan­za ap­pren­si­vo che sof­fre di ver­ti­gi­ni. Si de­di­ca al run­ning, e nell’ul­ti­ma av­ven­tu­ra De­lit­to e ro­ve­scio per mo­ti­vi di in­da­gi­ne an­che al ten­nis. La sce­na que­sta vol­ta si è spo­sta­ta a Bar­cel­lo­na. L’in­trec­cio è un po’ al­la Hit­ch­cock, con pic­co­li in­di­zi dis­se­mi­na­ti per aiu­ta­re (o in­gan­na­re) chi leg­ge in vi­sta dei col­pi di sce­na. Non man­ca­no le don­ne, spes­so bel­le e fa­ta­li, qual­cu­na fa­tal­men­te se­gna­ta dal de­sti­no. E Lu­cia­ni (in real­tà sen­za di­stin­ti­vo, si è di­mes­so), no­no­stan­te il carattere bru­sco, al­le don­ne pia­ce da paz­zi. Co­me se lo spie­ga? Con lo­ro non è nem­me­no trop­po gen­ti­le: ar­ri­va a di­re che il fa­mo­so ta­len­to mul­ti­ta­sking fem­mi­ni­le è una bu­fa­la. Chia­ma an­che Pi­lar, la ba­by-sit­ter di suo fi­glio, «Or­ri­pi­lar»... «È un pro­ble­ma: mol­ti dei miei

Slet­to­ri so­no let­tri­ci, e ca­pi­ta che mi rim­pro­ve­ri­no di es­se­re ma­schi­li­sta. Ma io tro­vo che mol­ti com­mis­sa­ri dei li­bri sia­no un po’ com­pia­cen­ti ver­so le let­tri­ci, e fan­no di­chia­ra­zio­ni fem­mi­ni­ste im­pro­ba­bi­li nel­la real­tà. Pre­fe­ri­sco che sia un po’ più stron­zo, ma un po­chi­no più ve­ro». Lu­cia­ni è un ori­gi­na­le, man­gia lo sgom­bro a colazione. «Per­ché fa la die­ta “del su­per­me­ta­bo­li­smo”, che esi­ste dav­ve­ro. Lui, pe­rò, è un an­ti Mon­tal­ba­no, un an­ti Pe­pe Car­va­lho: tut­ti stan­no sem­pre lì a man­gia­re e a stap­pa­re bot­ti­glie che i ve­ri com­mis­sa­ri ra­ra­men­te pos­so­no per­met­ter­si. In real­tà a lui il ci­bo non in­te­res­sa. Mi pia­ce che sia un ti­po un po’ dif­fi­ci­le: è una sor­ta di ano­res­si­co psi­co­lo­gi­co, ha dif­fi­col­tà ad ad­den­ta­re an­che la vi­ta. Ep­pu­re rie­sce sim­pa­ti­co. An­zi mi han­no det­to che si sta ram­mol­len­do. Del re­sto è di­ven­ta­to pa­dre». È sta­to fa­ci­le dar­gli un fi­glio? «Nei ro­man­zi i bam­bi­ni so­no sem­pre dif­fi­ci­li da ge­sti­re: de­vo­no ave­re un sen­so, al­tri­men­ti, sulla pa­gi­na, rom­po­no un po’ i co­glio­ni. In pra­ti­ca, co­me nel­la vi­ta ve­ra».

DE­LIT­TO E RO­VE­SCIO

di Clau­dio Paglieri (Piem­me, pagg. 372, ¤ 17,90; 7° del­la se­rie)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.