A CO­LA­ZIO­NE? POI HO CA­PI­TO: A MI­LA­NO SI­GNI­FI­CA PRAN­ZO»

«MI HA CHIA­MA­TO PA­REN­TI PER LE IE­NE. MI HA DET­TO: DO­MA­NI CI FAC­CIA­MO UNA AMA­TRI­CIA­NA A CO­LA­ZIO­NE.

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Sfaccimme -

a sua fac­cia la ve­dia­mo un po’ ovun­que in que­sto pe­rio­do. E, di­cia­mo­ci la ve­ri­tà, non è che ci di­spiac­cia (an­zi). At­to­re, scrit­to­re, sce­neg­gia­to­re, per i più sem­pli­ce­men­te «Co­lian­dro», sboc­ca­to e ir­re­si­sti­bi­le ispet­to­re di cul­to dei Ma­net­ti Bros. che in­ter­pre­ta in Tv da or­mai die­ci an­ni: Giam­pao­lo Mo­rel­li di re­cen­te ha ag­giun­to la vo­ce «con­dut­to­re» al suo cur­ri­cu­lum, de­but­tan­do pri­ma su Ita­lia 1 al­la gui­da del­le Ie­ne Show con Ila­ry Bla­si e Frank Ma­ta­no, e poi co­me au­ti­sta can­te­ri­no del nuo­vo Fan Car-ao­ke di Raiu­no, ri­pro­po­si­zio­ne in chia­ve ita­li­ca del for­tu­na­to for­mat di Ja­mes Cor­den. Ep­pu­re, fat­ta ec­ce­zio­ne per quel­la di pa­pà (di due bam­bi­ni na­ti dal­la re­la­zio­ne con Glo­ria Bel­lic­chi, Miss Ita­lia nel 1998 e sua com­pa­gna dal 2009), l’uni­ca eti­chet­ta in cui Mo­rel­li si ri­co­no­sce dav­ve­ro è quel­la di at­to­re. «Le al­tre», di­ce, «so­no so­lo in­cur­sio­ni». Lo am­met­ta: di­ce co­sì so­lo per­ché non vuo­le es­se­re giu­di­ca­to. «Ma no, è che dav­ve­ro non è il mio la­vo­ro. An­che chia­mar­le “con­du­zio­ni” è un pa­ro­lo­ne, so­no più caz­zeg­gi. Il pre­sen­ta­to­re ve­ro non lo sa­prei fa­re. In Fan Car-ao­ke in­ter­vi­sto in ma­nie­ra scher­zo­sa i can­tan­ti, duet­to con lo­ro… per quan­to io rie­sca a can­ta­re, ov­vio». Ales­san­dra Amo­ro­so, Zuc­che­ro, Em­ma, Max Gaz­zè… So­no sta­ti tut­ti al gio­co? «Chi più chi me­no, co­me ve­dre­te. Per me ogni vol­ta era un’in­co­gni­ta, non li ho mai co­no­sciu­ti pri­ma. Ho sco­per­to pia­no pia­no, in mac­chi­na, chi ave­vo vi­ci­no». Cor­den col suo Car­pool Ka­rao­ke, Lo­do­vi­ca Co­mel­lo su Sky, ades­so lei. Co­me mai è esplo­sa que­sta ma­nia di can­ta­re in au­to e in Tv? «La can­zo­ne è sem­pre an­da­ta be­ne in te­le­vi­sio­ne, e da quan­do è usci­to Car­pool Ka­rao­ke è di nuo­vo esplo­sa. Io pe­rò Cor­den l’ho vi­sto tren­ta se­con­di e poi ba­sta, par­la un in­gle­se ra­pi­dis­si­mo e non ci ca­pi­sco un caz­zo». Di mu­si­ca ne ca­pi­sce, in­ve­ce? «Ascol­to di tut­to, dal pop al rock, all’elet­tro­ni­ca, tran­ne il jazz e la clas­si­ca. Pe­rò non c’ho un grup­po mu­si­ca­le pre­fe­ri­to». Al­le Ie­ne co­me è ar­ri­va­to? «Un gior­no mi ha chia­ma­to Da­vi­de Pa­ren­ti, au­to­re sto­ri­co del pro­gram­ma, e mi ha det­to: “Do­ma­ni ven­go a Ro­ma e ti porto a man­gia­re una buo­nis­si­ma ama­tri­cia­na a co­la­zio­ne”. E io: a co­la­zio­ne? Do­po un at­ti­mo di vuo­to, mi so­no ri­cor­da­to che per i mi­la­ne­si la co­la­zio­ne è il pran­zo. E mi so­no tran­quil­liz­za­to». È sta­to su­bi­to sì? «Im­me­dia­ta­men­te». Ep­pu­re te­le­vi­sio­ne ne guar­da­va po­ca, ha sem­pre det­to. «Ma so­no sem­pre sta­to fan del­le Ie­ne. E, poi­ché sto in­vec­chian­do, an­che di Chi l’ha vi­sto?. Un chia­ro se­gno di de­ca­di­men­to» (ri­de). Non di­ca co­sì, che i «chi­lha­vi­sters» in­sor­go­no. Piut­to­sto: an­che al ci­ne­ma è mol­to im­pe­gna­to. «Dal 17 no­vem­bre sa­rò in sa­la con Quel bra­vo ra­gaz­zo di En­ri­co Lan­do (il ti­to­lo è qua­si iden­ti­co a quel­lo del pri­mo ro­man­zo di Mo­rel­li, Un bra­vo ra­gaz­zo, ma è so­lo un ca­so, ndr). Poi ho ap­pe­na fi­ni­to di gi­ra­re i due se­quel di Smet­to quan­do vo­glio di Syd­ney Si­bi­lia, Re­loa­ded e Re­vo­lu­tion, il pri­mo usci­rà

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.