DISTACCARMI DAL­LA FA­MI­GLIA, CHE FA­TI­CA»

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Sfaccimme -

in feb­bra­io. In più, so­no sul set di una nuo­va ope­ra fol­le dei Ma­net­ti Bros.». Sa­reb­be? «Una sce­neg­gia­ta na­po­le­ta­na in chia­ve mo­der­na. Io sa­rò una via di mez­zo tra John Tra­vol­ta e Ma­rio Me­ro­la». A scri­ve­re il ter­zo li­bro non pen­sa? «Me l’han­no chie­sto, ma non c’ho il tem­po. Per scri­ve­re ho bi­so­gno di si­len­zio e con­cen­tra­zio­ne… per scri­ve­re pu­re ma­le, fi­gu­rar­si nel­la con­fu­sio­ne». Il fat­to che, no­no­stan­te tut­te que­ste at­ti­vi­tà, per mol­ti lei re­sti sem­pre e so­lo Co­lian­dro la in­di­spet­ti­sce? «Per nien­te, io po­trei fa­re so­lo Co­lian­dro tut­ta la vi­ta. Cer­to, per vi­ver­ci ne do­vrei fa­re pa­rec­chi. Se mi chie­des­se­ro: “Vuoi fa­re so­lo pa­rec­chi Co­lian­dro per tut­ta la vi­ta?”, ac­cet­te­rei». Che co­sa tro­va di spe­cia­le in lui? «È un per­so­nag­gio com­ples­so e pie­no di sfu­ma­tu­re: ma­lin­co­ni­co, sem­pre al­la ri­cer­ca di qual­co­sa: un amo­re che non rie­sce a tro­va­re, una pro­mo­zio­ne che non rie­sce ad ave­re, una sua iden­ti­tà. Ha un ca­rat­te­re spi­go­lo­so, per que­sto la se­ra si ri­tro­va sem­pre da so­lo, a man­gia­re la piz­za del pa­ki­sta­no sul di­va­no». In que­sta «ma­lin­co­nia spi­go­lo­sa» si ri­co­no­sce? «Po­chis­si­mo, an­che se sia­mo tut­ti ma­lin­co­ni­ci e dram­ma­ti­ci nel no­stro es­se­re so­li. Il bel­lo di Co­lian­dro è che pri­ma di es­se­re un po­li­ziot­to è un uo­mo “ve­ro”». I ve­ri po­li­ziot­ti la fer­ma­no spes­so? «E mi­ca so­lo quel­li. Ca­ra­bi­nie­ri, vi­gi­li, fo­re­sta­li: ap­pe­na una di­vi­sa mi ve­de, im­paz­zi­sce. È un pa­ra­dos­so: la Po­li­zia non ci dà aiu­ti per­ché di­ce che sia­mo scor­ret­ti, ma poi il lo­ro sindacato ci pre­mia co­me “mi­glio­re po­li­ziot­to mai rea­liz­za­to sul­lo scher­mo”». Cu­rio­si­tà: Co­lian­dro usa spes­so «min­chia» co­me in­ter­ca­la­re. Lei an­che? «No. E nem­me­no “be­stia­le”, che lui pu­re di­ce sem­pre». Pa­ro­lac­ce non ne di­ce? «Da na­po­le­ta­no, ogni tan­to mi scap­pa “sfac­cim­me!”. Let­te­ral­men­te si­gni­fi­ca “sper­ma”, a Na­po­li si usa co­me “che caz­zo”». Nel 2011 a Mo­rel­li sul set del­la ma­fia-co­me­dy Quel bra­vo ra­gaz­zo. Il film è di­ret­to da En­ri­co Lan­do, re­gi­sta dei So­li­ti idio­ti. Va­ni­ty Fair di­chia­ra­va: «Non vo­glio ave­re fi­gli per­ché ho pau­ra di es­se­re una chia­vi­ca co­me pa­dre». Poi ne ha fat­ti due: pau­ra su­pe­ra­ta? «A un cer­to pun­to mi – an­zi ci – è ve­nu­to que­sto de­si­de­rio. Quan­do ti scat­ta l’istin­to, è im­por­tan­te ave­re una per­so­na giu­sta a fian­co. Che de­vi co­no­sce­re be­ne, con cui de­vi es­se­re as­se­sta­to». Si sen­te an­co­ra una chia­vi­ca? «No, pe­rò al mo­men­to i bam­bi­ni so­no pic­co­li, la par­ti­ta si ve­drà più avan­ti. Quan­do i fi­gli ma­tu­ra­no un ca­rat­te­re che tu pen­sa­vi di­ver­so. O quan­do pren­do­no un’al­tra stra­da ri­spet­to a quel­la che de­si­de­ra­vi tu». Com’è suc­ces­so, da fi­glio, a lei? «Chia­ra­men­te. Io ho tra­di­to le aspet­ta­ti­ve dei miei ge­ni­to­ri e non è sta­to fa­ci­le. Lo­ro vo­le­va­no un fi­glio che fos­se bra­vo a scuo­la, lau­rea­to in Leg­ge co­me mio pa­dre… Ho do­vu­to fa­ti­ca­re per distaccarmi da una fa­mi­glia che non ave­va nien­te a che fa­re con il mon­do del­lo spet­ta­co­lo». Per i suoi fi­gli non sa­rà co­sì. «In­nan­zi­tut­to si po­tran­no lau­rea­re op­pu­re no, una se­con­da pos­si­bi­li­tà che io non ave­vo. Se pe­rò mi di­ces­se­ro che vo­glio­no fa­re l’at­to­re non so co­me la pren­de­rei». Due ma­schiet­ti, Gian­mar­co di tre an­ni e Pier Ma­ria, di due me­si ap­pe­na. Quel­la dei no­mi com­po­sti è una tra­di­zio­ne di fa­mi­glia? «Sì, del­la mia, l’ho crea­ta io». Il più gran­de ha ac­cet­ta­to il fra­tel­li­no? «Non ha mai det­to “but­tia­mo­lo”, ma all’ini­zio era piut­to­sto ner­vo­so. Og­gi è di­sin­te­res­sa­to, se ne fre­ga pro­prio. “Sen­ti Gian­mar­co, il fra­tel­li­no pian­ge”; “Sì pa­pà pe­rò ades­so gio­chia­mo”». Pra­ti­ca il caz­zeg­gio an­che da pa­dre? «Gio­ca­re mi pia­ce, ma un po’ di di­sci­pli­na glie­la de­vi da­re. Non cre­do ai ge­ni­to­ri-ami­ci». Il fat­to che i suoi bam­bi­ni cre­sca­no in una so­cie­tà do­ve c’è chi cri­ti­ca per­si­no l’atle­ta pa­ra­lim­pi­ca Be­be Vio per es­se­re an­da­ta a ce­na da Oba­ma non la spa­ven­ta? «Sì, ma noi sia­mo al­la pre­i­sto­ria dei so­cial, tra qual­che an­no ma­tu­re­re­mo tut­ti più cul­tu­ra, edu­ca­zio­ne e de­li­ca­tez­za, mi au­gu­ro. Sa­re­mo a buon pun­to quan­do in Re­te ci si ri­vol­ge­rà all’al­tro co­me se l’aves­si­mo dav­ve­ro da­van­ti. Chi avreb­be il co­rag­gio di di­re in fac­cia a Gian­ni Mo­ran­di: “Guar­da che tu di do­me­ni­ca la spe­sa non la de­vi an­da­re a fa­re”?». Lei è sem­pre sta­to un ti­po di­scre­to. Con tut­ta que­sta Tv non te­me una im­prov­vi­sa bot­ta na­zio­nal­po­po­la­re? «Vab­bè, ma sto fa­cen­do pac­chi!». Sui pac­chi fa­reb­be un pen­sie­ri­no? «Ma­ga­ri da an­zia­no, quin­di tra po­chi an­ni». Le ie­ne, mi­ca i

RI­DE­RE DI MA­FIA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.