IL FACILITATORE

Vanity Fair (Italy) - - Vanity In Famiglia -

pre­pa­ra­no, si­ste­ma­no cra­vat­te, scam­bia­no abi­ti, par­lan­do di pa­pà che (ver­sio­ne uni­vo­ca) è «la per­so­na più im­por­tan­te del­la vi­ta». Pa­pà è Mas­si­mo, 62 an­ni e, ol­tre al­lo spet­ta­co­lo, ha un film in ar­ri­vo: Non si ru­ba a ca­sa dei la­dri dei Van­zi­na, al ci­ne­ma dal 3 no­vem­bre. Più che at­to­re (e a tea­tro an­che re­gi­sta, per la pri­ma vol­ta), Ghini og­gi è pe­rò dav­ve­ro pa­pà. Or­go­glio­so dei fi­gli che ha avu­to da due don­ne di­ver­se. Dal­la pri­ma, Fe­de­ri­ca Lor­rai, so­no na­ti i gemelli; dal­la se­con­da, la tut­to­ra mo­glie Paola Ro­ma­no, gli al­tri due. Pri­ma di lo­ro, la mo­glie nu­me­ro uno, Nan­cy Bril­li, «un fuo­co, una pas­sio­ne fi­ni­ta in fret­ta ma se­re­na­men­te». Lei ten­de­va al ri­cam­bio ve­lo­ce? Pri­ma di Nan­cy c’era sta­ta Sa­bri­na Fe­ril­li... «Con Nan­cy era un pro­ble­ma di lon­ta­nan­za, la­vo­ra­va­mo mol­to e da quan­do ci sia­mo spo­sa­ti non sia­mo sta­ti pra­ti­ca­men­te in­sie­me. Ma al­la se­pa­ra­zio­ne so­no pas­sa­to a pren­der­la con un maz­zo di fio­ri». È sta­ta più dif­fi­ci­le con la ma­dre dei gemelli? «Sì, ho do­vu­to com­bat­te­re, e so­no an­da­to via di ca­sa quan­do i bam­bi­ni ave­va­no die­ci me­si. Poi ho spo­sa­to Paola, che fa­ce­va la co­stu­mi­sta ed era la ex di un mio ami­co». Fa an­co­ra la co­stu­mi­sta? «No, ha scel­to di la­scia­re il la­vo­ro ed è mol­to pre­sen­te in fa­mi­glia. Con i fi­gli ha fat­to di tut­to, viag­gia­to, stu­dia­to l’in­gle­se... ». Ha spin­to lei i fi­gli a en­tra­re nel mon­do del­lo spet­ta­co­lo? «So­no in­va­den­te in tut­to, ma non ho mai crea­to in lo­ro l’os­ses­sio­ne del ci­ne­ma. A ca­sa no­stra non c’è una lo­can­di­na, nien­te che ri­cor­di que­sto la­vo­ro. Per que­sto mi fa sof­fri­re l’acre­di­ne in­tor­no a lo­ro». Che co­sa in­ten­de? «Han­no ri­co­per­to di im­pro­pe­ri mia fi­glia, di­cen­do che l’ave­vo rac­co­man­da­ta per Fo­rum. Era­no so­prat­tut­to pen­ta­stel­la­ti: ma il pro­ble­ma “di­na­sti­co” non esi­ste per Gril­lo che ab­brac­cia il fi­glio di Ca­sa­leg­gio? La co­sa tri­ste è che og­gi mi sen­to qua­si in col­pa». In col­pa per via del­le rac­co­man­da­zio­ni? «Non ne ho mai fat­te. Ho la­vo­ra­to tan­to, e ora mi sen­to qua­si un pe­so per lo­ro. Per­ché que­sto sen­ti­men­to tos­si­co? Nel no­stro am­bien­te, nes­su­na car­rie­ra può esplo­de­re so­lo per­ché fi­glia di una rac­co­man­da­zio­ne. Il pub­bli­co è la no­stra ghi­gliot­ti­na». Voi co­mun­que sem­bra­te mol­to le­ga­ti. «Io ven­go da una fa­mi­glia al­lar­ga­ta, che og­gi fa tan­to fi­go ma che da ra­gaz­zi­no era una tra­ge­dia. I miei si so­no la­scia­ti nel ’57, e per le giu­sti­fi­ca­zio­ni a scuo­la do­ve­va­mo fa­re una fin­ta fir­ma di mio pa­dre, se si sco­pri­va che era­no se­pa­ra­ti di­ven­ta­vo un ap­pe­sta­to. Ero il “fi­glio del­la col­pa”, ri­cor­do mo­men­ti di gran­di pian­ti». Non si di­fen­de­va in al­tro mo­do? «Fa­ce­vo a bot­te, ma più per di­fen­de­re al­tri. In col­le­gio me le die­di di san­ta ra­gio­ne con un bul­let­to per pro­teg­ge­re il fra­tel­lo di Ber­to­la­so, che stu­dia­va con me a Fra­sca­ti». Suo pa­dre era sta­to par­ti­gia­no e poi di­ri­gen­te del Par­ti­to co­mu­ni­sta... «E de­por­ta­to a Mau­thau­sen. Men­tre i miei zii era­no fa­sci­sti. Ma era sul­la li­ri­ca che si scon­tra­va­no: lui ver­dia­no, lo­ro puc­ci­nia­ni. Pa­pà l’avrò vi­sto die­ci vol­te nel­la vi­ta, l’ul­ti­ma quan­do sta­va mo­ren­do. Se n’era an­da­to via, se­con­do me gli ri­cor­da­vo un er­ro­re». Che co­sa le ha det­to di Mau­thau­sen? «La ve­ra sto­ria non me l’ha mai rac­con­ta­ta. So del­la spia­ta del­la mo­glie di un ge­rar­ca Ghini con Vin­cen­zo Sa­lem­me, 59 an­ni, e il re­gi­sta Car­lo Van­zi­na, 65, sul set di che lo ha fat­to ar­re­sta­re, che è sta­to tor­tu­ra­to, è fi­ni­to nel cam­po di con­cen­tra­men­to, e ne è fug­gi­to du­ran­te un tra­sfe­ri­men­to». La pas­sio­ne po­li­ti­ca co­mun­que suo pa­dre gliel’ha tra­smes­sa. «Sì, sal­vo che quan­do co­min­ciai, con la Fg­ci (Fe­de­ra­zio­ne gio­va­ni­le co­mu­ni­sta ita­lia­na, ndr) ro­ma­na, as­sie­me a Wal­ter Vel­tro­ni, lui non ap­pro­vò». A pro­po­si­to di co­mu­ni­smo: ai tem­pi dell’Unio­ne So­vie­ti­ca, lei ha gi­ra­to un film a Yal­ta, ve­ro? «Sì, La bat­ta­glia dei tre tam­bu­ri di fuo­co, un in­suc­ces­so paz­ze­sco. C’era­no an­che Har­vey Kei­tel, Án­ge­la Mo­li­na, Clau­dia Car­di­na­le e To­gnaz­zi. Ma il protagonista ero io e mi die­de­ro la sui­te im­pe­ria­le. Ugo ci ri­ma­se ma­lis­si­mo, co­sì gli pro­po­si di tra­sfe­rir­si da me, e ogni mat­ti­na an­da­va­mo in­sie­me a fa­re la spe­sa con una ma­rea di ru­bli. Era­va­mo co­me la cop­pia del Vi­ziet­to, e io cu­ci­na­vo». Non era To­gnaz­zi lo chef del­la cop­pia? «Mi di­ce­va: “Non far­mi cu­ci­na­re”, poi si met­te­va lì e cri­ti­ca­va. Me la so­no vis­su­ta co­me se stes­si con mio pa­dre. Ugo era an­che mol­to de­pres­so, ave­va bi­so­gno di qual­cu­no con cui par­la­re, co­sì ce ne sta­va­mo se­du­ti da­van­ti al Mar Ne­ro con la vo­d­ka». Dif­fi­ci­le ge­sti­re la de­pres­sio­ne al­trui. «Sì, ed es­sen­do io uno che ha sof­fer­to, ten­do a far­mi ca­ri­co del do­lo­re de­gli al­tri». Quan­do ha sof­fer­to? «Nell’in­fan­zia, ed è pro­prio du­ra. Da adul­ti è una pas­seg­gia­ta». Il pub­bli­co l’an­no scor­so l’ha mol­to ap­plau­di­ta a tea­tro, in Un’ora di tran­quil­li­tà. «An­che la cri­ti­ca ha ap­prez­za­to, pe­rò sem­pre co­me fos­se un po’ sor­pre­sa, è il re­frain del­la mia car­rie­ra, per­ché ho sem­pre do­vu­to fa­ti­ca­re un sac­co, dan­do l’im­ma­gi­ne di uno che non lo fa­ce­va. Co­me dal pun­to di vi­sta este­ti­co». In che sen­so? «Ci so­no per­so­ne che co­me le met­ti fun­zio­na­no. In al­tri ca­si, co­me il mio, la bel­lez­za la co­strui­sci, ri­sol­ven­do an­che di­fet­ti fi­si­ci». Qua­li so­no i suoi? «Non ho un gran pro­fi­lo, ho una fac­cia emi­lia­na, po­te­vo es­se­re più al­to... Il buf­fo è che per stra­da spes­so mi di­co­no: ma lei è mol­to me­glio di per­so­na. Una mi ha pu­re det­to: lei da vi­vo è mol­to me­glio». Il pub­bli­co dà sod­di­sfa­zio­ne. «Sì. Men­tre il mon­do del ci­ne­ma... Do­po una no­van­ti­na di film – fra cui Com­pa­gni di scuo­la, La tre­gua, Tut­ta la vi­ta da­van­ti – nean­che una no­mi­na­tion ai Da­vid e so­lo una ai Na­stri d’Ar­gen­to. Un pre­mio mi sa­reb­be ser­vi­to per fa­re un po’ me­no fa­ti­ca. An­che per que­sto a un cer­to pun­to ho cam­bia­to stra­da». E co­sì ades­so re­ci­ta con i Van­zi­na. «Non si ru­ba a ca­sa dei la­dri è for­se la pri­ma com­me­dia su Ma­fia Ca­pi­ta­le. Io so­no il “facilitatore”, po­trei es­se­re fi­glio del sot­to­se­gre­ta­rio che in­ter­pre­ta­vo in Com­pa­gni di scuo­la, ma lui sem­bra un prin­ci­pe in con­fron­to a me og­gi». Da ro­ma­no, co­me ha vis­su­to lo scandalo? «A Ro­ma sia­mo co­stret­ti a con­vi­ve­re con que­sti per­so­nag­gi. Se­con­do me, nel vuo­to di po­te­re, og­gi i grup­pi si rian­no­da­no». Il ci­ne­ma ita­lia­no di que­sto non si oc­cu­pa. «Per­ché non è li­be­ro: lo fi­nan­zia lo Sta­to». A lei pia­ce­reb­be di­ri­ge­re un film? «Ci ho pro­va­to, ma non me l’han­no fat­to fa­re. Le com­mis­sio­ni non mi han­no da­to i sol­di».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.