Non es­se­re cat­ti­vo

Il suo per­so­nag­gio nei è uno squa­lo del­la Si­gno­ria. Nel­la vi­ta, ALESSANDRO SPERDUTI è un so­gna­to­re. E non di­men­ti­ca due co­se: un con­si­glio di Du­stin Hof­f­man e il sor­ri­so di Tim Bur­ton

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Me­di­ci di LA­VI­NIA FAR­NE­SE

ustin Hof­f­man sol­le­va gli oc­chi, sul set dei Me­di­ci. Guar­da il col­le­ga più gio­va­ne, Alessandro Sperduti. «Ra­gaz­zo, sei fe­li­ce?», gli chie­de. Lui ten­ten­na. «Sì… ab­ba­stan­za. O al­me­no lo cre­do». «Ri­cor­da sem­pre di non di­men­ti­car­lo: è l’uni­ca co­sa che con­ta». Ven­ti­no­ve an­ni, ro­ma­no, una fi­dan­za­ta sto­ri­ca, Lu­cia («Stia­mo in­sie­me da cin­que an­ni»), nel­la se­rie gi­ra­ta a Fi­ren­ze in on­da su Raiu­no, in­ter­pre­ta Pie­ro de’ Me­di­ci det­to Il Got­to­so, fi­glio di Co­si­mo il Vec­chio, e poi – do­po noz­ze com­bi­na­te con Lu­cre­zia Tor­na­buo­ni – pa­dre di Lo­ren­zo il Ma­gni­fi­co. Uo­mo del Ri­na­sci­men­to, «da pri­mo­ge­ni­to le­git­ti­mo» vuo­le «di­ven­ta­re ban­chie­re co­me i suoi pre­de­ces­so­ri, uno squa­lo del­la Si­gno­ria, an­da­re al­le ar­mi». Quan­do i suoi lo vor­reb­be­ro ar­ti­sta. Le fa­mo­se pres­sio­ni dei ge­ni­to­ri... mai avu­te? «Mai. Mio pa­pà era un uf­fi­cia­le idrau­li­co, con­trol­la­va le eson­da­zio­ni su­gli ar­gi­ni del Te­ve­re, mia mam­ma si è de­di­ca­ta al­la fa­mi­glia, ma so­no sem­pre sta­ti ap­pas­sio­na­ti di ci­ne­ma e tea­tro, e mi han­no in­co­rag­gia­to da su­bi­to». Co­sì ha ini­zia­to a re­ci­ta­re pre­sto. «A 9-10 an­ni, per gio­co. Vi­ve­va­mo a Monterotondo, ap­pe­na fuo­ri cit­tà. Un’agen­zia cer­ca­va bam­bi­ni per una pub­bli­ci­tà. Mi ri­tro­vai in Tur­chia per un film fan­ta­sy. Da al­lo­ra non è sta­to fa­ci­le con­ci­lia­re il me­stie­re con la scuo­la: so­no un me­to­di­co, con la ma­nia di vo­le­re ave­re tut­to sot­to con­trol­lo, e ho im­pa­ra­to tar­di che, sen­za, la re­sa può es­se­re ad­di­rit­tu­ra mi­glio­re».

DIm­prov­vi­sa­re è sca­ri­car­si di aspet­ta­ti­ve. «Sì: pia­ni­fi­ca­re crea an­sia, l’an­sia non per­met­te di go­der­ti fi­no in fon­do quel­lo che fai, nel­la pau­ra che qual­co­sa non va­da co­me ave­vi pre­vi­sto». La de­fi­ni­sco­no «il nuo­vo Elio Ger­ma­no». Le pia­ce? Le pe­sa? «Sa­reb­be un ono­re, per­ché lui è tra i più gran­di in Ita­lia. Ma il giu­di­zio sui suc­ces­so­ri, pre­sun­ti o rea­li che sia­no, è nel­le ma­ni de­gli spet­ta­to­ri». Che co­sa si por­te­rà dei Me­di­ci? «Due me­si paz­ze­schi in To­sca­na: con il ca­st dor­mi­va­mo tut­ti in­sie­me. Ci ve­dia­mo an­co­ra a Ro­ma, ma an­che quan­do va­do a la­vo­ra­re a Lon­dra». Gra­zie al­la vi­si­bi­li­tà in­ter­na­zio­na­le, lì è sta­to mes­so sot­to con­trat­to da una del­le agen­zie più pre­sti­gio­se, la United Agen­ts. «De­vo mol­to an­che a una mia pro­fes­so­res­sa del­le me­die, che in­vi­tan­do­ci a ca­sa sua a fa­re la co­la­zio­ne all’in­gle­se mi ha fat­to in­na­mo­ra­re del­la cul­tu­ra bri­ti­sh già da pic­co­lo». Per Na­ta­le la ve­dre­mo nel­la fic­tion Rai Il Con­fi­ne, di Car­lo Car­lei. «Pri­ma guer­ra mon­dia­le: so­no un ir­re­den­ti­sta che la vuo­le a tut­ti i co­sti, e non ve­de l’ora di far­la». Un cat­ti­vo, in­som­ma. Ci si sen­te un po’? «Trop­po sen­si­bi­le. So­no an­co­ra quel­lo che all’an­go­lo di una via di Lon­dra s’im­bat­te in Tim Bur­ton che cor­re, si pren­de il suo sor­ri­so e con il bat­ti­cuo­re lo cre­de una spe­cie di so­gno».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.