Una fac­cia “in co­stu­me”»

Vanity Fair (Italy) - - Di Papà Vanity -

Che rap­por­to ha con la ma­gia e il so­pran­na­tu­ra­le? «Mi piac­cio­no mol­to i gio­chi di pre­sti­gio: da bam­bi­no an­da­vo spes­so in un ne­go­zio di ma­gia a Cha­ring Cross, si chia­ma Da­ven­ports, c’è an­co­ra. Mi fa­ce­va dav­ve­ro pau­ra quel po­sto, ma lì tro­va­vo tut­ti gli at­trez­zi del me­stie­re per fa­re il pre­sti­gia­to­re. A par­te aver pro­va­to a pra­ti­ca­re que­sta for­ma di ma­gia, pe­rò, in quell’al­tra, quel­la con la M ma­iu­sco­la, il so­pran­na­tu­ra­le, non ho mai cre­du­to. Mi ri­ten­go una per­so­na de­ci­sa­men­te ra­zio­na­le». Se fos­se un ma­go co­me Newt, che po­te­re vor­reb­be ave­re? «Quel­lo dell’in­vi­si­bi­li­tà. So­no ter­ri­bil­men­te cu­rio­so: ascol­to le con­ver­sa­zio­ni al­trui cer­can­do di non far­mi no­ta­re. Se fos­si in­vi­si­bi­le mi riu­sci­reb­be de­ci­sa­men­te me­glio». Ol­tre che pre­sti­gia­to­re, da bam­bi­no so­gna­va an­che di di­ven­ta­re at­to­re? «Si, lo so­gno dal­la pri­ma re­ci­ta sco­la­sti­ca e dal­la mia pri­ma vol­ta a tea­tro, quan­do ho pen­sa­to che non ci fos­se po­sto più bel­lo al mon­do, un luo­go in cui si po­te­va fug­gi­re da tut­to. Ma se da su­bi­to ho ca­pi­to che que­sto era quel­lo che avrei vo­lu­to fa­re, non ero al­tret­tan­to si­cu­ro che ci sa­rei riu­sci­to per dav­ve­ro. A leg­ge­re le sta­ti­sti­che su quan­ti ce la fan­no e quan­ti no, vie­ne da sco­rag­giar­si. È una stra­da dav­ve­ro dif­fi­ci­le e io cre­do di es­se­re sta­to mol­to, mol­to for­tu­na­to. Quan­do ho fi­ni­to l’uni­ver­si­tà mi so­no tro­va­to un agen­te e ho pen­sa­to: ok, ci pro­vo per un an­no, uno sol­tan­to. Se va, be­ne. Se non va, fac­cio al­tro. E in­ve­ce ho avu­to una par­te, ho gi­ra­to una pubblicità in Tv, una co­sa si è por­ta­ta die­tro l’al­tra». Ave­va un pia­no B? «Ho stu­dia­to sto­ria dell’ar­te e im­ma­gi­na­vo di fa­re il mer­can­te, ma non so­no af­fat­to si­cu­ro che sa­rei riu­sci­to in quel­la pro­fes­sio­ne. Quin­di il pia­no B del pia­no B sa­reb­be sta­to fa­re il cu­ra­to­re di qual­che mu­seo». E in­ve­ce è fi­ni­ta che ha già vin­to un Oscar con La teo­ria del tut­to. La sta­tuet­ta ha al­za­to la sua asti­cel­la per­so­na­le o la ren­de più si­cu­ro nel suo la­vo­ro? «Tut­ti pen­sa­no che, do­po che hai vin­to un Oscar, la­vo­ra­re di­ven­ti più fa­ci­le. Ma ogni in­ter­pre­ta­zio­ne è una co­sa a sé, fai be­ne o fai ma­le, e se fai ma­le te ne ac­cor­gi an­che se a ca­sa hai la sta­tuet­ta. Vin­cer­la è sta­to bel­lis­si­mo e straor­di­na­rio, tan­to straor­di­na­rio che a vol­te pen­so di non aver­la nem­me­no vin­ta io, ma qual­cun al­tro». Non ha nem­me­no in­flui­to sul­la scel­ta dei co­pio­ni? «Con le sto­rie che mi pro­pon­go­no va­do a istin­to e a sen­sa­zio­ni, an­che fi­si­che: se leg­go un te­sto che mi muo­ve qual­co­sa den­tro, che mi fa pian­ge­re o ri­de­re, va be­ne. Ci so­no co­pio­ni che tro­vo buo­ni, an­che ot­ti­mi, ma me lo di­ce la te­sta, non la pan­cia, e al­lo­ra ten­do a scar­tar­li. Al­tri in­ve­ce ma­ga­ri non so­no ben scrit­ti, ma mi ap­pas­sio­na­no, e que­sto è un se­gna­le che ascol­to sem­pre». Sua moglie non fa l’at­tri­ce. Que­sto com­pli­ca le co­se o le sem­pli­fi­ca? «Han­nah si oc­cu­pa di an­ti­chi­tà, che è il cam­po nel qua­le an­che io mi so­no for­ma­to, e non ho mai pen­sa­to se sa­reb­be sta­to me­glio o peg­gio se fos­se sta­ta un’at­tri­ce. Quel che è ve­ro è che il mio me­stie­re mi por­ta a es­se­re im­pe­gna­to lon­ta­no da ca­sa per tem­pi lun­ghis­si­mi: sei, set­te me­si. E se an­che lei fa­ces­se la stes­sa co­sa, te­mo che ve­der­si e sta­re in­sie­me sa­reb­be dav­ve­ro com­pli­ca­to. La co­sa bel­la del­la no­stra fa­mi­glia è che se io de­vo spo­star­mi per le ri­pre­se o per pro­muo­ve­re un film, ven­go­no an­che Han­nah e Iris, la no­stra bam­bi­na. Per me è dav­ve­ro im­por­tan­te ave­re una fa­mi­glia uni­ta e – an­che se amo viag­gia­re – tor­na­re a Lon­dra, do­ve ci so­no le mie ra­di­ci». Iris ha so­lo quat­tro me­si. Com’è fa­re il pa­pà? «Bel­lis­si­mo, dav­ve­ro bel­lis­si­mo. Lo so­no da po­co, ma ci sto pren­den­do gu­sto. Di­cia­mo che è una co­sa piut­to­sto... in­son­ne, ma lei è straor­di­na­ria e io mol­to for­tu­na­to». È co­sì che si aspet­ta­va que­sta espe­rien­za? «Pen­so di non aver mai avu­to un’idea pre­ci­sa di che co­sa sa­reb­be sta­to real­men­te ave­re un fi­glio. Ma, pur nel­la mia bre­vis­si­ma espe­rien­za, pos­so con­fer­ma­re che tut­ti i cli­ché so­no ve­ri: ti cam­bia la vi­ta. E an­che se non ho dor­mi­to tut­ta la not­te e so­no a pez­zi, quan­do lei mi sor­ri­de non ca­pi­sco più nien­te». Guar­da al­le co­se in un mo­do di­ver­so, ora che c’è Iris? «Per ora mi sve­glio ogni mat­ti­na e so­no so­lo sor­pre­so e gra­to che sia qui, e vi­va!». Lei fa so­lo film in co­stu­me. Co­me mai? «Pen­si che an­che nel pros­si­mo film, The La­st Days of Night, so­no un av­vo­ca­to del Ten­nes­see ai tem­pi dell’elet­tri­fi­ca­zio­ne dell’Ame­ri­ca. Non lo so per­ché fac­cio so­lo film sto­ri­ci, avrò una fac­cia “in co­stu­me”. E io che so­gno, un gior­no, di re­ci­ta­re in jeans e fel­pa». l’at­to­re con Ka­the­ri­ne Wa­ter­ston, 36 an­ni, Ali­son Su­dol, 31, e dan Fo­gler, 40, in Ani­ma­li fan­ta­sti­ci e do­ve tro­var­li. In al­to, con la moglie Han­nah Bag­sha­we, 34, e la fi­glia Iris, 4 me­si. Pagg. 86-87:

al­tre ma­gie

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.