Hil­la­ry

E le don­ne che non mol­la­no

Vanity Fair (Italy) - - Week -

cri­vo di do­me­ni­ca, è se­ra, pio­ve: non so an­co­ra se mer­co­le­dì 9 no­vem­bre ci sve­glie­re­mo con la pri­ma pre­si­den­te don­na de­gli Sta­ti Uni­ti d’Ame­ri­ca, an­che se pen­so sa­rà co­sì che an­drà. Co­mun­que sia, la sto­ria ha san­ci­to due co­se: non so­lo che una don­na può ar­ri­va­re sull’or­lo del­la pol­tro­na più im­por­tan­te del pia­ne­ta, ma che per far­lo de­ve metterci il dop­pio del­la fa­ti­ca. Hil­la­ry Dia­ne Ro­d­ham era una ra­gaz­zi­na di Chi­ca­go mol­to bril­lan­te quan­do scris­se al­la Na­sa, chie­den­do co­me si di­ven­ta astro­nau­ti. Le ri­spo­se­ro: «Le don­ne non pos­so­no».

Sscuo­la i com­pa­gni la vo­ta­ro­no «per­so­na che avrà più suc­ces­so nel­la vi­ta» e lei si can­di­dò per di­ven­ta­re pre­si­den­te del suo li­ceo. Per­se. Il ra­gaz­zo che vin­se la pre­se in gi­ro: «De­vi es­se­re pro­prio stu­pi­da per pen­sa­re che una don­na pos­sa di­ven­ta­re pre­si­den­te». Si lau­reò tra i mi­glio­ri del suo cor­so e men­tre de­ci­de­va se spe­cia­liz­zar­si in Leg­ge ad Har­vard o a Ya­le par­te­ci­pò a un ri­ce­vi­men­to ad Har­vard, do­ve un pro­fes­so­re le dis­se: «Qui non ab­bia­mo bi­so­gno di al­tre don­ne». Co­sì an­dò a Ya­le, do­ve co­nob­be Bill Clin­ton: bel­lo, sim­pa­ti­co, bril­lan­te. Eb­be­ro una bam­bi­na, la chia­ma­ro­no Chel­sea. Hil­la­ry man­ten­ne il suo co­gno­me Ro­d­ham an­che quan­do il ma­ri­to di­ven­tò il più gio­va­ne go­ver­na­to­re de­gli Sta­ti Uni­ti, in Ar­kan­sas, ma quan­do poi per­se lei si tol­se gli oc­chia­li, schia­rì i ca­pel­li, pre­se il suo co­gno­me e si mi­se a dar­gli una ma­no.

Aill Clin­ton ven­ne rie­let­to e die­ci an­ni do­po di­ven­tò pre­si­den­te de­gli Sta­ti Uni­ti. Il re­sto lo sa­pe­te: è sta­ta la pri­ma mo­glie a per­do­na­re un tradimento in mon­do­vi­sio­ne, la pri­ma se­na­tri­ce del­lo Sta­to di New York, la pri­ma a fa­re un sac­co di co­se, com­pre­so far­si de­te­sta­re da mez­zo mon­do. Trop­po an­ti­pa­ti­ca, trop­po vi­ci­na ai po­te­ri for­ti, di­reb­be­ro in Ita­lia, co­me se il traf­fi­co­ne mi­so­gi­no fi­glio di pa­pà, che in­sul­ta mu­sul­ma­ni, di­sa­bi­li, ispa­ni­ci ed ex pri­gio­nie­ri di guer­ra, Do­nald Trump, fos­se Ro­bin Hood. Su­pe­ra­re

BBa­rack Oba­ma in fa­sci­no ed em­pa­tia era im­pos­si­bi­le: Hil­la­ry ha gio­ca­to un’al­tra par­ti­ta. Ha aspet­ta­to, ha tol­le­ra­to, ha fat­to com­pro­mes­si. Ma una co­sa è cer­ta: a pa­ri­tà di di­fet­ti, un uo­mo avreb­be avu­to la me­tà del­le sue dif­fi­col­tà. E nes­su­no si sa­reb­be az­zar­da­to a di­scu­te­re se era sim­pa­ti­co o an­ti­pa­ti­co. li elet­to­ri am­mi­ra­no la sua te­na­cia e la sua in­tel­li­gen­za», di­co­no le sue son­dag­gi­ste, «ma non so­no a pro­prio agio a ve­de­re que­ste qua­li­tà in una don­na». Nem­me­no lei era a suo agio a fa­re cam­pa­gna elet­to­ra­le, non è la sua di­men­sio­ne na­tu­ra­le: non è pia­cio­na ma sec­chio­na, os­ses­sio­na­ta dai det­ta­gli e dal­le po­li­cy. Se il suo obiet­ti­vo fos­se­ro sta­ti i sol­di, og­gi sa­reb­be una ric­chis­si­ma av­vo­ca­ta: già pri­ma di la­scia­re il la­vo­ro per aiu­ta­re Bill quan­do era go­ver­na­to­re gua­da­gna­va mol­to più di lui. Bi­so­gna ri­co­no­sce­re che avreb­be po­tu­to fa­re di più sul pia­no del­la tra­spa­ren­za, ha sem­pre avu­to un pes­si­mo rap­por­to con la stam­pa, ha vi­sto co­me un fa­sti­dio con­di­vi­de­re in­for­ma­zio­ni su di sé. È sem­pre sta­ta una mo­de­ra­ta, con­vin­ta che l’uni­co mo­do per ot­te­ne­re un pro­gres­so sia con­qui­star­lo col tem­po, pas­so do­po pas­so. E ne ha ot­te­nu­ti: è me­ri­to del suo la­vo­ro se mi­lio­ni di bam­bi­ni pos­so­no ave­re un’as­si­sten­za sa­ni­ta­ria ne­gli Sta­ti Uni­ti. Non è la per­so­na con cui pre­fe­ri­re­sti far­ti una bir­ra, ma quel­la che vor­re­sti ac­can­to se de­vi an­da­re a ri­ne­go­zia­re il mu­tuo. Pro­ba­bil­men­te non vi emo­zio­ne­rà nel suo di­scor­so di fi­ne an­no, ma quan­do al­le tre di not­te squil­le­rà il te­le­fo­no per qual­che cri­si in­ter­na­zio­na­le si fa­rà tro­va­re pron­ta e que­ste so­no le do­ti di cui c’è bi­so­gno in un pre­si­den­te. Uo­mo o don­na.

GLo scat­to, di­ven­ta­to vi­ra­le, del­la fo­to­gra­fa uf­fi­cia­le Bar­ba­ra Kin­ney: le fan di Hil­la­ry le vol­ta­no le spal­le pur di far­si un au­to­scat­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.