IN­STA­GRAM NON LO CA­PI­SCO»

Vanity Fair (Italy) - - Grandi Domande -

se­gui­to la cau­sa di divorzio di La­dy Dia­na. Ra­chel Weisz, che nel­la vi­ta è la si­gno­ra Da­niel Craig, è ov­via­men­te mol­to più bel­la del­la ve­ra Lip­stadt ma il la­vo­ro di so­mi­glian­za, guar­dan­do un po’ di fo­to e vi­deo d’epo­ca, è sta­to fat­to con gran pre­ci­sio­ne fin dal­la pri­ma sce­na, quel­la in cui De­bo­rah ur­la a Da­vid Ir­ving che sta in­ter­rom­pen­do una sua con­fe­ren­za: «Non par­lo con chi di­ce che l’Olo­cau­sto non è mai esi­sti­to e non par­lo con chi di­ce che El­vis Pre­sley è an­co­ra vi­vo». Vi sie­te in­con­tra­te? «Sì, l’ho vi­sta spes­so per pre­pa­ra­re il film, è una don­na mol­to de­ci­sa e com­bat­ti­va nel di­fen­de­re le sue idee». Ve­do che non ha usa­to l’espres­sio­ne «don­na for­te», so che non le pia­ce. «Sì, mi sal­ta­no i ner­vi quan­do si di­ce “don­na for­te” di un per­so­nag­gio in­ter­pre­ta­to da un’at­tri­ce. È un in­sul­to. Che co­sa vuol di­re? Che di so­li­to le don­ne so­no de­bo­li? Pos­sia­mo es­se­re emo­ti­ve, sen­si­bi­li, ma­ga­ri an­che fra­gi­li ma non de­bo­li! Ci fac­cia ca­so: nes­su­no sot­to­li­nea mai che Ja­son Bour­ne è for­te, lo si dà per scon­ta­to». Per non di­re di James Bond. «Ah, nes­su­no ose­reb­be mai spe­ci­fi­ca­re che Da­niel Craig in­ter­pre­ta un uo­mo for­te, fi­gu­ria­mo­ci». A pro­po­si­to. Vi­sto che an­co­ra non è sta­to an­nun­cia­to il fu­tu­ro di James Bond, lei da mo­glie co­me la ve­de? Vuo­le che Da­niel con­ti­nui o pre­fe­ri­reb­be che la­scias­se? «Non ha nul­la a che ve­de­re con me. Io vo­glio che scel­ga quel­lo che lo ren­de più fe­li­ce, mi guar­do be­ne dall’in­ter­ve­ni­re». Sie­te en­tram­bi fa­mo­sis­si­mi, en­tram­bi as­sen­ti dai so­cial me­dia. «Mio ma­ri­to di­ce sem­pre: esi­ste il la­vo­ro ed esi­ste la vi­ta, so­no due co­se mol­to di­ver­se, per­ché do­vrem­mo con­fon­der­le e so­vrap­por­le per espor­le al pub­bli­co? So­no d’ac­cor­do con lui. Tra l’al­tro, io non ho il fe­tic­cio del­la fo­to ri­cor­do, quin­di In­sta­gram pro­prio non lo ca­pi­sco. Se ve­do qual­co­sa che mi pia­ce pre­fe­ri­sco te­ner­ne la me­mo­ria nel­la mia men­te, non sen­to il bi­so­gno di fo­to­gra­far­lo». Ep­pu­re mol­ti vo­stri col­le­ghi, ugual­men­te po­po­la­ri, ne fan­no ab­bon­dan­te uso. «Nien­te di ma­le, li ri­spet­to. Se­con­do al­cu­ni, è an­che uno stru­men­to im­por­tan­te per la car­rie­ra. Ma non fa per me. An­che per­ché, di­cia­mo­ce­la tut­ta: non è mai la ve­ri­tà quel­la che si ve­de sui so­cial me­dia, è so­lo una bel­la ver­sio­ne di se stes­si da­ta in pa­sto al pub­bli­co». Del re­sto, la sua car­rie­ra non ha cer­to An­drew Scott, 40 an­ni, la Weisz e Tom Wil­kin­son, 68, in una sce­na del­la Ve­ri­tà ne­ga­ta, di­ret­to da Mick Jack­son e trat­to dal li­bro di De­bo­rah Lip­stadt. bi­so­gno di pub­bli­ci­tà. Pas­sa dal tea­tro al ci­ne­ma, dai film d’au­to­re ai bloc­k­bu­ster… Co­me fa? «Non lo so, non ho una ri­spo­sta in­tel­li­gen­te da dar­le. Sce­glie­re è frut­to di una gran­dis­si­ma con­fu­sio­ne. Non pos­so nean­che dir­le che di­pen­de dal­la bra­vu­ra del­le per­so­ne che la­vo­ra­no con me: so­no tut­ti ec­ce­zio­na­li pe­rò, al­la fi­ne, ogni at­to­re è l’uni­co ve­ro re­spon­sa­bi­le del­le de­ci­sio­ni che pren­de e di co­me si com­por­ta sul set o sul pal­co­sce­ni­co. E pen­so che que­sto val­ga per tut­te le pro­fes­sio­ni». La ve­ri­tà ne­ga­ta met­te in sce­na mol­ti dub­bi, non tan­to sull’Olo­cau­sto quan­to sul di­rit­to di pa­ro­la: se am­met­tia­mo che tut­ti pos­sa­no espri­me­re la pro­pria opi­nio­ne, per­ché non do­vreb­be po­ter­lo fa­re an­che un an­ti­se­mi­ta che ne­ga lo ster­mi­nio de­gli ebrei? «La ri­spo­sta sta nel­la ve­ri­tà sto­ri­ca, quel­la che De­bo­rah di­fen­de da tut­ta la vi­ta. Non si può, non si de­ve ne­ga­re quel­lo che è av­ve­nu­to. Pe­rò il film usa ra­gio­na­men­ti sot­ti­li, ti fa en­tra­re nel pen­sie­ro di chi ap­pli­ca le leg­gi in mo­do non scon­ta­to. So­no fe­li­ce di aver­lo in­ter­pre­ta­to, mi piac­cio­no le sto­rie com­ples­se». An­che lei, co­me De­bo­rah Lip­stadt, è ebrea. Nel film c’è una sce­na mol­to emo­zio­nan­te gi­ra­ta ad Au­sch­wi­tz. «Non so­no un’ebrea os­ser­van­te co­me De­bo­rah, non ho de­di­ca­to la mia vi­ta al­la cau­sa e non se­guo cer­te tra­di­zio­ni. Nel­la sce­na ad Au­sch­wi­tz re­ci­to una pre­ghie­ra in ebrai­co ma ho do­vu­to im­pa­rar­la ap­po­sta, non la co­no­sce­vo». In feb­bra­io la ve­dre­mo an­che nel­la Lu­ce su­gli ocea­ni con Mi­chael Fas­sben­der, che è sta­to pre­sen­ta­to al­la Mo­stra di Ve­ne­zia. An­che quel­lo è un film con un gran­de in­ter­ro­ga­ti­vo mo­ra­le. «Sì, ci si do­man­da: chi è la ve­ra ma­dre di que­sta bam­bi­na? Quel­la che l’ha al­le­va­ta, do­po aver­la tro­va­ta ab­ban­do­na­ta su una spiag­gia, o la ma­dre na­tu­ra­le che cre­de­va che la fi­glia fos­se mor­ta? È co­me il giu­di­zio di re Sa­lo­mo­ne, una de­ci­sio­ne do­lo­ro­sa, quin­di ot­ti­mo ma­te­ria­le nar­ra­ti­vo. Lei ha vi­sto il film? Le è pia­ciu­to?». Ho pian­to, quin­di di­rei che mi è pia­ciu­to. «Be­ne! Ho un ri­cor­do bel­lis­si­mo del­le ri­pre­se in Nuo­va Ze­lan­da, in mez­zo a quel­la na­tu­ra me­ra­vi­glio­sa. Co­sì me­ra­vi­glio­sa che va­le il jet lag». Ul­ti­ma do­man­da: lei ha la­vo­ra­to con Pao­lo Sor­ren­ti­no in You­th. Ha vi­sto la se­rie te­le­vi­si­va The Young Po­pe? «Non an­co­ra, ma so­no cu­rio­sis­si­ma. Ado­ro Sor­ren­ti­no. In You­th, la don­na che in­ter­pre­to en­tra in sce­na ve­sti­ta in mo­do so­brio, poi – quan­do il ma­ri­to la la­scia e lei è di­spe­ra­ta – co­min­cia a in­dos­sa­re co­se mol­to più se­xy. Io avrei det­to il con­tra­rio, avrei det­to che se sei a pez­zi fai di tut­to per na­scon­der­ti, in­ve­ce Pao­lo è riu­sci­to a con­vin­cer­mi del con­tra­rio».

STO­RIA VE­RA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.