Sem­pli­fi­ca­re l’ado­zio­ne»

«l’ute­ro in af­fit­to non mi pia­ce, ma non puoi pre­ve­der­lo co­me rea­to in ita­lia. e poi vor­rei

Vanity Fair (Italy) - - Alla Fiorentina -

tut­te le co­se per cui noi del cen­tro­de­stra ci bat­tia­mo da vent’an­ni – de­vo sen­tir­mi li­be­ro di espri­mer­mi se­con­do la mia co­scien­za e coe­ren­za». Non tut­ti i se­na­to­ri che cam­bia­no ca­sac­ca o spostano i vo­ti lo fan­no pe­rò per mo­ti­vi idea­li. «C’è una ra­gio­ne idea­le e c’è una ra­gion pra­ti­ca, che non va de­mo­niz­za­ta: se un se­na­to­re mi vie­ne a di­re che non si tro­va più be­ne nel suo par­ti­to e vuo­le cam­bia­re, non ci ve­do nul­la di ma­le. La po­li­ti­ca è com­pli­ca­ta. So­no an­da­to di re­cen­te a ve­de­re un film su Lincoln e il suo brac­cio de­stro, al qua­le mi ave­va­no pa­ra­go­na­to: com­pra­va­no i se­na­to­ri per far pas­sa­re la leg­ge che ren­de­va ugua­li i bian­chi ai ne­ri, una del­le con­qui­ste ci­vi­li più im­por­tan­ti del Pae­se». È ve­ro che è un mas­so­ne? «Se fos­si cre­sciu­to du­ran­te il Ri­sor­gi­men­to sa­rei sta­to car­bo­na­ro e mas­so­ne, ma nel mon­do di og­gi la mas­so­ne­ria non ha sen­so. In­fat­ti i mas­so­ni mi odia­no. E poi cam­pa­nel­le, ri­ti, riu­nio­ni nei gior­ni pre­sta­bi­li­ti: non è ro­ba che fa per me». Co­me ha vis­su­to la rot­tu­ra con Ber­lu­sco­ni? «Ma­le. Ho la­vo­ra­to tan­tis­si­mo per il pat­to del Na­za­re­no nel qua­le con­fi­da­vo per por­re fi­ne al­la con­trap­po­si­zio­ne che ha im­pe­di­to sia al cen­tro­de­stra che al cen­tro­si­ni­stra di go­ver­na­re que­sto Pae­se. Ber­lu­sco­ni, per l’età che ha e per i pro­ble­mi – era sta­to espul­so dal Se­na­to – avreb­be do­vu­to ac­cet­ta­re di fa­re il pa­dre del­la pa­tria ma non è an­da­ta co­sì, e sull’ele­zio­ne del pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca il pat­to si è rot­to. Io stes­so ho vo­ta­to Mat­ta­rel­la». Col­pa di Ber­lu­sco­ni, quin­di, se si è rot­to il pat­to? «Il più gran­de er­ro­re di Ber­lu­sco­ni è aver rot­to il pat­to, il più gran­de er­ro­re di Ren­zi è aver­lo per­mes­so». È ve­ro che il cer­chio ma­gi­co in­tor­no a Ber­lu­sco­ni a un cer­to pun­to l’ha al­lon­ta­na­ta? «Chi co­no­sce Ber­lu­sco­ni sa che non si fa con­di­zio­na­re da nes­su­no. Do­po la rot­tu­ra po­li­ti­ca non ci si ve­de più co­me una vol­ta, ma io gli de­vo mol­to e lo con­si­de­ro un ami­co. E an­che lui pen­so che mi con­si­de­ri ta­le». Non è uno che por­ta ran­co­re? «In que­sto sia­mo ugua­li: do­po 48 ore po­trei an­da­re a ce­na con uno che mi ha pu­gna­la­to al­la schie­na. Que­sto fa im­paz­zi­re mia mo­glie, di­ce che so­no trop­po buo­no». Ave­te mai avu­to cri­si di cop­pia? S.: «Ogni tan­to vo­la qual­che piat­to, an­che per­ché vuo­le sem­pre aver ra­gio­ne. Ma nien­te di serio». Ge­lo­sa, quan­do suo ma­ri­to è a Ro­ma? S.: «Era più ge­lo­so lui. Io po­co, per­ché lui è ga­lan­te con le don­ne e con gli uo­mi­ni in­di­stin­ta­men­te, gli pia­ce pia­ce­re. Le ten­ta­zio­ni poi ci so­no ovun­que». D.: «Ma in po­li­ti­ca ce ne so­no di più: dà im­por­tan­za, po­te­re. Pe­rò og­gi su­gli scan­da­li ses­sua­li c’è trop­pa at­ten­zio­ne. An­che Ber­lu­sco­ni, che avrà fat­to i suoi errori, è sta­to ec­ces­si­va­men­te de­mo­niz­za­to». Non pen­sa che un po­li­ti­co do­vreb­be ave­re una vi­ta spec­chia­ta? «Io pen­so piut­to­sto che la po­li­ti­ca e i po­li­ti­ci sia­no lo spec­chio del­la so­cie­tà. Nes­su­no è avul­so dal con­te­sto in cui vi­ve». Fa­te mol­ta vi­ta mon­da­na? D.: «Ve­do già fin trop­pa gen­te per la­vo­ro. Nel tem­po li­be­ro mi chiu­do nel­la no­stra ca­sa in cam­pa­gna con i miei ani­ma­li; ab­bia­mo ca­ni, gat­ti, fa­gia­ni, tar­ta­ru­ghe e due pap­pa­gal­li: Cla­ra – ab­bia­mo sco­per­to do­po che era un ma­schio – ha 30 an­ni, e po­treb­be vi­ve­re fi­no a 80, men­tre Ar­tu­ro mi chia­ma “Bab­bo” ed è l’uni­co che mi vuo­le be­ne in fa­mi­glia». È cat­to­li­co pra­ti­can­te? «Lo so­no sta­to ma poi ho smes­so. Ho mol­ta in­vi­dia per quel­li che han­no fe­de. Co­me di­ce il mio av­vo­ca­to: se aves­si fe­de, con tut­te le di­sgra­zie che ho sta­rei sem­pre a pre­ga­re». Ha vo­ta­to a fa­vo­re del­la leg­ge sul­le unio­ni ci­vi­li. «Le leg­gi van­no fat­te guar­dan­do la real­tà in cui vi­via­mo. Cre­do che le cop­pie omo­ses­sua­li deb­ba­no ave­re gli stes­si di­rit­ti di quel­le ete­ro, tan­to che quan­do han­no stral­cia­to dal­la leg­ge la ste­p­child adop­tion mi so­no sgo­la­to per di­re che era as­sur­do esclu­der­la per­ché i giu­di­ci già la con­ce­do­no. Non so­no pe­rò fa­vo­re­vo­le al ma­tri­mo­nio: è un isti­tu­to che la no­stra cul­tu­ra pre­ve­de so­lo tra un uo­mo e una don­na, chie­der­lo in un Pae­se cat­to­li­co si­gni­fi­ca an­da­re a cer­ca­re la ris­sa». È an­che fa­vo­re­vo­le all’ute­ro in af­fit­to? «Non mi pia­ce, ma non puoi pre­ve­der­lo co­me rea­to in Ita­lia: che co­sa fai quan­do una cop­pia tor­na con un fi­glio fat­to all’este­ro, li ar­re­sti? Piut­to­sto, so­no per sem­pli­fi­ca­re l’ado­zio­ne che og­gi è as­sur­da­men­te com­ples­sa: qual­che an­no fa Si­mo­net­ta vo­le­va pren­de­re in af­fi­do due o tre bam­bi­ni or­fa­ni del­la guer­ra nei Bal­ca­ni; sia­mo an­da­ti a fa­re dei col­lo­qui cin­que vol­te, al­la se­sta mi so­no ri­fiu­ta­to». Al re­fe­ren­dum vin­ce­rà il Sì? «Sul­la ma­te­ria le ra­gio­ni del No non esi­sto­no: si pas­sa da un si­ste­ma bi­ca­me­ra­le a uno so­stan­zial­men­te mo­no­ca­me­ra­le, co­me in tut­to il mon­do; si ri­du­ce il nu­me­ro dei se­na­to­ri; si ri­por­ta­no ma­te­rie di in­te­res­se ge­ne­ra­le co­me am­bien­te, sa­ni­tà e in­fra­strut­tu­re al­lo Sta­to. La cam­pa­gna per il No è una cam­pa­gna con­tro il go­ver­no Ren­zi, quin­di pen­so ab­bia già esau­ri­to la sua spin­ta, il Sì può so­lo cre­sce­re e, vi­sto che è un re­fe­ren­dum sen­za quo­rum, chi si astie­ne in­ci­de re­la­ti­va­men­te». Se vin­ce il No, Ren­zi si di­met­te­rà? «Può ac­ca­de­re di tut­to, e que­sto è un ri­schio che l’Ita­lia non può cor­re­re. Quel che è cer­to è che il fron­te del No non espri­me una pro­po­sta di go­ver­no al­ter­na­ti­va». In ca­so di di­mis­sio­ni di Ren­zi, al go­ver­no chi po­treb­be an­da­re? «Tec­ni­ca­men­te, il pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca po­treb­be riaf­fi­da­re l’in­ca­ri­co al­lo stes­so Ren­zi, in quan­to se­gre­ta­rio del mag­gior par­ti­to in par­la­men­to. Ri­mar­reb­be quin­di que­sto pre­mier, ma am­mac­ca­to: una scia­gu­ra». E lei che co­sa fa­rà se vin­ce il No? «Va­do avan­ti. L’obiet­ti­vo di que­sta le­gi­sla­tu­ra è fa­re le ri­for­me, non so­lo quel­la co­sti­tu­zio­na­le». Verdini ha de­gli ami­ci? «Ne ho di­ver­si a Fi­ren­ze, ami­ci d’in­fan­zia, di fa­mi­glia. E Giu­lia­no Fer­ra­ra, per­so­na di ra­ra in­tel­li­gen­za e aper­tu­ra men­ta­le». Il suo mi­glio­re ami­co chi è? «So­no io. Mi vo­glio un be­ne dell’ani­ma».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.