SI ROM­PE IL CUO­RE

SE PER INSEGUIRE IL SO­GNO

Vanity Fair (Italy) - - Il Postino -

Smet­te­te di sen­tir­vi in col­pa. Tut­to mi sem­bra­te tran­ne nin­fo­ma­ni o gat­te mor­te. Sem­pli­ce­men­te sie­te – o era­va­te – don­ne in­na­mo­ra­te che han­no lan­cia­to un al­lar­me a cui i vo­stri uo­mi­ni non han­no pre­sta­to ascol­to. Non sa­prei dir­vi per­ché suc­ce­da e con­ti­nui a suc­ce­de­re, an­che quan­do uno giu­ra a se stes­so che non suc­ce­de­rà più. Ma c’è un mo­men­to, pur­trop­po, in cui la cop­pia per­de gli oc­chi e gli orec­chi. La cri­si è evi­den­te, ba­ste­reb­be sof­fer­mar­vi­si per co­glier­ne i se­gna­li: la fre­quen­za del ses­so di­mi­nui­ta (e non par­lia­mo del­la qua­li­tà), la per­di­ta di con­cen­tra­zio­ne sull’al­tro, lo spro­fon­da­men­to nel­la rou­ti­ne. Di so­li­to è la don­na ad ac­cor­ger­se­ne e a gri­da­re che il re è nu­do. L’uo­mo ten­ten­na, ne­ga, ri­muo­ve. Gli han­no insegnato a com­por­tar­si co­sì. A non esplo­ra­re i suoi sen­ti­men­ti, «ro­ba da fem­mi­ne» che ap­pe­na ne trag­go­no le con­clu­sio­ni di­ven­ta­no ine­so­ra­bil­men­te «ma­la­fem­mi­ne». Ep­pu­re io non ho mai co­no­sciu­to una don­na ap­pa­ga­ta che tra­dis­se il suo com­pa­gno. Nep­pu­re l’ap­pa­ri­zio­ne del­le pri­me cre­pe nel va­so per­fet­to dell’amo­re rie­sce a sco­rag­giar­la. È so­lo quan­do si ren­de con­to che l’uo­mo quel­le cre­pe non le ve­de – o le sot­to­va­lu­ta, o pen­sa di oc­cul­tar­le con una ma­no di col­la –, è so­lo al­lo­ra che il suo cuo­re stac­ca la pre­sa e si ren­de di­spo­ni­bi­le a un nuo­vo in­na­mo­ra­men­to. Nel mi­glio­re dei mon­di pos­si­bi­li avre­sti do­vu­to la­scia­re il tuo com­pa­gno an­zi­ché tra­dir­lo in si­len­zio, in­cor­ni­cian­do di bu­gie la vo­stra quo­ti­dia­ni­tà. Co­sì si com­por­te­reb­be una per­so­na per­fet­ta. Ma tu per for­tu­na non sei per­fet­ta. Stai so­lo cer­can­do di di­ven­ta­re com­ple­ta. E so­no si­cu­ro che la pros­si­ma vol­ta che ti in­na­mo­re­rai avrai cu­ra di fis­sa­re le «re­go­le di in­gag­gio», esor­tan­do il tuo nuo­vo part­ner a te­ne­re sem­pre aper­ti i ca­na­li di co­mu­ni­ca­zio­ne. Per ri­cu­ci­re con l’oro un amo­re cre­pa­to, bi­so­gna ac­cor­ger­si che è rot­to e de­si­de­ra­re ri­pa­rar­lo in­sie­me. Ma su­bi­to, per­ché quan­do è trop­po tar­di nean­che l’oro basta più. AN­DRÉ DA LOBA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.