E IL CIALTRONE BATTE LA SECCHIONA

Vanity Fair (Italy) - - Week - Di GUIA SONCINI

bbia­mo una cur­va d’ap­pren­di­men­to tal­men­te piat­ta che so­no ven­ti­due an­ni che ri­pe­tia­mo che Do­nald Trump ha vin­to per­ché sta­va in te­le­vi­sio­ne. Sì, pri­ma si chia­ma­va Sil­vio Ber­lu­sco­ni e non Do­nald Trump, ma l’ana­li­si dell’im­pre­vi­sto è la stes­sa dal 1994: cer­to, col­pa del­le Tv, l’han­no piaz­za­to lì co­me ar­re­do fis­so e poi la gen­te lo ve­de e lo vo­ta. Ho visto ana­li­sti dei me­dia ar­go­men­ta­re in tut­ta se­rie­tà che gli elet­to­ri l’han­no vo­ta­to per­ché se lo ri­cor­da­no in una sce­na di Sex and the Ci­ty – serie che in Usa è an­da­ta sul­la Tv a pa­ga­men­to, e il cui tar­get, a span­ne, mi sem­bra quel­lo del­le elet­tri­ci di Hil­la­ry Clin­ton.

ALes Moon­ves, am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to del­la Cbs, all’ini­zio dell’an­no dis­se una scan­da­lo­sa ve­ri­tà: Trump «non sa­rà un be­ne per l’Ame­ri­ca, ma am­maz­za se è un be­ne per la Cbs». Si­gni­fi­ca­va: ogni vol­ta che lo man­dia­mo in on­da si im­pen­na­no gli ascol­ti, io ho de­gli azio­ni­sti cui por­ta­re pro­fit­ti, co­sa vo­le­te che me ne fre­ghi del­le ele­zio­ni. Era una di­chia­ra­zio­ne im­po­po­la­re, per­ché il mon­do del­lo spet­ta­co­lo pre­ten­de si fin­ga d’ave­re a cuo­re le sor­ti del pia­ne­ta più di quel­le dei pro­pri di­vi­den­di, ma era la ve­ri­tà: era la Tv che ave­va bi­so­gno di Trump, mi­ca vi­ce­ver­sa. L’edi­to­ria­li­sta del New York Ti­mes Mau­reen Do­wd, pro­prio nel­la sua in­ter­vi­sta a Va­ni­ty Fair un me­se fa, ave­va det­to che il Sa­tur­day Night Li­ve ave­va fat­to un gran fa­vo­re a Hil­la­ry: «Un’imi­ta­zio­ne che la uma­niz­za». In real­tà l’imi­ta­tri­ce di Hil­la­ry, Ka­te McKin­non, ne acui­va ogni di­fet­to: la rap­pre­sen­ta­va co­me una ri­gi­do­na che cer­ca di fa­re la sim­pa­ti­ca e non ci rie­sce, che svi­co­la da­van­ti al­le domande sco­mo­de, e che mi­nac­cia di can­di­dar­si fi­no al­la mor­te se non la eleg­go­no. Di fron­te ave­va l’imi­ta­to­re di Do­nald Trump, Alec Bald­win, che ne esa­spe­ra­va la cial­tro­ne­ria. Un’al­tra del­le co­se che non ab­bia­mo im­pa­ra­to dal ’94 a og­gi è che c’è chi pre­fe­ri­sce i cial­tro­ni al­le sec­chio­ne. C’è chi tro­va spi­ri­to­se le bat­tu­te che noi tro­via­mo vol­ga­ri, c’è chi con­si­de­ra vo­ta­bi­le quel che noi giu­di­chia­mo im­pen­sa­bi­le. E c’è la Tv, che am­pli­fi­ca, cer­to, ma mi­ca ti fa bel­lo; an­zi, è spie­ta­ta: se l’aves­se­ro man­da­to me­no in on­da, mol­ta me­no gen­te avreb­be sa­pu­to quan­to Trump fos­se Trump (non ser­vo­no i si­no­ni­mi, cialtrone, fan­fa­ro­ne, me­ga­lo­ma­ne; c’è la pa­ro­la per­fet­ta: Trump). La con­dut­tri­ce te­le­vi­si­va Oprah Win­frey una vol­ta ha det­to: «Quan­do la gen­te ti mo­stra com’è fat­ta, cre­di­ci». In un co­mi­zio qual­che me­se fa, Do­nald Trump dis­se: «In que­sto mo­men­to po­trei spa­ra­re a un pas­san­te nel mez­zo del­la Quin­ta stra­da e non per­de­rei un vo­to, è in­cre­di­bi­le ma è co­sì». Avrem­mo do­vu­to cre­der­gli, in­ve­ce di pren­der­la per la fan­fa­ro­na­ta di uno che le spa­ra gros­se con­fon­den­do in­trat­te­ni­men­to e isti­tu­zio­ni. Tra le co­se che non ci en­tra­no in testa da ven­ti­due an­ni, l’esi­sten­za di quel­li cui piac­cio­no i fan­fa­ro­ni: un elet­to­ra­to che non vie­ne a Dal 1985 dei Jef­fer­son a Ce­le­bri­ty o Zoo­lan­der: Trump è ap­par­so in de­ci­ne di serie Tv e film. 1. The Ap­pren­ti­ce 2015, ul­ti­ma edi­zio­ne del­lo show per aspi­ran­ti im­pren­di­to­ri cui ha par­te­ci­pa­to (era nel ca­st dal pri­mo epi­so­dio, nel 2004). 2. Con Ma­cau­lay Cul­kin nel 1992, in Mam­ma ho ri­per­so l’aereo. 3. In Sex and the Ci­ty, 1999. ce­na con noi, ra­gio­ne per cui ce ne di­men­ti­chia­mo quan­do scri­via­mo le no­stre pre­vi­sio­ni elet­to­ra­li, ma esi­ste. Esi­ste, ed è con­vin­to che le isti­tu­zio­ni ab­bia­no il do­ve­re di in­trat­te­ner­lo (e la secchiona di pas­sar­gli i com­pi­ti, co­sa che a scuo­la non fa­ce­va mai, ra­gio­ne per cui an­co­ra le por­ta ran­co­re e no che non la vo­ta). È un elet­to­ra­to in­for­ma­to, mi­ca pla­gia­to: ha visto tut­to, nei de­cen­ni. Ha visto Do­nald che fa­ce­va il sim­pa­ti­co in Mam­ma ho ri­per­so l’aereo, e Hil­la­ry che pro­va­va a far la sim­pa­ti­ca nel rea­li­ty di Cai­tlyn Jenner; e al­la fi­ne ha de­ci­so fos­se più in­te­res­san­te man­da­re a co­man­da­re il me­ga­lo­ma­ne, che quel­la che ave­va fat­to i com­pi­ti.

1

3 L’UO­MO DE­GLI SCHERMI

2

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.