GRAFFIATO COME ME

Vanity Fair (Italy) - - #vanitysocial -

i ho tro­va­to in un cas­set­to sot­to mi­lio­ni di bi­gliet­ti­ni, fer­ma­gli, ela­sti­ci rot­ti. Ac­can­to a un vec­chio pac­chet­to di chewing gum e al­la par­te­ci­pa­zio­ne di un ma­tri­mo­nio già fi­ni­to. Ti ho vi­sto e ho avu­to un tuf­fo al cuo­re. Sei tu, il mio pri­mo iPod, re­ga­la­to da qual­cu­no che al­lo­ra era tut­to il mio mon­do e che og­gi è qua­si un estra­neo. Hai quel graf­fio che ti ho fat­to quan­do mi sei sci­vo­la­to dal­le ma­ni sull’au­to­bus che mi por­ta­va in uni­ver­si­tà e, se guar­do be­ne nell’at­tac­co del­la bat­te­ria, ci sa­rà qual­che gra­nel­lo di sab­bia di quel­la va­can­za in Spa­gna che ha cam­bia­to tut­to, an­che se poi for­se era già cam­bia­to tut­to. Pro­vo ad at­tac­car­ti al­lo spi­not­to del­la mia mac­chi­na su­per­tec­no­lo­gi­ca e, ma­gia, fun­zio­ni an­co­ra. Come me, d’al­tron­de: fun­zio­no an­co­ra, no­no­stan­te graf­fi ovun­que e la sab­bia in­tor­no al cuo­re. Le can­zo­ni che stai ri­pro­du­cen­do so­no tut­ti pez­zi di vi­ta e di ri­cor­di e an­co­ra og­gi, mam­ma e mo­glie, al­cu­ni fan­no ma­le e al­tri sor­ri­de­re. Gra­zie, iPod: non ti la­sce­rò più so­lo e in­cu­sto­di­to tra ri­cor­di di­men­ti­ca­ti, ti ter­rò vi­ci­no al cuo­re. A ri­cor­dar­mi chi so­no sta­ta, aiu­tan­do­mi a ca­pi­re chi vo­glio es­se­re. C.

T

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.