IL SOGNO

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Co­no­sco anche tie­pi­di ri­for­mi­sti e va­ghi pro­gres­si­sti che so­no in­dul­gen­ti nel giu­di­zio su Fi­del. E per­si­no qual­che ami­co del­la de­stra più ani­mo­sa e an­ti-bor­ghe­se. Non è cer­ta­men­te ade­sio­ne ideo­lo­gi­ca al fa­ti­co­so, le­gno­so so­cia­li­smo cu­ba­no. Cre­do che il mi­to di Ca­stro (e a mag­gior ra­gio­ne di Fi­del) ab­bia ra­di­ci psi­co­lo­gi­che e cul­tu­ra­li pri­ma che po­li­ti­che.

La sto­ria del­la ri­vo­lu­zio­ne cu­ba­na ha qual­co­sa di sal­ga­ria­no (in sti­le Mom­pra­cem) e qual­co­sa di pi­ca­re­sco (pe­ri­pe­zie di un pre­de­sti­na­to al­la scon­fit­ta ca­pa­ce di ri­bal­ta­re il de­sti­no). Lo sbar­co a Cu­ba di ot­tan­ta guer­ri­glie­ri a bor­do del Gran­ma («Non­ni­na»), uno sgan­ghe­ra­to ya­cht mes­si­ca­no com­pe­ra­to di quar­ta ma­no, pa­re­va es­se­re il re­ma­ke ana­cro­ni­sti­co, nel 1956, di un’av­ven­tu­ra mi­li­ta­re ot­to­cen­te­sca – più Pi­sa­ca­ne a Sa­pri che Ga­ri­bal­di a Mar­sa­la; ov­ve­ro più la ca­ta­stro­fe di un grup­po di paz­zoi­di in­va­ghi­ti di sé che un col­po di ma­no be­ne as­se­sta­to. Il ma­ni­po­lo fu de­ci­ma­to dall’ar­ti­glie­ria del dit­ta­to­re Ful­gen­cio Ba­ti­sta. So­prav­vis­se­ro in do­di­ci, si na­sco­se­ro nel­le fo­re­ste sul­le pen­di­ci dei mon­ti, in­gros­sa­ro­no gli spa­ru­ti ran­ghi quan­to ba­sta­va per ro­ve­scia­re in due an­ni un re­gi­me po­st-co­lo­nia­le fra­di­cio e cor­rot­to, fon­da­to sul­le ca­se da gioco e i bor­del­li, la peg­gio­re La­ti­noa­me­ri­ca im­ma­gi­na­bi­le, con la fame ap­pe­na fuo­ri dai mu­ri di cin­ta del­le vil­le lus­suo­se.

Èil fa­sci­no del­la ri­vo­lu­zio­ne co­me av­ven­tu­ra di po­chi che di­rot­ta­no la sto­ria; co­me even­to im­pro­ba­bi­le ep­pu­re pos­si­bi­le, co­me se la sto­ria fos­se un ro­man­zo an­co­ra da scri­ve­re, una tra­ma an­co­ra da de­ci­de­re. L’esat­to con­tra­rio di quel­la «fi­ne del­la Sto­ria» che di­ven­ne, sul fi­ni­re del mil­len­nio, la de­pri­men­te os­ses­sio­ne di un Oc­ci­den­te im­pi­gri­to, spa­ven­ta­to dal­la sua pro­pria iner­zia, for­se un po­co istu­pi­di­to dal benessere. «Si può fa­re», que­sto è il rac­con­to di Fi­del; e si può fa­re per­si­no sot­to il na­so del­la su­per­po­ten­za che in­com­be a un ti­ro di gom­mo­ne, e che pas­se­rà i de­cen­ni suc­ces­si­vi nel ten­ta­ti­vo al tem­po stes­so pro­ter­vo e gof­fo di ri­por­ta­re all’ob­be­dien­za la pic­co­la iso­la ri­bel­le, in una del­le più ef­fi­ca­ci, im­pa­ga­bi­li ri­pe­ti­zio­ni del mi­to di Da­vi­de e Go­lia. Se UsaUrss era Go­lia con­tro Go­lia, il coz­zo spe­cu­la­re tra due gi­gan­ti ugual­men­te con­vin­ti di in­car­na­re la Ve­ri­tà, ca­pi­ta­li­smo con­tro co­mu­ni­smo, Ove­st con­tro Est, Usa-Cu­ba è il gi­gan­te che sco­pre il to­po pro­prio sot­to ca­sa, e cer­ca di schiac­ciar­lo; e non ci rie­sce, per­ché il to­po è scal­tro, il to­po è co­rag­gio­so.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.