LA CENSURA È NO­STRA

Vanity Fair (Italy) - - Week -

uan­do ho let­to il tweet di Laura Bol­dri­ni – che nel­la Gior­na­ta con­tro la vio­len­za sul­le don­ne ha de­ci­so di pub­bli­ca­re un as­sag­gio de­gli in­sul­ti e del­le mi­nac­ce che ri­ce­ve da quan­do è pre­si­den­te del­la Ca­me­ra – l’ho am­mi­ra­ta. E quan­do è ve­nu­ta a Ga­ze­bo a di­re con pi­glio e fie­rez­za che «A ver­go­gnar­si non de­vo­no es­se­re le per­so­ne che ri­ce­vo­no in­sul­ti ma i vi­gliac­chi che in­sul­ta­no», e che «Bi­so­gna sen­si­bi­liz­za­re: ri­ma­ne­re sul web e com­bat­te­re sul web» ho pen­sa­to che ave­va fat­to una scelta co­rag­gio­sa.

Tut­te le per­so­ne no­te, so­prat­tut­to le don­ne, so­no vit­ti­me dei co­sid­det­ti odia­to­ri da di­va­no: per­so­ne ma­ga­ri (ma ma­ga­ri no) in­no­cue e pa­ci­fi­che che, pro­tet­te o me­no dall’ano­ni­ma­to di un nic­k­na­me, sfo­ga­no su di lo­ro (su di noi, vab­bè, sì) il lo­ro sen­so di rab­bia e im­po­ten­za. E se la don­na è no­ta e in una pre­sun­ta po­si­zio­ne di po­te­re, in­sul­ti e mi­nac­ce lie­vi­te­ran­no co­me pa­net­to­ni. Qual­cu­no di voi for­se ri­cor­da l’ar­ti­co­lo in­ti­to­la­to «Un pe­sce di no­me Twit­ter» che pub­bli­cai qui tre an­ni fa sul­le cri­ti­che nei so­cial net­work a chi fa te­le­vi­sio­ne: nel frat­tem­po le co­se so­no peg­gio­ra­te, o al­me­no co­sì mi pa­re, spe­cial­men­te per le don­ne. Gep­pi Cuc­cia­ri, che di me­stie­re fa la co­mi­ca e non ha in­ca­ri­chi isti­tu­zio­na­li, mi ha rac­con­ta­to che «A chi l’hai da­ta per es­se­re lì?», un gran­de clas­si­co tra gli in­sul­ti ses­si­sti, non ha ri­spar­mia­to nem­me­no lei. a no­to­rie­tà ha mol­ti aspet­ti ne­ga­ti­vi, e que­sto non è una no­vi­tà. Lo avran­no im­pa­ra­to a lo­ro spe­se le per­so­ne che han­no vi­sti de­nun­cia­ti i lo­ro in­sul­ti e i lo­ro no­mi dal­la pre­si­den­te, tra le qua­li al­cu­ne don­ne. Una si è scu­sa­ta, ed è sta­ta in­vi­ta­ta al­la Ca­me­ra, ma ha det­to che non ci an­drà per­ché si sen­te ina­de­gua­ta, e pro­ba­bil­men­te (e fa be­ne) ha pau­ra del­la pub­bli­ci­tà. Ha det­to che in­sul­ta­va in si­len­zio, sul di­va­no, la se­ra, men­tre il ma­ri­to guar­da­va i pro­gram­mi di po­li­ti­ca che a lei non in­te­res­sa­va­no, e ti vie­ne da com­pa­tir­la sin­ce­ra­men­te. La scelta del­la pre­si­den­te del­la Ca­me­ra fa ri­flet­te­re. Mi­che­le Ser­ra ha scrit­to su Re­pub­bli­ca che ognu­no ha la re­spon­sa­bi­li­tà di ciò che di­ce: «Chi pren­de la pa­ro­la in pub­bli­co si pren­da anche, con la pa­ro­la, la fa­ti­ca di dir­la, la re­spon­sa­bi­li­tà di sce­glier­la, la ver­go­gna di sba­glia­re, il do­lo­re di non riu­sci­re a di­re be­ne ciò che si vor­reb­be di­re». Ma se ser­vi­rà a far ri­flet­te­re so­prat­tut­to chi spin­ge all’odio gli odia­to­ri, sa­rà sta­ta an­co­ra più uti­le.

OLl­tre agli odia­to­ri – che mi vie­ne non da giu­sti­fi­ca­re ma da com­pren­de­re, per­ché la so­li­tu­di­ne e la fru­stra­zio­ne so­no sen­ti­men­ti uma­ni che nell’era del­la de­mo­cra­zia del web ven­go­no esa­spe­ra­ti –, mi sem­bra che la re­spon­sa­bi­li­tà mag­gio­re sia di chi fo­men­ta gli odia­to­ri: gior­na­li­sti o po­li­ti­ci piccoli e gran­di che non van­no per il sot­ti­le e spac­cia­no no­ti­zie non ve­ri­fi­ca­te, di­stor­te, pom­pa­te o fab­bri­ca­te ad ar­te per so­ste­ne­re la pro­pria te­si. I fab­bri­can­ti e i fo­men­ta­to­ri di in­di­gna­zio­ne han­no mol­te più re­spon­sa­bi­li­tà di quel­la si­gno­ra che la se­ra – men­tre il ma­ri­to guar­da il pro­gram­ma che gli pa­re – si fa un gi­ro su Fa­ce­book e sfo­ga la sua stan­chez­za e la sua im­po­ten­za, e anche la sua igno­ran­za.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.