COPERTINA

Da bam­bi­na le di­ce­va­no che quan­do can­ta­va sem­bra­va una ca­pra. Il suc­ces­so è ar­ri­va­to ma, do­po es­se­re di­ven­ta­ta mam­ma, è an­da­ta in cri­si e avreb­be vo­lu­to mol­la­re la mu­si­ca. In­ve­ce SHA­KI­RA è tor­na­ta sul pal­co, ed è sta­to li­be­ra­to­rio. C’è riu­sci­ta gra­zie all

Vanity Fair (Italy) - - News - di SI­MO­NA SI­RI fo­to JAU­ME DE LAI­GUA­NA

Sha­ki­ra, 40 an­ni, fo­to­gra­fa­ta da Jau­me de Lai­gua­na

A po­chi gior­ni dal­la stra­ge di Man­che­ster, il 22 mag­gio du­ran­te il con­cer­to di Ariana Grande, e pri­ma che il fa­mo­so ele­fan­te nel­la stan­za si tra­sfor­mi in qual­co­sa di trop­po in­gom­bran­te per po­ter­ne par­la­re, chie­do a Sha­ki­ra co­me si sen­te di que­sti tem­pi un’ar­ti­sta abi­tua­ta a esi­bir­si da­van­ti a mi­glia­ia di per­so­ne, e se il pen­sie­ro «Po­treb­be suc­ce­de­re a un mio con­cer­to», ol­tre che uma­no, è dif­fi­ci­le da scac­cia­re. «Vi­via­mo mo­men­ti dif­fi­ci­li», di­ce lei do­po una pau­sa e un so­spi­ro. «Ov­vio che la pau­ra c’è, ma c’è an­che la vo­lon­tà di non ar­ren­der­si, di con­ti­nua­re a fa­re mu­si­ca, di vivere vi­te pie­ne e sod­di­sfa­cen­ti. Non si ce­de al­la pau­ra». È for­se la ri­spo­sta più di­plo­ma­ti­ca che da­rà du­ran­te tut­ta l’in­ter­vi­sta, ma è an­che una ri­spo­sta di cuo­re, per­ché se c’è una che ha sem­pre rap­pre­sen­ta­to i va­lo­ri dell’in­clu­sio­ne e del mix di cul­tu­re, que­sta è lei, tan­to che di se stes­sa è so­li­ta di­re: «So­no una fu­sio­ne». Co­lom­bia­na di na­sci­ta, li­ba­ne­se da par­te di pa­dre, spa­gno­la e ita­lia­na da par­te di ma­dre, in­fluen­za­ta dal­la mu­si­ca me­dio­rien­ta­le co­me dal pop in­gle­se, Sha­ki­ra è la di­va glo­ba­le per ec­cel­len­za, di­ven­ta­ta pri­ma fa­mo­sa in spa­gno­lo con l’al­bum Pies De­scal­zos (era il 1995) e poi esplo­sa in tut­to il mon­do gra­zie a suc­ces­si in lin­gua in­gle­se co­me Whe­ne­ver, Whe­re­ver, Hips Don’t Lie, Don’t Bo­ther, She Wolf. «Lo spa­gno­lo ri­ma­ne la lin­gua più vi­ci­na al mio cuo­re. Pe­rò cer­te co­se, chis­sà per­ché, mi ven­go­no me­glio in in­gle­se. Nel nuo­vo di­sco, per esem­pio, c’è una can­zo­ne, Co­co­nut Tree, che è mol­to per­so­na­le e che ha a che fa­re con un ri­cor­do spe­ci­fi­co, ma che ho scrit­to di get­to in in­gle­se». Il nuo­vo di­sco si in­ti­to­la El Do­ra­do ed è una sor­ta di ri­tor­no sul­le sce­ne do­po la na­sci­ta dei due figli – Mi­lan, 4 an­ni, e Sa­sha, 2 – avu­ti dal cal­cia­to­re del Bar­cel­lo­na Ge­rard Pi­qué. I due si so­no in­con­tra­ti nel 2010 sul set del vi­deo di Wa­ka Wa­ka, la can­zo­ne uf­fi­cia­le dei Mon­dia­li in Su­da­fri­ca, can­ta­ta ap­pun­to da Sha­ki­ra. «È un di­sco eclet­ti­co, con un mix di can­zo­ni mol­to per­so­na­li co­me il sin­go­lo Me Ena­mo­ré (de­di­ca­ta a Pi­qué, che in­fat­ti com­pa­re an­che nel vi­deo, ndr) e al­tre più pop, con in­fluen­ze su­da­me­ri­ca­ne dal reg­gae­ton al­la ba­cha­ta. Un sen­ti­men­to sot­to­stan­te a tut­to l’al­bum è la li­ber­tà: El Do­ra­do è for­se il di­sco più li­be­ra­to­rio che ab­bia mai scrit­to, e an­che il più di­ver­ten­te». Do­po la ma­ter­ni­tà si era pre­sa una pau­sa. Quan­do ha ca­pi­to che era il mo­men­to giu­sto per tor­na­re? «È sta­to un pro­ces­so gra­dua­le. So­no una mam­ma prin­ci­pian­te che de­ve con­ci­lia­re il ruo­lo di ge­ni­to­re con quel­lo di ar­ti­sta, la sfi­da più grande. Ave­vo de­ci­so che ap­pe­na Sa­sha sa­reb­be sta­to più in­di­pen­den­te sa­rei tor­na­ta in stu­dio. Ma non ave­vo mes­so in con­to il con­flit­to tra que­ste mie due ani­me e la pau­ra che ne sa­reb­be sca­tu­ri­ta. A un cer­to pun­to mi è ve­nu­to il ter­ro­re del

pal­co­sce­ni­co. Ero con­fu­sa, ho avu­to an­che la ten­ta­zio­ne di ri­ti­rar­mi, di mol­la­re tut­to». Che co­sa le ha fat­to cam­bia­re idea? «È in­ter­ve­nu­to Ge­rard. Mi ha det­to chia­ro e ton­do che non mi avreb­be mai per­mes­so di an­da­re in pen­sio­ne. “Ra­gaz­za, ti ri­ti­re­rai quan­do non avrai più nien­te da di­re. Ora vai là fuo­ri e fai quel­lo che sai fa­re”. Ave­va ra­gio­ne. Ero so­lo spa­ven­ta­ta. Di più: ter­ro­riz­za­ta». Ge­rard l’ha sbloc­ca­ta. «As­so­lu­ta­men­te. Ma dal de­ci­de­re di in­ci­de­re un di­sco nuo­vo a far­lo ve­ra­men­te c’è vo­lu­to tem­po. So­no ar­ri­va­ti la pres­sio­ne e i dub­bi: do­ve tro­vo l’ispi­ra­zio­ne? Co­me fac­cio a la­vo­ra­re in un con­te­sto co­sì nuo­vo per me? Ho pas­sa­to una set­ti­ma­na pen­san­do che non ce l’avrei mai fat­ta. Scri­ve­re un al­bum par­ten­do da ze­ro mi sem­bra­va un’im­pre­sa im­pos­si­bi­le, co­me se aves­si do­vu­to sca­la­re l’Eve­re­st. Poi qual­co­sa si è sbloc­ca­to, di nuo­vo: ho pub­bli­ca­to una can­zo­ne, La Bi­ci­cle­ta, in­sie­me a Car­los Vi­ves, e ho vi­sto che ai fan non so­lo pia­ce­va, ma che for­se non si aspet­ta­va­no un al­bum in­te­ro, che an­che so­lo quel bra­no sa­reb­be ba­sta­to. La pres­sio­ne si è al­len­ta­ta. E qual­co­sa in me si è sbloc­ca­to». Quin­di è ba­sta­to al­len­ta­re la pres­sio­ne ver­so se stes­sa. «In pas­sa­to, sfor­na­re una can­zo­ne die­tro l’al­tra era un do­ve­re. Ma l’idea di rin­chiu­der­mi in un bun­ker, iso­la­ta da tut­to e da tut­ti per chis­sà quan­to tem­po al fi­ne di pro­dur­re una mo­le di la­vo­ro enor­me, mi ter­ro­riz­za­va. For­tu­na­ta­men­te, il mer­ca­to di­sco­gra­fi­co è mol­to cam­bia­to in que­sti an­ni e a un’ar­ti­sta non è più ri­chie­sto di la­vo­ra­re e pro­dur­re aven­do in men­te un al­bum in­te­ro. In­som­ma, nel mo­men­to in cui mi so­no det­ta “ok, io un al­bum in­te­ro non lo fac­cio” ho vi­sto la lu­ce in fon­do al tun­nel. Le can­zo­ni han­no co­min­cia­to a sgor­ga­re flui­de co­me non mai, e io non mi so­no mai sen­ti­ta co­sì li­be­ra e crea­ti­va co­me in quel mo­men­to». Qual è la le­zio­ne che ha im­pa­ra­to? «Che non bi­so­gna da­re ret­ta a quel­lo che vo­glio­no gli al­tri, ma se­gui­re il pro­prio istin­to e i pro­pri tem­pi. E, se ser­ve, ri­bal­ta­re tut­to. Io l’ho fat­to: og­gi fa­re la ma­dre è il mio ve­ro la­vo­ro. La mu­si­ca è di­ven­ta­ta il mio hob­by, e pro­prio per que­sto rie­sco a far­la in mo­do ri­las­sa­to. Non avrei mai pen­sa­to di di­re una co­sa si­mi­le, io che la­vo­ro da quan­do ave­vo 14 an­ni». Ma co­sì non ri­schia di spo­sta­re lo stress sul ruo­lo di ma­dre? «In­fat­ti so­no una mam­ma ti­gre. Im­pie­go un sac­co di tem­po ed ener­gia nell’as­si­cu­rar­mi che i miei figli svi­lup­pi­no in pie­no le lo­ro pos­si­bi­li­tà co­gni­ti­ve, crea­ti­ve, com­por­ta­men­ta­li. È mol­to fa­ti­co­so. L’al­tro gior­no ho let­to uno stu­dio che di­ce che le fran­ce­si so­no le ma­dri più ri­las­sa­te. Ec­co, io vor­rei es­se­re fran­ce­se, ma pur­trop­po non lo so­no. Non ho quel di­stac­co, vi­vo tut­to con la pas­sio­ne a mil­le, e sic­co­me ora la ma­ter­ni­tà è il mio la­vo­ro a tem­po pie­no, met­to lì un sac­co di ener­gie. È bel­lis­si­mo, elet­triz­zan­te, me­ra­vi­glio­so, ma mas­sa­cran­te al­lo stes­so tem­po». Che co­sa in­se­gne­rà ai suoi figli ri­guar­do al suc­ces­so? «Che non ha nien­te a che ve­de­re con l’es­se­re fa­mo­si o ric­chi. Che è mol­to più im­por­tan­te ca­pi­re che co­sa si vuo­le fa­re dav­ve­ro nel­la vi­ta. E che la ca­par­bie­tà al­le vol­te ti fa ar­ri­va­re più lon­ta­no del ta­len­to». La pre­oc­cu­pa il fat­to che i suoi figli cre­sca­no da pri­vi­le­gia­ti? «Ci pen­so, ed è ve­ro che i miei figli stan­no cre­scen­do con più ri­sor­se di quel­le che ho avu­to io, ma le dif­fi­col­tà ci so­no co­mun­que. So­lo, per lo­ro sa­ran­no di di­ver­so ti­po. Già ades­so mi ren­do con­to che ave­re due ge­ni­to­ri fa­mo­si non è facile, che fa­ti­che­ran­no di più a tro­va­re la lo­ro stra­da. Una co­sa a cui ten­go è che cre­sca­no im­pa­ran­do mol­te lin­gue, per­ché quel­la è la via per co­no­sce­re cul­tu­re di­ver­se e per aprir­si la men­te». Lei il suc­ces­so a chi lo de­ve? «A mio pa­dre. Da bam­bi­na fui cac­cia­ta dal co­ro del­la scuo­la, per­ché all’in­se­gnan­te non pia­ce­va il mio vi­bra­to, di­ce­va che sem­bra­vo una ca­pra. Fu mio pa­dre a dir­mi di non mol­la­re, di con­ti­nua­re a can­ta­re. “La tua voce è bel­lis­si­ma, ve­drai, un gior­no se ne ac­cor­ge­ran­no tut­ti!”. È sem­pre sta­to un so­gna­to­re. Ma­ga­ri non bra­vis­si­mo co­me uo­mo d’af­fa­ri, ma un idea­li­sta che mi ha in­se­gna­to tan­to sul­la vi­ta e sul va­lo­re del­la per­se­ve­ran­za». La stes­sa co­sa che ades­so le ha det­to Ge­rard. «Aver­lo al mio fian­co è fon­da­men­ta­le. È co­me se ci fos­se sem­pre sta­to, sem­pre. Non pos­so im­ma­gi­na­re la mia vi­ta sen­za di lui». Lo sa che re­cen­te­men­te è sta­to ospi­te di una tra­smis­sio­ne ita­lia­na e che ha det­to di vo­ler­la spo­sa­re? «Lo so. È una co­sa che ha di­chia­ra­to so­lo in Ita­lia, nean­che in Spa­gna. Che co­sa vuo­le che le di­ca? Ave­re due figli in­sie­me mi fa sen­ti­re già ab­ba­stan­za spo­sa­ta, sen­za con­ta­re che le no­stre vi­te e le no­stre car­rie­re so­no com­ple­ta­men­te de­di­ca­te all’al­tro. Non cre­do ser­va un pez­zo di car­ta a ren­de­re tut­to ciò un ma­tri­mo­nio».

«È sta­to Ge­rard a sbloc­car­mi. Mi ha det­to: “Ra­gaz­za, ti ri­ti­re­rai quan­do non avrai più nien­te da di­re. Ora vai là fuo­ri e fai quel­lo che sai fa­re”È

SQUADRA VINCENTE Sha­ki­ra, 40 an­ni, con il com­pa­gno Ge­rard Pi­qué, 30, di­fen­so­re del Bar­cel­lo­na, e i lo­ro figli Mi­lan, 4, e Sa­sha, 2. El Do­ra­do è l’11° al­bum del­la can­tan­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.