TEM­PI SBAGLIATI

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Non c’è un mo­do giu­sto di par­la­re del ter­ro­ri­smo ai gio­va­ni: l’uni­ca co­sa che pos­sia­mo fa­re è cer­ca­re di non far lo­ro pen­sa­re che vi­vo­no in tem­pi sbagliati, per­ché non c’è nien­te di peg­gio del­la sen­sa­zio­ne che i pro­pri tem­pi, la pro­pria gio­ven­tù, sia­no sfor­tu­na­ti, o peg­gio­ri di al­tri. Ha fat­to be­ne Ariana Grande a or­ga­niz­za­re un nuo­vo con­cer­to a Man­che­ster in­sie­me a Rob­bie Wil­liams, Ka­ty Per­ry, i Cold­play, Ju­stin Bie­ber, Mi­ley Cy­rus, i Black Eyed Peas, i Ta­ke That e mol­ti al­tri. E ha fat­to be­ne la Bbc a tra­smet­te­re One Lo­ve Man­che­ster in di­ret­ta (e in Ita­lia Ra­iu­no, Rai4 e Su­per). Per i pa­ren­ti del­le vit­ti­me for­se era pre­sto, an­che se è ve­ro che ognu­no rea­gi­sce al do­lo­re in un mo­do di­ver­so e che nel­le pri­me fa­si del lut­to ogni con­di­vi­sio­ne può aiu­ta­re. Ma è so­prat­tut­to ve­ro che – an­che se noi sap­pia­mo che al­la mor­te non c’è ri­me­dio – l’il­lu­sio­ne che una rea­zio­ne gran­dio­sa e so­li­da­le pos­sa scon­fig­ge­re la pau­ra e per­si­no la mor­te può aiu­ta­re i gio­va­ni a non sen­tir­si figli di tem­pi trop­po di­sgra­zia­ti. Mia fi­glia la not­te do­po l’at­ten­ta­to di Man­che­ster ha so­gna­to che i ter­ro­ri­sti en­tra­va­no in ca­sa e che lei scap­pa­va dal ter­raz­zo. «Ma non ave­vo pau­ra: c’era­va­te an­che voi, ci ca­la­va­mo nel cor­ti­le e cor­re­va­mo via». Non è poi co­sì tan­to più gio­va­ne di Sal­man Abe­di, l’at­ten­ta­to­re 23en­ne, del qua­le la set­ti­ma­na scor­sa un ami­co ha rac­con­ta­to al Cor­rie­re il fa­na­ti­smo, il di­sa­gio, le pre­ghie­re, il ri­fiu­to del mon­do oc­ci­den­ta­le. Un ri­fiu­to che al­cu­ni ado­le­scen­ti ca­pi­sco­no più di al­tri, an­che se nes­sun ado­le­scen­te oc­ci­den­ta­le cre­do rie­sca a ca­pi­re o ad ac­cet­ta­re che qual­cu­no pos­sa vo­ler mo­ri­re uc­ci­den­do al­tre per­so­ne. So­no cre­sciu­ti col ta­bù del­la guer­ra e col cul­to del­la pa­ce: al­me­no que­sto glie­lo ab­bia­mo sa­pu­to in­se­gna­re.

Un’ amica di mia fi­glia il 16 giu­gno an­drà a Mon­za al con­cer­to dei Ra­dio­head e pen­sa che non le suc­ce­de­rà nien­te «per­ché i Ra­dio­head non so­no con­su­mi­sti co­me Ariana Grande», e quan­do sua ma­dre le fa no­ta­re che il grup­po che suo­na­va al Ba­ta­clan, gli Ea­gles of Dea­th Me­tal, so­no an­co­ra me­no con­su­mi­sti dei Ra­dio­head (qua­lun­que co­sa vo­glia di­re «con­su­mi­sti», ma si fa per ca­pir­si) al­za le spal­le e di­ce che «al­lo­ra può ca­pi­ta­re ovun­que ci sia gen­te, an­che in me­tro­po­li­ta­na, e io non ho pau­ra, tan­to non pos­so far­ci nien­te. È più facile mo­ri­re in­ve­sti­ti da un’au­to che in un at­ten­ta­to. E ai vo­stri tem­pi ave­va­te le Bri­ga­te ros­se, ne­re, la ma­fia, mi­ca era me­glio di ades­so, no?». Mia fi­glia e la sua amica so­no na­te due an­ni do­po le Tor­ri Ge­mel­le e so­no cre­sciu­te con gli at­ten­ta­ti a Ma­drid, al­la me­tro di Lon­dra, a Char­lie Heb­do, a Bru­xel­les, a Niz­za, al Ba­ta­clan, in Egit­to, in Tur­chia, a Tu­ni­si, ma non per que­sto vo­glio­no sen­tir­si di­ver­se, sfor­tu­na­te, con­di­zio­na­te nel­la lo­ro li­ber­tà. Han­no ra­gio­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.