QUAN­TO SO­NO DIMAGRITA,

L’IDEA CHE LE DON­NE HAN­NO BI­SO­GNO DI APPROVAZIONE»

Vanity Fair (Italy) - - Canta Vanity -

al­bum, Other, ed è uno dei suoi mi­glio­ri in as­so­lu­to. Elet­tro­ni­co in mo­do non con­ven­zio­na­le, an­che nel­la scel­ta dei te­mi: «Il mi­to di Per­se­fo­ne, l’osti­na­zio­ne, la mia di­sles­sia», snoc­cio­la lei, «e poi le pas­seg­gia­te sul mare, la di­ver­si­tà…». In che mo­do si sen­te di­ver­sa? «So­no fi­glia di un im­mi­gra­to fran­ce­se, quan­do sen­to par­la­re di Bre­xit ci pen­so sem­pre. Mi vien vo­glia di di­re: scu­sa­te ma gli in­fer­mie­ri che cu­ra­no i vo­stri ge­ni­to­ri ne­gli ospe­da­li da do­ve ar­ri­va­no? Co­no­sco be­ne la chiu­su­ra men­ta­le che la pro­vin­cia in­gle­se sa col­ti­va­re. So­no cre­sciu­ta a Ba­sil­don, nell’Es­sex, una new to­wn sen­za sto­ria e so­prat­tut­to sen­za cul­tu­ra, e già que­sto ci fa­ce­va sen­ti­re di­ver­si da­gli al­tri ra­gaz­zi­ni. Poi c’era il fi­si­co. In fa­mi­glia siamo tut­ti cor­pu­len­ti, per via del­le ori­gi­ni con­ta­di­ne di mio pa­dre. Non è sta­to facile: ne­gli an­ni ’70 es­se­re una ra­gaz­zi­na ro­bu­sta equi­va­le­va a es­se­re brut­ta». Co­me rea­gi­va? «Da ma­schiac­cio. Ave­vo la fa­ma di una che si di­ver­ti­va più a pic­chia­re che a flir­ta­re. Mi pia­ce­va can­ta­re, que­sto sì. A 15 an­ni ho mes­so su la pri­ma band, fa­ce­va­mo punk. In clas­se con me c’era­no Mar­tin Go­re e An­dy Flet­cher dei De­pe­che Mo­de…». Co­sì ha in­con­tra­to Vin­ce Clar­ke? «È suc­ces­so do­po. Lo co­no­sce­vo di vi­sta, lui e i suoi fra­tel­li non pas­sa­va­no inos­ser­va­ti, bion­di qua­si al­bi­ni. La scuo­la era fi­ni­ta, cer­ca­vo una band di rock blues con cui can­ta­re co­sì mi­si un an­nun­cio su un gior­na­le, il Me­lo­dy Ma­ker. E si fe­ce vi­vo lui, con i suoi sin­te­tiz­za­to­ri. Gli de­vo mol­to, ma co­me ho rac­con­ta­to spes­so, non ab­bia­mo mai le­ga­to. Ci siamo ve­ra­men­te par­la­ti per la pri­ma vol­ta nel 2008, con il reu­nion tour de­gli Ya­zoo, ma è fi­ni­ta là. Siamo ri­ma­sti di­ver­si». Ora in­ve­ce, nel­la can­zo­ne The En­gli­sh U, lei duet­ta con sua fi­glia Cai­tlin. «La can­zo­ne pe­rò è per mia ma­dre. Una stu­den­tes­sa di li­ceo clas­si­co di­ven­ta­ta in­se­gnan­te che ha sem­pre vo­lu­to do­mi­nar­ci tut­ti, ma l’uni­ca co­sa su cui è riu­sci­ta a eser­ci­ta­re il con­trol­lo è sta­ta la gram­ma­ti­ca in­gle­se. In que­sto era un’au­ten­ti­ca fa­sci­sta! La fa­ce­va im­paz­zi­re che gli ame­ri­ca­ni eli­mi­nas­se­ro la “u” da cer­te pa­ro­le; noi di­cia­mo co­lour, fla­vour, ru­mour, lo­ro di­co­no co­lor, fla­vor, ru­mor. Per lei era un af­fron­to. E do­ve­va an­che ge­sti­re me, che so­no di­sles­si­ca. Il mon­do po­te­va an­da­re in pez­zi, ma lei ave­va le sue cer­tez­ze gram­ma­ti­ca­li, e a quel­le si è sem­pre ag­grap­pa­ta. An­che quan­do sta­va mo­ren­do di Al­z­hei­mer». Riu­sci­va a ri­cor­da­re? «Nel­le ul­ti­me set­ti­ma­ne, due an­ni fa, la por­ta­vo a spas­so con la se­dia a ro­tel­le, non riu­sci­va qua­si più a par­la­re, ma al­za­va il brac­cio e pun­ta­va il di­to con­tro le in­se­gne dei ne­go­zi: “Lì ci do­vreb­be es­se­re un apo­stro­fo”. Avrei vo­lu­to pro­va­re a es­ser­le più vi­ci­na in que­sta sua os­ses­sio­ne, ma non ci so­no mai riu­sci­ta. L’ho fat­to con la mu­si­ca. An­zi, con la poe­sia, per­ché i te­sti di que­sto di­sco so­no na­ti co­me ver­si». Che ti­po di poe­sie le piace leg­ge­re? «Amo par­te­ci­pa­re, più che os­ser­va­re. Scri­vo poe­sie, ma non le leg­go, co­sì co­me can­to ma non ascol­to qua­si mu­si­ca, e stu­dio scul­tu­ra an­che se non la co­no­sco. Quan­do qual­co­sa mi piace pre­fe­ri­sco far­la più che vi­ver­la di ri­man­do». Poe­ti­ca ma an­che ci­ni­ca? Una vol­ta si è de­scrit­ta co­sì… «Di­cia­mo rea­li­sta. E one­sta, spe­cie se de­vo de­scri­ver­mi. Quan­do par­lo del mio cor­po vo­glio far­lo sen­za na­scon­der­mi e sen­za ipo­cri­sie. Gra­zie al cie­lo han­no smes­so di fa­re sur­rea­li pa­ral­le­li­smi con Ade­le. So­no sta­ta so­vrap­pe­so per ol­tre 40 an­ni ma pro­prio co­me non sop­por­to il pre­giu­di­zio ver­so la cic­cia, non tollero il mo­do in cui vie­ne sot­to­li­nea­to quan­to so­no dimagrita. Al fon­do c’è sem­pre l’idea che le don­ne ab­bia­no bi­so­gno di approvazione. Per for­tu­na so­no una cin­quan­ten­ne». Che co­sa in­ten­de? «Con la mez­za età di­ven­tia­mo so­cial­men­te in­vi­si­bi­li, non ci si fi­la più nes­su­no. Ma non è un mio pro­ble­ma, mi godo la li­ber­tà: di guar­da­re sen­za l’an­sia di es­se­re guar­da­ta, di gi­ra­re a te­sta al­ta e os­ser­va­re tut­to». Che co­sa la fa ar­rab­bia­re di più? «La cat­ti­ve­ria uma­na. Chi si di­ver­te a umi­lia­re gli al­tri». Se si guar­da in­die­tro co­sa pro­va? «Nes­su­na no­stal­gia se non per le per­so­ne che ho ama­to. Gli an­ni ’80 so­no stati una feb­bre, suc­ce­de­va tut­to co­sì in fretta che me ne so­no re­sa con­to so­lo mol­to do­po. Mi vie­ne in men­te il Li­ve Aid, nel 1985. Ero co­sì per­sa nei miei pen­sie­ri, quan­do me ne par­la­ro­no, che ave­vo ca­pi­to di do­ver can­ta­re al­la Wem­bley Are­na (il pa­laz­zet­to da 12 mi­la po­sti, ndr). Il gior­no del con­cer­to ven­go­no a pren­der­mi. In eli­cot­te­ro. Pen­sai: biz­zar­ro, che bi­so­gno c’è di un eli­cot­te­ro? Sal­go, e c’era­no Da­vid Bo­wie e Bo­no de­gli U2 sor­ri­den­ti che mi di­co­no, dai, dob­bia­mo ar­ri­va­re al­lo sta­dio (di Wem­bley, di fron­te all’Are­na, 90 mi­la po­sti, ndr)! Non so an­co­ra co­me so­no so­prav­vis­su­ta al col­po che mi pre­se».

QUA­SI AMICI Alison Moyet e Vin­ce Clar­ke, 56 an­ni, nel 1982 ai tem­pi de­gli Ya­zoo. Il duo ha de­ci­so di riu­nir­si per un tour nel 2008.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.