Ri­trat­to di fa­mi­glia (con aran­ce)

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem -

Le sto­rie del­le fa­mi­glie as­so­mi­glia­no ai la­ghi: ci si può im­mer­ge­re in epo­che o in pun­ti di­ver­si, ma tut­to re­sta me­sco­la­to, nien­te è la­scia­to per sem­pre al­le spal­le. Nel suo par­zial­men­te au­to­bio­gra­fi­co Il be­ne co­mu­ne (Pon­te al­le Gra­zie, pagg. 320, € 16,80; trad. M. Ba­ioc­chi e A. Ta­glia­vi­ni), l’ame­ri­ca­na Ann Pat­chett rac­con­ta dei Kea­ting e dei Cou­sins, sei figli in tut­to, me­sco­la­ti pu­re lo­ro dal­le di­sgre­ga­zio­ni e dal­le unio­ni dei ri­spet­ti­vi ge­ni­to­ri. Me­ra­vi­glio­sa scrit­tri­ce, Pat­chett en­tra ed esce dal­le lo­ro vi­te (il suo per­so­nag­gio è quel­lo di Fran­ny), tra ge­sti gran­di e pic­co­li nei qua­li si ri­ma­ne im­pi­glia­ti, tra gin cor­ret­ti con le lus­su­reg­gian­ti aran­ce ca­li­for­nia­ne, ri­chie­ste im­pos­si­bi­li da as­se­con­da­re e af­fet­ti che ar­ri­va­no so­lo tar­di, con gli an­ni. Il be­ne co­mu­ne è una sor­ta del­le Cor­re­zio­ni di Fran­zen con re­den­zio­ne fi­na­le, una no­ta li­ri­ca che tie­ne i per­so­nag­gi più vi­ci­ni al cuo­re di chi li leg­ge. E una do­man­da che re­sta: che co­sa siamo di­spo­sti a fa­re, a da­re di noi stes­si, per ve­ni­re ascol­ta­ti ve­ra­men­te?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.