Bel­la e con­sa­pe­vo­le

La più gio­va­ne del­le so­rel­le HA­DID sta se­guen­do le or­me di Gi­gi con una bril­lan­te car­rie­ra nel­la mo­da. An­che la (fal­sa) bru­na di fa­mi­glia è at­ti­va su In­sta­gram e ha già su­pe­ra­to i 13 mi­lio­ni di fol­lo­wer. E sen­te la re­spon­sa­bi­li­tà di ogni fo­to che po­sta

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Al Top - di SILVIA NUCINI fo­to DA­VID ATLAN

Bel­la Ha­did ha bel­lo tut­to, an­che la voce: pro­fon­da e ro­ca, un’eco di si­ga­ret­te che cer­ta­men­te non ha mai fu­ma­to, es­sen­do ca­li­for­nia­na e spor­ti­va. Vent’an­ni, mo­del­la, ha per so­rel­la l’al­tret­tan­to fa­mo­sa Gi­gi, con la qua­le con­di­vi­de il Dna che dal pun­to di vi­sta este­ti­co ga­ran­ti­sce i ri­sul­ta­ti mi­glio­ri: quel­lo de­gli op­po­sti. Che nel lo­ro ca­so si­gni­fi­ca mam­ma olan­de­se – ex mo­del­la – e pa­dre pa­le­sti­ne­se, self-ma­de man ar­ri­va­to ne­gli Stati Uni­ti a 14 an­ni, che ora, a 68, può van­ta­re un pa­tri­mo­nio im­mo­bi­lia­re di mi­lio­ni di dol­la­ri. Le ra­gaz­ze so­no quin­di cer­ta­men­te ric­che, in­dub­bia­men­te splen­di­de, e con un ele­men­to inu­sua­le: qual­co­sa di fe­li­no ad­dos­so e l’idea che fa­re le mo­del­le, nel 2017, non sia so­lo un af­fa­re di sfi­la­te e cam­pa­gne pub­bli­ci­ta­rie, ma an­che di espor­si (con­tro il tra­vel ban di Trump, il di­vie­to d’in­gres­so ne­gli Usa per chi pro­vie­ne da al­cu­ni Pae­si, tut­ti ara­bi) e rac­con­tar­si, so­prat­tut­to su In­sta­gram, do­ve Bel­la ha più di 13 mi­lio­ni di fol­lo­wer, Gi­gi ol­tre 34 mi­lio­ni. Il cor­ri­spet­ti­vo de­gli abi­tan­ti di Bue­nos Ai­res la pri­ma, di Shan­ghai la se­con­da. Isa­bel­la Khair – que­sto il no­me com­ple­to. Khair, in ara­bo, è au­gu­rio di buo­na for­tu­na – ini­zia l’asce­sa nel mon­do del­la mo­da nel 2014 do­po aver mes­so da par­te i so­gni di ca­val­le­riz­za a cau­sa del­la ma­lat­tia di Ly­me, una sindrome cro­ni­ca di cui sof­fro­no an­che sua ma­dre e suo fra­tel­lo An­war che pro­vo­ca gior­na­te di do­lo­ri dif­fu­si e af­fa­ti­ca­men­to men­ta­le du­ran­te le qua­li, ha rac­con­ta­to la mo­del­la al ga­la be­ne­fi­co Uni­ting for a Ly­me-Free World, «non rie­sco ad al­zar­mi dal let­to. Que­sta ma­lat­tia si è por­ta­ta via un pez­zo del­la mia ado­le­scen­za». No­no­stan­te le dif­fi­col­tà Bel­la la bel­la sta fir­man­do im­por­tan­ti con­trat­ti, l’ul­ti­mo dei qua­li con Bul­ga­ri, per cui sa­rà il vol­to del nuo­vo pro­fu­mo Gol­dea the Ro­man Night: «Per me è un’emo­zio­ne, le­ga­ta ai miei ri­cor­di di bam­bi­na. Mio pa­dre ave­va re­ga­la­to a mia ma­dre una pa­ru­re di Bul­ga­ri pri­ma che si spo­sas­se­ro, e lei la in­dos­sa­va sem­pre quan­do ero pic­co­la. Ades­so l’ha da­ta a me, ma non la in­dos­so mai quan­do viag­gio: se la do­ves­si per­de­re, mi uc­ci­de­rei». I fe­steg­gia­men­ti so­no av­ve­nu­ti ov­via­men­te a Ro­ma: piaz­za di Spa­gna tran­sen­na­ta, Bel­la che scen­de una sca­li­na­ta di Tri­ni­tà dei Mon­ti tut­ta per lei e al­la fi­ne com­men­ta «non pos­so cre­de­re di aver­la fat­ta da so­la».

Al ri­to del­le in­ter­vi­ste si sot­to­po­ne con un mi­sto di en­tu­sia­smo e dif­fi­den­za, en­tram­bi vi­si­bi­li nei suoi oc­chi, tra il ver­de e il blu, con qual­co­sa d’oro, an­che.

Par­tia­mo dai si di­ce: si di­ce che lei ab­bia un’ani­ma dark. Quan­to que­sta co­sa le cor­ri­spon­de e quan­to, in­ve­ce, è so­lo un gio­co di con­trap­po­si­zio­ne con sua so­rel­la Gi­gi, an­ge­li­ca e bion­da? «So che la gen­te si è fat­ta que­sta idea di me, ma in real­tà non so­no per nul­la dark. An­zi, chi mi co­no­sce sa che so­no una che ama mol­to ri­de­re. Cre­do che l’equi­vo­co si sia crea­to per il co­lo­re dei ca­pel­li: la bion­da so­la­re – lei – e la mo­ra mi­ste­rio­sa – io. An­che io, in real­tà, so­no bion­da, ma mi scu­ri­sco i ca­pel­li da quan­do ave­vo 13 an­ni, se aves­se cam­bia­to il mio ca­rat­te­re me ne sa­rei ac­cor­ta! On­li­ne si tro­va­no tan­te co­se as­sur­de che non han­no nul­la a che fa­re con la vi­ta ve­ra». Ha co­min­cia­to a fa­re la mo­del­la a tem­po per­so e in un pa­io d’an­ni è di­ven­ta­ta una top. Le piace dav­ve­ro que­sto me­stie­re? «Per mol­ti ver­si è il la­vo­ro più bel­lo del mon­do: io viag­gio in con­ti­nua­zio­ne – di­cia­mo di me­dia un gior­no sì e un gior­no no – in­con­tro mol­te per­so­ne in­te­res­san­ti, la­vo­ro con i fo­to­gra­fi che amo e am­mi­ro da sem­pre (Bel­la ha stu­dia­to fo­to­gra­fia al­la Par­sons School di New York, ndr), fac­cio espe­rien­ze di vi­ta che la mag­gior par­te dei ra­gaz­zi nem­me­no im­ma­gi­na. Poi c’è an­che l’aspet­to tri­ste del­la vi­cen­da: sta­re lon­ta­ni dal­la fa­mi­glia, da­gli amici. Ho so­lo vent’an­ni, i miei amici a ca­sa si di­ver­to­no e van­no al­le feste. Io in­ve­ce so­no da qual­che par­te a la­vo­ra­re». Pe­rò ha mi­lio­ni di fol­lo­wer. Che sen­sa­zio­ne le fa? «I miei fol­lo­wer mi por­ta­no a guar­da­re le co­se da un di­ver­so pun­to di vi­sta. Ci so­no mi­glia­ia di ra­gaz­zi­ne che mi se­guo­no, e io non de­vo mai di­men­ti­car­lo quan­do po­sto le mie fo­to. Il fat­to che sia­no co­sì tan­ti è scioc­can­te e an­che un ono­re: so­no si­cu­ra che se mi in­con­tras­se­ro per la stra­da non si gi­re­reb­be­ro nem­me­no a guar­dar­mi! Que­sta con­sa­pe­vo­lez­za fa sì che non mi mon­ti la te­sta, e ri­man­ga me stes­sa». Che rap­por­to ave­te lei e Gi­gi? «È mia so­rel­la, ma an­che la mia mi­glio­re amica, da quan­do siamo bam­bi­ne. Par­lia­mo spes­so, lo ab­bia­mo fat­to an­che sta­mat­ti­na. La co­sa bel­la del no­stro rap­por­to è che non c’è mai sta­ta nes­su­na ge­lo­sia. Nem­me­no quan­do io so­no na­ta: ci so­no tan­tis­si­me fo­to in cui Gi­gi mi ab­brac­cia, guar­da nel­la mia cul­la, mi ba­cia. In quan­to so­rel­la mag­gio­re (ha due an­ni più di Bel­la, ndr) mi ha sem­pre da­to buo­ni con­si­gli, ora che fac­cio il suo stes­so la­vo­ro an­co­ra di più». Il sug­ge­ri­men­to più uti­le che le ha da­to? «Di non pen­sar­ci trop­po, non la­sciar­mi stres­sa­re dal­le si­tua­zio­ni, per­ché al­la fi­ne quel­lo che con­ta dav­ve­ro è sta­re be­ne e non di­men­ti­ca­re il la­to di­ver­ten­te di que­sto la­vo­ro».

TEM­PO DI LET­TU­RA PREVISTO: 6 MI­NU­TI

Tut­ti i gio­iel­li so­no del­la col­le­zio­ne Ser­pen­ti di Bul­ga­ri.

FO­TO CON PA­PÀ Bel­la al Fe­sti­val di Can­nes con il pa­dre, l’im­pren­di­to­re im­mo­bi­lia­re pa­le­sti­ne­se Mo­ha­med Ha­did, 68 an­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.