Che fac­cia han­no Li­la e Le­nù?

Vanity Fair (Italy) - - News - di JASON HOROWITZ

ELENA FERRANTE ha scrit­to le sto­rie dell’Amica geniale im­ma­gi­nan­do le sue pro­ta­go­ni­ste. L’au­tri­ce, che no­no­stan­te le ri­ve­la­zio­ni man­tie­ne l’ano­ni­ma­to e qui ri­spon­de via mail, rac­con­ta co­me sia cu­rio­sa di sco­prir­ne i trat­ti ora che di­ven­ta­no «rea­li» in una fic­tion. An­che se le bam­bi­ne al ca­sting non han­no let­to i suoi li­bri e so­gna­no sol­tan­to di di­ven­ta­re fa­mo­se

Spe­ro che la fic­tion pro­vo­chi emo­zio­ni au­ten­ti­che: è que­sto che ci fa in­na­mo­ra­re di una cit­tà

Un’ami­ci­zia lun­ga ses­sant’an­ni, un even­to edi­to­ria­le da ol­tre un mi­lio­ne di co­pie, un’au­tri­ce di­ven­ta­ta a sua vol­ta un ca­so: ades­so la sa­ga L’amica geniale di Elena Ferrante – pseu­do­ni­mo su cui mol­ti si so­no in­ter­ro­ga­ti, fi­no a dar­le un no­me, Ani­ta Ra­ja, mo­glie di Do­me­ni­co Star­no­ne, mai pe­rò uf­fi­cial­men­te con­fer­ma­to – di­ven­ta una se­rie Tv, che si ve­drà l’an­no pros­si­mo. Il pro­get­to in­ter­na­zio­na­le è fir­ma­to Hbo-Rai, pro­dot­to da Ma­rio Gia­na­ni e Lo­ren­zo Mie­li per Wild­si­de e da Do­me­ni­co Pro­cac­ci per Fan­dan­go. Sa­ran­no 8 pun­ta­te, sce­neg­gia­te da Sa­ve­rio Co­stan­zo, Lau­ra Pao­luc­ci, Fran­ce­sco Pic­co­lo e dal­la stes­sa Ferrante. Do­po i ca­sting per le bam­bi­ne pro­ta­go­ni­ste, Li­la e Le­nù da pic­co­le, le ri­pre­se par­ti­ran­no in ago­sto, con la re­gia di Sa­ve­rio Co­stan­zo. L’in­ter­vi­sta all’au­tri­ce è sta­ta fat­ta per email. La Ferrante ha un po’ «sfo­ra­to» i tem­pi di con­se­gna, ma al­la fi­ne ha ri­spo­sto a tut­to. Che co­sa pro­va ve­den­do le sue ope­re en­tra­re nel­la vi­ta di bam­bi­ne na­po­le­ta­ne si­mi­li a quel­le che ha rac­con­ta­to, e che ades­so fan­no la fi­la spe­ran­do di di­ven­ta­re Li­la o Le­nù? «Per me è un cam­bia­men­to ra­di­ca­le. I per­so­nag­gi e il quar­tie­re na­sco­no dal­le pa­ro­le, ma ades­so si spo­sta­no dal­la let­te­ra­tu­ra al­lo scher­mo. Esco­no dal mon­do dei let­to­ri per en­tra­re in quel­lo, mol­to più va­sto, de­gli spet­ta­to­ri, in­con­tra­no per­so­ne che di lo­ro non han­no mai let­to e al­tre che, per cir­co­stan­ze so­cia­li o per scel­ta, non ne leg­ge­reb­be­ro mai. È un pro­ces­so che mi in­cu­rio­si­sce. La so­stan­za dei li­bri vie­ne rie­la­bo­ra­ta in ba­se ad al­tre re­go­le e prio­ri­tà, e la sua na­tu­ra cam­bia. Il pri­mo se­gno di tut­to que­sto so­no pro­prio le bam­bi­ne che si pre­sen­ta­no al­le au­di­zio­ni, e che dei li­bri san­no po­co o nul­la. So­no spet­ta­tri­ci che spe­ra­no di di­ven­ta­re at­tri­ci, per gio­co o per­ché rap­pre­sen­ta una pos­si­bi­li­tà di ri­scat­to». Lei cre­de che chi cre­sce in si­tua­zio­ni dif­fi­ci­li sia più adat­to a espri­me­re lo spi­ri­to dei suoi pro­ta­go­ni­sti, o pre­fe­ri­reb­be bam­bi­ni at­to­ri con più espe­rien­za? «I bam­bi­ni at­to­ri in­ter­pre­ta­no i bam­bi­ni co­me li im­ma­gi­na­no gli adul­ti. I non pro­fes­sio­ni­sti han­no la pos­si­bi­li­tà di usci­re dal­lo ste­reo­ti­po, so­prat­tut­to se il re­gi­sta rie­sce a tro­va­re il giu­sto equi­li­brio tra real­tà e fin­zio­ne». Mol­ti di que­sti bam­bi­ni non avran­no mai sen­ti­to par­la­re dei suoi ro­man­zi, sa­ran­no più in­te­res­sa­ti al­la fa­ma te­le­vi­si­va. Lei, co­sì ri­ser­va­ta, non te­me che que­sto ca­sting pos­sa ali­men­ta­re l’os­ses­sio­ne del­la ce­le­bri­tà, og­gi con­di­vi­sa da mol­ti gio­va­ni? «A sti­mo­lar­li è il mi­to del ci­ne­ma, del­la Tv, non cer­to quel­lo del­la pa­ro­la scrit­ta. Vo­glio­no ap­pa­ri­re sul­lo scher­mo, tro­var­si al cen­tro dell’at­ten­zio­ne, di­ven­ta­re star, e non ne han­no col­pa. È l’aria che si re­spi­ra nel mon­do de­gli adul­ti, e di con­se­guen­za an­che nel lo­ro. En­tra­re a far par­te del mon­do te­le­vi­si­vo og­gi è una del­le aspi­ra­zio­ni più po­ten­ti del­le mas­se e chiun­que, in­di­gen­te o be­ne­stan­te che sia, la con­si­de­ra una straor­di­na­ria op­por­tu­ni­tà. Va­le per tut­te le clas­si so­cia­li, ric­chi e po­ve­ri, col­ti e in­col­ti». Non tro­va pe­rò che sia un’op­por­tu­ni­tà per av­vi­ci­na­re dei bam­bi­ni, mol­ti dei qua­li svan­tag­gia­ti, al­la let­tu­ra? «Spe­ro che ac­ca­da. Ma que­sti bam­bi­ni vo­glio­no en­tra­re nel mon­do del­lo spet­ta­co­lo, nient’al­tro. Il che non vuol di­re che al­cu­ni di lo­ro non sco­pra­no che tut­to è co­min­cia­to da un li­bro; che die­tro il mon­do del­lo spet­ta­co­lo, con i suoi tan­ti mec­ca­ni­smi e il suo co­spi­cuo flus­so di de­na­ro, esi­ste sem­pre, ben­ché su­bor­di­na­to, il po­te­re evo­ca­ti­vo del­la let­tu­ra e del­la scrit­tu­ra». Go­mor­ra ha of­fer­to un ri­trat­to di Na­po­li po­co lu­sin­ghie­ro. Lei che co­sa si aspet­ta da que­sta se­rie? «L’ener­gia del­le cit­tà de­ri­va dal­la den­si­tà del­la lo­ro sto­ria, dal po­te­re del­la let­te­ra­tu­ra e del­le ar­ti che pro­du­co­no, dal­la ric­chez­za emo­ti­va de­gli even­ti uma­ni che vi han­no luo­go. Spe­ro che la fic­tion pro­vo­chi emo­zio­ni au­ten­ti­che, sen­ti­men­ti com­ples­si e an­che con­trad­dit­to­ri. È que­sto che ci fa in­na­mo­ra­re di una cit­tà». Ha chie­sto di ap­pro­va­re la scel­ta del­le bam­bi­ne pri­ma che sia­no

scrit­tu­ra­te uf­fi­cial­men­te? «Mi pia­ce­reb­be espri­me­re un pa­re­re, ma lo fa­rei con pru­den­za, e sa­pen­do che sa­reb­be inu­ti­le di­re co­se co­me “Li­la non ha nul­la a che ve­de­re con que­sto cor­po, que­sta fac­cia, que­sto sguar­do, que­sto mo­do di muo­ver­si”. Nes­su­na per­so­na rea­le cor­ri­spon­de­rà mai all’im­ma­gi­ne che io o il let­to­re ab­bia­mo in men­te. Que­sto na­tu­ral­men­te per­ché la pa­ro­la scrit­ta de­fi­ni­sce, ma per na­tu­ra la­scia mol­to all’im­ma­gi­na­zio­ne del let­to­re. L’im­ma­gi­ne vi­si­va, in­ve­ce, re­strin­ge i mar­gi­ni. È de­sti­na­ta a omet­te­re sem­pre qual­co­sa che la pa­ro­la ispi­ra, qual­co­sa che ha sem­pre mol­ta im­por­tan­za». In che mi­su­ra par­te­ci­pa al­la pro­du­zio­ne? Mi han­no det­to che spe­di­sce ap­pun­ti sul­la sce­neg­gia­tu­ra, e che ha aiu­ta­to a idea­re il set nei din­tor­ni di Ca­ser­ta. Co­me se lo im­ma­gi­na? «Il quar­tie­re è un in­sie­me di luo­ghi di Na­po­li che co­no­sco be­ne. Quan­do scri­vo è sem­pre co­sì, che si trat­ti di per­so­ne o di co­se. Non so co­sa ac­ca­drà sul­lo scher­mo. Per il mo­men­to il mio con­tri­bu­to al­la sce­no­gra­fia si li­mi­ta ad al­cu­ni ap­pun­ti in cui di­co se han­no o me­no l’aspet­to giu­sto. Quan­to al­la sce­neg­gia­tu­ra, non scri­vo nul­la, non ho le ca­pa­ci­tà tec­ni­che per far­lo, ma leg­go i te­sti e man­do no­te det­ta­glia­te. Non so an­co­ra se ne ter­ran­no con­to. Pro­ba­bil­men­te le use­ran­no più avan­ti, nel­la ste­su­ra de­fi­ni­ti­va». Mi di­co­no an­che che vi­si­va­men­te lei im­ma­gi­na la se­rie co­me una fia­ba, do­ve ma­ga­ri i cat­ti­vi so­no ri­trat­ti co­me mo­stri o co­se si­mi­li. «No, il rac­con­to è rea­li­sti­co. È l’in­fan­zia a es­se­re tin­ta di ele­men­ti fan­ta­sti­ci, e sen­za dub­bio an­che Li­la. Mi aspet­to ci sia fe­del­tà ai ro­man­zi, ma com­pa­ti­bil­men­te con le esi­gen­ze del rac­con­to vi­si­vo, che sfrut­ta stru­men­ti di­ver­si per ot­te­ne­re gli stes­si ri­sul­ta­ti». Uno dei pro­dut­to­ri è Hbo. Spe­ra – o ma­ga­ri te­me – che l’adat­ta­men­to si tra­sfor­mi in un fe­no­me­no glo­ba­le, nel Tro­no di Spa­de ita­lia­no? «L’amica geniale, ahi­mè, non con­tie­ne lo stes­so ti­po di sno­di nar­ra­ti­vi».

Co­min­ce­ran­no in ago­sto le ri­pre­se te­le­vi­si­ve dell’Amica geniale, dal­la sa­ga di Elena Ferrante, con la re­gia di Sa­ve­rio Co­stan­zo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.