TOM HOLLAND DI­VEN­TA SUPEREROE

Tu­ta at­til­la­ta si lan­cia dai pa­laz­zi e pen­zo­la dai grat­ta­cie­li. A far­lo è il min­gher­li­no TOM HOLLAND, il nuo­vo Spi­der-Man che sul set si è af­fi­da­to al­le cu­re di divi tra­sfor­ma­ti in «chioc­cia». E an­che se a ca­sa mam­ma pro­va a far­gli la­va­re i piat­ti, lui gi

Vanity Fair (Italy) - - News - di MATTEO GHIDONI fo­to MICHAEL MULLER

Blue jeans e ma­gliet­ta chiara, Tom Holland se ne sta se­du­to su una pan­chi­na. Ac­can­to a lui, una bot­ti­gliet­ta d’ac­qua, gli oc­chia­li da sole e le chia­vi del­la mac­chi­na che si è po­tu­to per­met­te­re ora che sta per di­ven­ta­re una star. Gio­ca con il cel­lu­la­re, in un so­leg­gia­to po­me­rig­gio ca­li­for­nia­no. Si emo­zio­na co­me si trat­tas­se di un pez­zo d’an­ti­qua­ria­to quan­do ve­de l’iPod na­no con cui re­gi­stre­rò l’in­ter­vi­sta. «Ehi, que­sto è sta­to il mio pri­mo iPod!». Sor­ri­de e si pre­sen­ta co­me fa­reb­be uno sco­no­sciu­to, il to­no en­tu­sia­sta e l’ac­cen­to mar­ca­ta­men­te bri­tan­ni­co. 21 an­ni, orec­chie a sven­to­la, na­to a King­ston upon Tha­mes: Tom ha l’aspet­to del com­pa­gno di scuo­la. A guar­dar­lo, vie­ne da chie­der­si co­me sia pos­si­bi­le che pro­prio a lui sia sta­ta af­fi­da­ta la par­te dell’Uo­mo Ra­gno in Spi­der-Man: Ho­me­co­ming, che usci­rà in Ita­lia il 6 lu­glio. «Da gran­di po­te­ri de­ri­va­no gran­di re­spon­sa­bi­li­tà» è uno dei mot­ti ri­cor­ren­ti nel­le stri­sce del fu­met­to crea­to da Stan Lee. Holland lo sa be­ne. Ne ha avu­to un as­sag­gio quan­do ha in­dos­sa­to la tu­ti­na di Spi­der-Man in Cap­tain Ame­ri­ca: Ci­vil War, ma ora si fa sul se­rio. «Do­po me­si di pro­vi­ni, quan­do mi han­no da­to la par­te so­no pas­sa­to dal sen­tir­mi il re del mon­do ad av­ver­ti­re tut­ta la pres­sio­ne pos­si­bi­le». Lo ha sal­va­to un con­si­glio dell’in­se­gnan­te di re­ci­ta­zio­ne: quan­do ti sen­ti ner­vo­so, tra­sfor­ma la tua an­sia in en­tu­sia­smo. «Ec­co, ora lo pos­so di­re: so­no mol­to en­tu­sia­sta per que­sto ruo­lo». Le os­sa se le è fat­te sul pal­co del Vic­to­ria Pa­la­ce Thea­ter di Lon­dra, do­ve per an­ni ha mes­so in sce­na la ver­sio­ne tea­tra­le di Bil­ly El­liot. Fi­glio di una fo­to­gra­fa e di un au­to­re di com­me­die, Tom è in­fat­ti an­che un ap­prez­za­to bal­le­ri­no. Pu­re i suoi tre fra­tel­li – i ge­mel­li Sam e Har­ry, e il pic­co­lo Pad­dy – re­ci­ta­no. Pad­dy è il pro­ta­go­ni­sta di un de­li­zio­so cor­to, di­ret­to da Tom, dal ti­to­lo Tweet, vi­si­bi­le su YouTu­be.

Che co­sa di­co­no i suoi? So­no or­go­glio­si? «So­no ve­nu­ti a tro­var­mi sul set di­ver­se vol­te, sem­pre in gior­na­te tran­quil­le. Di­ce­va­no che non fa­ce­vo nien­te. In­ve­ce, ne­gli al­tri gior­ni pen­zo­la­vo da fi­li, mi ar­ram­pi­ca­vo su pa­laz­zi, vo­la­vo fra grat­ta­cie­li. Una vol­ta so­no do­vu­to sal­ta­re da un im­pian­to di aria con­di­zio­na­ta al­to 7 me­tri e mez­zo, al buio, in mez­zo al­la cit­tà. Non po­te­vo ve­de­re giù per­ché c’era neb­bia. È sta­to spa­ven­to­so, ma per i miei fa­ce­vo il me­stie­re più facile del mon­do. Co­sì quan­do tor­na­vo a ca­sa, a Lon­dra, mi fa­ce­va­no la­vo­ra­re». Che co­sa le toc­ca­va fa­re? «Do­ve­vo la­va­re i piat­ti e ri­met­te­re a po­sto la stan­za. Non ne ho sem­pre vo­glia, pre­fe­ri­sco guar­da­re le Tv o sta­re su In­ter­net». A Los An­ge­les con chi vi­ve? «Con il mio mi­glio­re ami­co: con­ti­nuia­mo a li­ti­ga­re, co­me quan­do era­va­mo bam­bi­ni». Ci di­ca del­la tu­ti­na di Spi­der-Man. «È sta­to co­me la­vo­ra­re nu­do da­van­ti a de­ci­ne di per­so­ne. Ci ho mes­so un po’ ad abi­tuar­mi. Il pri­mo gior­no è sta­to il più dif­fi­ci­le: non ave­vo ca­pi­to co­me met­te­re e to­glie­re la tu­ta, co­sì non so­no an­da­to in ba­gno fi­no a se­ra. La tu­ta non è co­mo­da ma mi è ba­sta­to ve­de­re gli oc­chi di mio fra­tel­lo pic­co­lo per su­pe­ra­re tut­te le dif­fi­col­tà… an­che se all’ini­zio non ci ve­de­vo pro­prio». In che sen­so? «Con la pri­ma tu­ta non ve­de­vo nep­pu­re le mie ma­ni, e in­ve­ce mi chie­de­va­no di sal­ta­re da un pa­laz­zo e at­ter­ra­re in un bu­co». Nel film Peter Parker ha 15 an­ni, men­tre lei ne ha 21. «Co­me tut­ti gli Holland, so­no me­no svi­lup­pa­to dei miei coe­ta­nei, an­che se ne­gli ul­ti­mi due an­ni so­no ma­tu­ra­to pa­rec­chio, dal pun­to di vi­sta uma­no e pro­fes­sio­na­le. Per cer­ti ver­si pe­rò mi sen­to an­co­ra un quin­di­cen­ne». Per met­ter su muscoli si è al­le­na­to mol­to? «Sì. Ma la co­sa più dif­fi­ci­le è sta­ta riu­sci­re a man­te­ne­re la sta­bi­li­tà quan­do pen­zo­la­vo a te­sta in giù. Il pro­ble­ma è che il se­de­re pe­sa più del­la te­sta. Pe­rò è mol­to me­glio al­le­nar­si per la­vo­ro che far­lo per es­se­re fi­go al mare». Peter Parker le as­so­mi­glia? «Cer­to, co­me a tan­ti. A chi non è ca­pi­ta­to di sen­tir­si po­co ac­cet­ta­ti o di non es­se­re am­mes­si nel­la squadra del­la scuo­la?». È ve­ro che per pre­pa­rar­si è tor­na­to a scuo­la, a New York? «Sì, sot­to fal­sa iden­ti­tà. Mi chia­ma­vo Ben Parker!». Si era già di­men­ti­ca­to com’era quan­do stu­dia­va? «Vo­le­vo spe­ri­men­ta­re gli isti­tu­ti ame­ri­ca­ni, le scuo­le a Lon­dra so­no mol­to di­ver­se, s’in­dos­sa un’uni­for­me e a me non era mai ca­pi­ta­to di se­de­re ac­can­to a ra­gaz­ze, du­ran­te le le­zio­ni. A New York in­ve­ce ho fre­quen­ta­to una scuo­la del Bro­nx». È ve­ro che Ch­ris Hem­swor­th, con cui ha la­vo­ra­to in Heart of the Sea - Le ori­gi­ni di Mo­by Dick, l’ha aiu­ta­ta a ot­te­ne­re la par­te? «Sì. Gli ho man­da­to una mail per chie­de­re se po­te­va dar­mi una ma­no e lui mi ha ri­spo­sto: “Senz’al­tro. Rac­con­to di co­me sei sem­pre in ri­tar­do e non ri­cor­di mai una bat­tu­ta che sia una”. Gra­zie Ch­ris!». Co­me è sta­to la­vo­ra­re con Ro­bert Do­w­ney Jr. e Michael Kea­ton? «Du­ran­te le ri­pre­se mi so­no am­ma­la­to per­ché viag­gia­vo pa­rec­chio. Fa­ce­vo an­che due o tre vo­li da Lon­dra agli Sta­tes ogni set­ti­ma­na. Ro­bert Do­w­ney Jr. si è pre­so cura di me co­me una chioc­cia, mi ha da­to le me­di­ci­ne e pre­pa­ra­to be­van­de vi­ta­mi­ni­che per far­mi gua­ri­re: l’ho so­pran­no­mi­na­to Doc­tor Do­w­ney. An­co­ra og­gi, è una del­le per­so­ne che chia­mo quan­do mi sen­to in dif­fi­col­tà. Kea­ton in­ve­ce mi ha da­to il con­si­glio mi­glio­re sul set. Mi ha sug­ge­ri­to di non col­pi­re i mal­vi­ven­ti sul vi­so du­ran­te le sce­ne di com­bat­ti­men­to: un supereroe che sol­le­va una mac­chi­na con due di­ta non de­ve con­fron­tar­si al­la pa­ri con un cri­mi­na­le nor­ma­le, nel­la real­tà lo uc­ci­de­reb­be con un col­po». Ha par­la­to an­che con i due at­to­ri che han­no in­ter­pre­ta­to l’Uo­mo Ra­gno pri­ma di lei? «Cer­to, li ho sem­pre vi­sti co­me due esem­pi per me. Ho par­la­to sia con To­bey Ma­gui­re che con An­drew Gar­field, è sta­to uti­lis­si­mo, un pas­sag­gio del te­sti­mo­ne che mi è ser­vi­to a ca­pi­re me­glio il mon­do di Spi­der-Man». In fu­tu­ro, che per­so­nag­gio le pia­ce­reb­be in­ter­pre­ta­re? «Ja­mes Bond. Ho già chie­sto al mio agen­te di in­for­mar­si».

TEM­PO DI LET­TU­RA PREVISTO: 7 MI­NU­TI

Pagg. 56-57: giac­ca di de­nim, Si­mon Mil­ler. T-shirt, Ur­ban Out­fit­ters.

SALVARE IL MON­DO Holland nel­la sco­mo­da tu­ta di Spi­der-Man, che nel film di­ret­to da Jon Watts ha 15 an­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.