Bi­joux par­lan­ti

De­si­de­ri, in­quie­tu­di­ni, pic­co­li indizi: quan­do un’ar­ti­sta in­dos­sa un gio­iel­lo c’è sem­pre un se­gno da co­glie­re. Che si ri­flet­te nel suo la­vo­ro

Vanity Fair (Italy) - - Sommario - di Fran­ce­sco Bo­na­mi

Da Cin­dy Sher­man a To­ny Gum: che co­sa di­co­no i gio­iel­li dell’ar­ti­sta che li in­dos­sa

Il mon­do dell’ar­te mo­der­na e con­tem­po­ra­nea è sem­pre sta­to un mon­do di ma­schiac­ci ma­le­det­ti. Per far­si stra­da le don­ne han­no do­vu­to but­ta­re giù boc­co­ni ama­ri. Le ar­ti­ste che pe­rò han­no avu­to più suc­ces­so so­no sta­te quel­le che han­no ab­brac­cia­to la pro­pria fem­mi­ni­li­tà sen­za com­pro­mes­si, fre­gan­do­se­ne se il ma­cho di tur­no, col­le­ga ar­ti­sta, gal­le­ri­sta o di­ret­to­re di mu­seo si per­met­te­va­no di fa­re com­men­ti da ca­mio­ni­sti in un sen­so o in un al­tro. Co­sì, se il ma­schio ha sem­pre sot­to­li­nea­to la pro­pria crea­ti­vi­tà osten­tan­do una si­ga­ret­ta fra le lab­bra o im­pu­gnan­do un bic­chie­re di qual­che su­pe­ral­co­li­co, la don­na ar­ti­sta, co­me sem­pre più si­cu­ra del fat­to suo a di­spet­to del­la sto­ria e de­gli uo­mi­ni, non ha avu­to ne­ces­si­tà di mo­stra­re i pe­li sul­le gam­be o sot­to le ascel­le, ma ha ada­to spes­so la pro­pria iden­ti­tà a un’al­tra for­ma d’ar­te, il gio­iel­lo, con il qua­le ha crea­to una com­pli­ci­tà che ha sem­pre par­la­to da so­la. Ognu­na del­le ar­ti­ste del­le qua­li par­le­rò ha con il gio­iel­lo un rap­por­to che riet­te an­che il suo mo­do di in­ten­de­re e crea­re la pro­pria ar­te. Chi co­no­sce già le lo­ro ope­re tro­ve­rà una sin­to­nia con il lo­ro gio­iel­lo, chi in­ve­ce le in­con­tre­rà per la pri­ma vol­ta sco­pri­rà nel mo­ni­le un in­di­zio di quel­lo che poi sco­pri­rà nel­la lo­ro ar­te. Pren­dia­mo per pri­ma la giap­po­ne­se Yayoi Kusama, che con i suoi spa­zi psi­che­de­li­ci e i suoi pois crea pro­fon­di­tà inim­ma­gi­na­bi­li do­ve lo spet­ta­to­re può tu‚ar­si emo­ti­va­men­te. La sua col­la­na di sfe­re non è al­tro che la tra­sfor­ma­zio­ne a tre di­men­sio­ni dei suoi pois de­pu­ra­ti del co­lo­re per ap­pro­da­re all’au­ste­ri­tà di un’eleganza che Kusama vuo­le met­te­re a con­tra­sto con la sua al­tri­men­ti fol­le re­pu­ta­zio­ne. L’anel­lo di Tracey Emin è mi­nac­cio­so

co­me mi­nac­cio­sa è a vol­te la sua ar­te. Po­treb­be aprir­si e fa­re usci­re una po­zio­ne ve­le­no­sa op­pu­re rac­chiu­de­re un ve­sti­to per tra­sfor­ma­re l’ar­ti­sta in un su­per eroe. Né pre­ten­zio­so né ap­pa­ren­te­men­te trop­po pre­zio­so è mol­to se­xy e mol­to mi­ste­rio­so, co­me un po’ tut­ta l’ar­te di que­sta ex ri­bel­le dell’ar­te bri­tan­ni­ca. La col­la­na e gli orec­chi­ni di Shi­rin Ne­shat, re­gi­sta e fo­to­gra­fa di ori­gi­ni ira­nia­ne, espri­mo­no be­nis­si­mo la co­ra­li­tà del suo mo­do di la­vo­ra­re che coin­vol­ge mil­le vo­ci e mil­le sguar­di di­ver­si per rac­con­ta­re la com­ples­si­tà del­la pro­pria cul­tu­ra e del­le sue ra­di­ci. Sam Tay­lor John­son, an­che lei re­gi­sta e ar­ti­sta vi­si­va co­me la Ne­shat, è pe­rò esat­ta­men­te l’op­po­sto di lei, sia nel­la sua ar­te co­me nel­la scel­ta dei suoi gio­iel­li, si­len­zio­si e in­ti­mi­sti. Più che del­le sue ori­gi­ni pro­le­ta­rie in­gle­si, vuo­le rac­con­ta­re pro­prio quel­le sfu­ma­tu­re di gri­gio del suo €lm più di suc­ces­so, che poi so­no le sfu­ma­tu­re emo­ti­ve e in­te­rio­ri dell’ani­mo uma­no. Re­tro­ce­den­do di una ge­ne­ra­zio­ne, è sor­pren­den­te l’eleganza e la leg­ge­rez­za di Ni­ki de Saint Phal­le ri­spet­to al­le sue mas­sic­ce e co­lo­ra­tis­si­me scul­tu­re. I suoi gio­iel­li si ve­dreb­be­ro

più a una Gra­ce Kel­ly in un film di Hit­ch­cock che ad­dos­so a una del­le più vi­va­ci scul­tri­ci del do­po­guer­ra. Non ci so­no in­ve­ce equi­vo­ci quan­do ci tro­via­mo di fron­te Louise Nevelson: la sua col­la­na ha la stes­sa si­ci­tà del­le sue scul­tu­re col­la­ge di le­gno nero o bian­co, ora­mai di­ven­ta­te un clas­si­co del­la sto­ria dell’ar­te mo­der­na e con­tem­po­ra­nea. Lau­rie Sim­mons, ar­ti­sta che vi­ve di lu­ce ri es­sa per il suc­ces­so del­la glia – la fa­mo­sis­si­ma Le­na Du­n­ham au­tri­ce del­la se­rie te­le­vi­si­va Girls –, in­dos­sa un gio­iel­lo che sem­bra sem­pli­ce ma in real­tà è com­pli­ca­to co­me la sua ar­te, che con­si­ste in fo­to di per­so­ne con gli oc­chi mo­dica­ti di­gi­tal­men­te che pe­rò a pri­ma vi­sta sem­bra­no nor­ma­li, men­tre in­ve­ce guar­da­ti con at­ten­zio­ne na­scon­do­no in­quie­tu­di­ne, pro­prio co­me il suo brac­cia­let­to ele­gan­tis­si­mo ma in­quie­to. Vi­va­ci, leg­ge­ri e sem­pli­ci so­no in­ve­ce i gio­iel­li di Ki­ki Smi­th, co­me d’al­tron­de so­no le sue scul­tu­re, e i suoi di­se­gni che ri­chia­ma­no sia il mon­do del­le abe sia le sue pau­re e an­go­sce, che pe­rò qua­si sem­pre si ri­sol­vo­no al­le­gra­men­te. Co­me una del­le sue con­chi­glie di­pin­te o co­me un mo­ni­le di una tri­bù dei na­ti­vi ame­ri­ca­ni è in­ve­ce il gio­iel­lo del­la grande si­gno­ra de­gli al­to­pia­ni del New Me­xi­co, la pit­tri­ce Geor­gia O’Kee‹e, ma po­treb­be es­se­re an­che un pic­co­lo ber­sa­glio, vi­sto che lei non di­sde­gna­va di spa­ra­re con la ca­ra­bi­na e pa­re con un’ot­ti­ma mi­ra. An­che Fri­da Ka­hlo, fre­quen­ta­tri­ce di ar­ti­sti ri­vo­lu­zio­na­ri e san­gui­gni, non di­sde­gna­va le ar­mi da fuo­co, ma la sua pit­tu­ra era me­no ario­sa e più car­na­le di quel­la del­la O’Kee‹e. Il mo­ni­le d’ar­gen­to al cen­tro del­la la di per­le di co­ral­lo ha qual­co­sa di ana­to­mi­co, un’ova­ia. Fri­da in­fat­ti nel­la sua ar­te rac­con­ta­va il de­si­de­rio e il dram­ma del­la ma­ter­ni­tà man­ca­ta. La fo­to­gra­fa Cin­dy Sher­man non sem­bra ave­re pro­ble­mi d’iden­ti­tà. Quan­do ha bi­so­gno di sen­tir­si un’al­tra per­so­na non fa al­tro che in­dos­sar­ne gli abi­ti e fo­to­gra­far­si, co­sì i gio­iel­li che por­ta non so­no mai quel­li che sce­glie­reb­be lei, ma quel­li che sce­glie­reb­be l’al­tra per­so­na, ma­ga­ri una di­va de­gli an­ni Ven­ti con gio­iel­li Art Dé­co. Marina Abra­mo­vi´c sa in­ve­ce per­fet­ta­men­te chi è e non ha in­ten­zio­ne di scam­bia­re la pro­pria iden­ti­tà con nes­su­no. Il suo non è un gio­iel­lo, ma una ve­ra e pro­pria ono­ricen­za, che co­me tut­ta la sua ar­te ce­le­bra la glo­ria dell’Ego. Un’al­tra ar­ti­sta che non era cer­to in­si­cu­ra di sé è Ta­ma­ra de Lem­pic­ka. I suoi qua­dri sem­bra­no già dei gio­iel­li in­ca­sto­na­ti di pie­tre pre­zio­se. An­che se lei era più de­li­ca­ta e so­bria del­la sua ar­te, com­pre­si i gio­iel­li stes­si,

clas­si­ci e po­co ap­pa­ri­scen­ti. Fra le ar­ti­ste più gio­va­ni, il gio­iel­lo è un ac­ces­so­rio si­cu­ra­men­te me­no fon­da­men­ta­le, più in­te­res­sa­te co­me so­no ai te­mi dell’at­tua­li­tà che al­lo sti­le. Per esem­pio, tut­ta l’ar­te del­la fran­ce­se Pru­ne Nour­ry è fo­ca­liz­za­ta sui pro­ble­mi del­la ge­ne­ti­ca e del­le mu­ta­zio­ni uma­ne. I suoi brac­cia­let­ti sem­bra­no es­se­re più un ac­cu­mu­lo di ri­cor­di ed espe­rien­ze che un’in­dul­gen­za al­la mo­da o al lusso. An­che per Sarah Meyo­has il gio­iel­lo è so­lo un pic­co­lo se­gno, un orec­chi­no che sem­bra una ghian­da, co­me an­che la sua ar­te è fat­ta di sem­pli­ci se­gni o pe­ta­li di ro­sa leg­ger­men­te ada­gia­ti nel­lo spa­zio. Ra­dio­so è in­ve­ce l’orec­chi­no del­la su­da­fri­ca­na To­ny Gum, co­me pu­re la sua ar­te che a€ron­ta luo­ghi co­mu­ni e raz­zi­smo con una vi­ta­li­tà ec­ce­zio­na­le pren­den­do in gi­ro nel­le sue fo­to ico­ne del­la cul­tu­ra, dell’ar­te e del­la mo­da del mon­do oc­ci­den­ta­le. An­che se a€ron­ta gli stes­si te­mi del­la col­le­ga afri­ca­na è mol­to più se­rio l’ap­proc­cio di Ba­see­ra Khan, che sca­va nel­le pro­prie ra­di­ci e nel­le di­sfun­zio­ni del­la so­cie­tà in­dia­na. Dai de­li­ca­ti orec­chi­ni e dal­la col­la­na si per­ce­pi­sco­no la no­stal­gia e la ma­lin­co­nia di chi ha scel­to un vo­lon­ta­rio esi­lio lon­ta­no dal­le pro­prie ori­gi­ni. Co­mun­que tut­te que­ste ar­ti­ste sem­bra­no ri­pe­te­re nel­la lo­ro ar­te e nel­la lo­ro scel­ta di gio­iel­li quel­lo che di­ce­va la grande scrit­tri­ce Ger­tru­de Stein: «La­scia­mi ascol­ta­re me stes­sa e non lo­ro».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.