Pic­co­li scri­gni

Un’es­sen­za pro­fu­ma­ta, una fo­to sbia­di­ta, una let­te­ra. In pas­sa­to era­no que­sti i te­so­ri na­sco­sti nei loc­ket, i me­da­glio­ni pen­sa­ti per con­te­ne­re og­get­ti ca­ri. Che ri­tor­na­no og­gi, co­me sim­bo­li di in­di­pen­den­za

Vanity Fair (Italy) - - Sommario - di Cri­sti­na Man­fre­di

Cu­sto­di­sco­no ri­cor­di di ogni ge­ne­re: i loc­ket piac­cio­no og­gi co­me ie­ri

Chiu­de­te gli oc­chi e pro­va­te a pas­sa­re in ras­se­gna i vo­stri gio­iel­li di fa­mi­glia. Non im­por­ta che ci sia­no ma­xi bril­lan­ti o ca­po­la­vo­ri di ore ce­ria, con­cen­tra­te­vi piut­to­sto sui pez­zi ap­par­te­nu­ti a non­ne, o per i gio­va­ni, bi­snon­ne. Scom­met­tia­mo che lì in mez­zo ci tro­va­te al­me­no un me­da­glio­ne di quel­li che si apro­no per ri­ve­la­re un con­te­nu­to più o me­no se­gre­to e cu­sto­di­to nel tem­po? In ita­lia­no non c’è una pa­ro­la spe­ci ca che in­di­chi quel ti­po di og­get­to, gli in­gle­si li chia­ma­no loc­ket e so­no un ever­green del­la gio­iel­le­ria, pre­po­ten­te­men­te in vo­ga dal­la ne del XVII se­co­lo, pre­ce­du­ti da ac­ces­so­ri di pre­sti­gio che in qual­che mo­do ne an­ti­ci­pa­va­no le fun­zio­ni.

C’è un ri­trat­to di Ma­ria Tu­dor, la san­gui­na­ria so­rel­la­stra di Elisabetta I, di­pin­to nel 1554 da Hans Ewor­th. Gli oc­chi di so­li­to so­no pun­ta­ti su La Pe­re­gri­na, una del­le più fa­mo­se per­le del­la sto­ria, ap­pun­ta­ta al pet­to e ar­ri­va­ta nel 1969 al col­lo di Eli­za­be­th Tay­lor co­me re­ga­lo di Ri­chard Bur­ton. Ab­bas­san­do lo sguar­do al cen­tro del­la gon­na, se ne sta in bel­la mo­stra un po­man­der, con­te­ni­to­re ric­ca­men­te la­vo­ra­to per ac­co­glie­re es­sen­ze da por­tar­si al na­so, nel ca­so (mol­to fre­quen­te all’epo­ca) di es­se­re in­ve­sti­ti da ter­ri­bi­li olez­zi. Gros­so mo­do nel gi­ro di un se­co­lo di­la­ga la mo­da di far rea­liz­za­re ai ma­stri ora‰ del tem­po del­le evo­lu­zio­ni di quel­le sca­to­let­te pre­zio­se, cion­do­li per il col­lo, ma an­che anel­li a scat­to do­ve ri­por­re qual­co­sa di mol­to ca­ro. Mi­nia­tu­re di vol­ti ama­ti, gra­nel­li del­la ter­ra d’ori­gi­ne, let­te­re se­gre­te, per non par­la­re del­la mol­to po­co rac­co­man­da­bi­le abi­tu­di­ne di met­ter­ci del ve­le­no da usa­re all’oc­cor­ren­za. In Oc­ci­den­te il loc­ket ha at­tra­ver­sa­to la sto­ria a for­tu­ne al­ter­ne. Giu­sto per fa­re un esem­pio ce­le­bre, al Bri­ti­sh Mu­seum di Lon­dra c’è un pen­da­glio a for­ma di cuo­re con un ciuŽo ap­par­te­nu­to a Ma­ria An­to­niet­ta, fer­ma­to da un luc­chet­to chiu­so da una mi­cro­sco­pi­ca chia­ve. Poi a ini­zio No­ve­cen­to l’abi­tu­di­ne si per­de un po’, si tra­sfor­ma più che al­tro in un de­si­de­rio di nic­chia per gli ap­pas­sio­na­ti, la­scian­do tut­ti gli al­tri a im­bo­sca­re nei cas­set­ti i cion­do­li ere­di­ta­ti al cui in­ter­no ri­po­sa una sto­ria. Ci vo­le­va­no for­se an­ni di“ci­li, co­me quel­li che stia­mo vi­ven­do, per ri­por­ta­re al­la lu­ce que­sto rap­por­to co­sì stret­to tra me­mo­ria e gio­iel­le­ria. Di­ge­ri­ta la co­stu­me jewel­le­ry de­gli an­ni ’50 fat­ta di bi­joux me­ra­vi­glio­si quan­to quel­li ve­ri, i mo­ni­li fric­chet­to­ni de­gli an­ni ’70, le ma­cro gio­ie in sti­le Eighties e il mi­ni­ma­li­smo di rišus­so dell’epo­ca suc­ces­si­va, ci ri­tro­via­mo og­gi di fron­te a un pro­fon­do ri­pen­sa­men­to del mo­do in cui ci ador­nia­mo. Un anel­lo, un brac­cia­le, un col­lier li in­dos­sia­mo più per noi stes­si che per gli al­tri. Ci siamo la­scia­ti al­le spal­le la vo­glia di sfog­gia­re, di ri­ba­di­re il no­stro sta­tus in ba­se a quan­ti ca­ra­ti ab­bia­mo al di­to. An­dia­mo sem­pre più al­la ri­cer­ca di pez­zi a cui ac­com­pa­gnar­ci nel tem­po, mo­ni­li il cui va­lo­re va al di là del prez­zo. I gio­iel­li co­me amu­le­ti esi­sto­no ‰n dal­le cul­tu­re pri­mi­ti­ve, la diŽeren­za nel 2017 sta nel cri­te­rio con cui at­tri­buia­mo lo­ro po­te­re. Un anel­lo è pre­zio­so per la sto­ria a cui lo as­so­cia­mo e sen­tia­mo sem­pre più spes­so l’esi­gen­za di con­cre­tiz­za­re quel­la sto­ria rac­chiu­den­do­ne al­me­no un pez­zet­to. Loc­ket e din­tor­ni di­ven­ta­no quin­di stru­men­to pri­vi­le­gia­to per pro­teg­ge­re e ri­chia­ma­re le no­stre emo­zio­ni. So­prat­tut­to si è am­plia­ta la ti­po­lo­gia di quel­lo che ci pre­me te­ne­re a men­te. Il grande amo­re o il tri­stis­si­mo lut­to so­no so­lo le più clas­si­che del­le pos­si­bi­li­tà. Le don­ne han­no pre­so l’abi­tu­di­ne di ce­le­bra­re da sole pic­co­li e gran­di tra­guar­di, in un’ac­ce­zio­ne positiva, co­me pri­ma non si era mai vi­sta in fat­to di loc­ket. Una di­chia­ra­zio­ne di in­di­pen­den­za che sta den­tro un cion­do­lo.

Tay­lor Swift con il suo loc­ket.

So­pra, i Daft Punk: ca­sco e cion­do­lo. A de­stra, Brad Pitt a Los An­ge­les nel 2010.

La can­tan­te jazz Kay Starr nel 1945 con un loc­ket a cuo­re. An­che Drew Bar­ry­mo­re ne ha una pas­sio­ne. Il ri­trat­to di Ma­ria Tu­dor del 1554 con il po­man­der, por­ta es­sen­ze an­te­si­gna­no dei loc­ket.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.